Vaccini ai minori, Occhiuto: I militari mobilitati per le scuole


Forze Armate per garantire una copertura in linea con le richieste del governo. Il tema della vaccinazione in età pediatrica, intanto, rimane controverso. I contatti costanti col generale che voleva “vaccinare chi passa”, tre ambulatori mobili schierati e la conferenza stampa con i militari relatori



Chi sperava in un cambio di rotta in Calabria si deve già ricredere, anche in tema di Sanità. Il neo-governatore forzista Roberto Occhiuto avrebbe dovuto mantenere la delega esclusiva sulla Sanità, ma ben presto è arrivato il “sub-commissario” Bortoletti. Doveva ridare la Calabria ai calabresi, ma il contatto con Roma – dicono i critici – non viene interrotto neppure per cinque minuti al giorno, per usare un’iperbole. Segno di quella che alcuni dipingono come una scarsa autonomia decisionale. Sia vero o no, quel che è certo è che Occhiuto era trasversalmente guardato di buon occhio per i propositi di moderatezza, e per una pacatezza che avrebbe dovuto caratterizzare anche la gestione covid, checché ne dicessero Berlusconi o la Ronzulli. Invece no. Nonostante i numeri più che confortanti e l’incremento dei posti di terapia intensiva promosso dallo stesso presidente di Regione, ora si parla di vaccinazioni sui giovani e giovanissimi, da promuovere addirittura nei locali scolastici con l’ausilio delle unità mobili dell’Esercito. “Ci saranno i militari per le dosi nelle scuole” e i militari, del resto, già partecipano alle conferenze stampa promosse dalla Regione (come è accaduto oggi) in uno scenario che ricorda un po’ i modi di fare di alcuni Paesi dell’America Latina.


Ovviamente, per vaccinare i minorenni serve il consenso da parte dei genitori, e per vaccinare gli adulti è necessario che questi firmano volontariamente e in maniera convinta – senza costrizione e pressione alcuna – il consenso informato. Ma gli episodi e i tentativi costituiscono comunque il segno più diretto dell’influenza che il generale che voleva “vaccinare chi passa” e il suo presidio militare schierato in Calabria stanno mietendo su un governatore che – in fondo – pur essendo ex deputato e politico navigato è pur sempre alle prime armi in tema di governo di una Regione, dunque probabilmente per il momento più propenso ad accettare i diktat provenienti dall’esterno. Il risultato? Altro che moderatezza: la stampa locale parla di “portare il siero direttamente nelle scuole e – addirittura – nelle case”, non è chiaro con quali modalità. Un primo scivolone che ricorda un po’ quello del sindaco di San Bassano, che per troppo zelo è incorso in tutta una serie di violazioni della Privacy e finanche di violazioni di diritti costituzionalmente garantiti.


Intanto i pareri provenienti dalla comunità scientifica sulle somministrazioni dei preparati genici sui giovanissimi continuano ad essere assolutamente discordanti. Crisanti, per esempio, sconsiglia i vaccini nella fascia pediatrica che va dai cinque agli undici anni, e il ben più autorevole Giulio Tarro afferma che addirittura non ci sia alcuna utilità a vaccinare i bambini, che considera – se sani – naturalmente immuni, in forza delle difese immunitarie molto alte che caratterizzano i giovanissimi in salute (si legga la nostra intervista, interessante e rassicurante anche per quello che riguarda le varianti che si agitano nuovamente a destra e a manca). I preparati proposti, inoltre, è assodato che non mettano al riparo da un contagio cui, eventualmente, si può correre tranquillamente al riparo tramite le cure. Perché dunque rischiare gli eventi avversi e addirittura i decessi nei giovanissimi – che, per ammissione dello stesso ministro della Salute, esistono – senza considerare il rapporto rischi/beneficio? Il caso di Camilla Canepa, la giovane di Genova deceduta per una trombosi cerebrale post-vaccino, purtroppo, è ancora fresco.


0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 4 votes
Article Rating

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.