Annunci

Patto per il Lavoro, come si stipula e a chi è rivolto

Situazione familiare, età anagrafica e assenza di disoccupazione i fattori valutati

Assodati i criteri per la richiesta e l’utilizzo del Reddito di cittadinanza ma anche i fattori che ne determinano la perdita, è necessario un focus sul patto per il Lavoro. Che non è altro che la dichiarazione che il beneficiario stipula con l’ente preposto per far sapere che è disponibile ad intraprendere le attività lavorative preposte.


La persona che ha bisogno di usufruire del reddito, viene convocata entro 30 giorni dal riconoscimento. A quel punto viene valutato se nel nucleo familiare almeno uno dei componenti abbia:
1) sottoscritto negli ultimi due anni un Patto di servizio ancora valido presso i Centri per ‘impiego;
2) assenza di occupazione da non più di due anni;
3) un’età inferiore a 26 anni;
4) usufruisca o abbia usufruito di altri ammortizzatori sociali (Naspi compresa).


Annunci

Dopo la convocazione, il beneficiario è chiamato ad accettare almeno una delle tre offerte di lavoro congrue. A questo proposito viene valutata la coerenza tra l’offerta di lavoro e le esperienze lavorative dell’interessato o interessata, la distanza dal proprio domicilio e la durata dello stato di disoccupazione. Nel primo anno è “congrua” l’offerta che sia entro i 100 chilometri di distanza, nel caso della seconda offerta i chilometri salgono a 250. La terza offerta può, invece, essere collocata ovunque nel territorio nazionale.


Fino al 31 dicembre del 2021, inoltre, i sottoscrittori del Patto per il lavoro che hanno ottenuto le credenziali di accesso per la piattaforma tecnologica, ottengono l’assegno di ricollocazione da spendere presso i Centri per l’impiego o presso i soggetti accreditati per ottenere un servizio di assistenza intensiva nella ricerca del lavoro.


Annunci

Annunci
Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.