Periodico di Inchieste

Voto per posta in Usa, Fbi e Polizia al lavoro sui “voti spariti” in Pennsylvania


Su richiesta del procuratore della contea di Luzerne Salavantis, l’Ufficio del procuratore degli Stati Uniti insieme al Federal Bureau of Investigation ha avviato un’indagine sulle segnalazioni di potenziali problemi con alcune schede elettorali



Immagine Ian Britton

Su richiesta del procuratore distrettuale della contea di Luzerne Stefanie Salavantis, l’Ufficio del procuratore degli Stati Uniti insieme al Federal Bureau of Investigation (Fbi) ha avviato un’indagine sulle segnalazioni di potenziali problemi con un piccolo numero di schede elettorali per corrispondenza presso il consiglio elettorale di Luzerne County. Lo rende noto il sito Breaking 911.


La Contea della Pennsylvania, assieme agli altri “Swing States“, è considerata da sempre come una sorta di termometro nell’ambito delle presidenziali. E’ per questo che la controversia e la sparizione di determinati voti (proprio quelli dei militari, considerati cruciali) assume un sapore particolare nell’ambito del duello tra Donald Trump e “sleepy” Joe Biden, già travolto dagli scandali che riguardano i democratici che il mainstream tenta di nascondere.


Da lunedì – fanno sapere i federali – il personale dell’FBI che lavora insieme alla Polizia di Stato della Pennsylvania ha condotto numerose interviste e ha recuperato e esaminato alcune prove fisiche. I funzionari elettorali nella contea di Luzerne sono stati cooperativi. A questo punto possiamo confermare che un piccolo numero di schede militari è stato scartato. Gli investigatori hanno recuperato nove schede in questo momento. Alcuni di questi voti possono essere attribuiti a elettori specifici e altri no. Tutti e nove i voti sono stati espressi per il candidato alla presidenza Donald Trump“.


“La nostra indagine rimane in corso e ci aspettiamo di condividere le nostre scoperte aggiornate con i funzionari della Contea di Luzerne più tardi oggi. È dovere vitale del governo garantire che ogni voto espresso correttamente sia conteggiato“, hanno concluso gli inquirenti statunitensi.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto (inviolabile) dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), circolare, riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm e dalle ordinanze – per gravi, documentati e passeggeri motivi. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.