Stipendi ridotti per oltre la metà dei romani e disoccupazione diffusa. Il rapporto che fotografa il disastro post virus


A trovarsi con il portafogli più leggero è il 73,5% della popolazione residente nella Capitale. Per il 39,3% non ci sono più somme da parte su cui contare e, addirittura, oltre la metà dei censiti (il 57,3%) si trova senza lavoro



Risparmi finiti, disoccupazione e stipendi dimezzati. E’ il rapporto impietoso della Fondazione Unicampus San Pellegrino promosso dall’Amministrazione Capitolina sulle “nuove povertà”. Quasi un’autocritica, che restituisce uno spaccato di depressione economica e di sussistenza che non può che destare preoccupazioni. Nel dettaglio, stando ai dati ripresi da Ansa a trovarsi con il portafogli più leggero è il 73,5% della popolazione residente nella Capitale. Per il 39,3% non ci sono più somme da parte su cui contare e, addirittura, oltre la metà dei censiti (il 57,3%) si trova senza lavoro.


Un quadro a tinte fosche dove la produttività lascia il posto alla sussistenza fine a se stessa: un tirare a campare che asciuga le casse cittadine, senza con questo garantire prospettive di inserimento economico e sociale. Così, si scopre che il 76,1% di questa fascia di cittadinanza ha usufruito di buoni spesa e di aiuti socio-assistenziali, “senza vedere un miglioramento della propria condizione”. E’ il fallimento del welfare grillino, quello che ha permesso l’instaurazione della sussistenza tout court tipica del reddito di cittadinanza, senza che venissero concepiti programmi di coinvolgimento e inserimento per trasformare gli assistiti in soggetti produttivi a cui restituire dignità e autonomia.

0
Cosa ne pensi?x

Zaira Bartucca
Zaira Bartucca
Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell’attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l’abilitazione per iscriversi all’Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell’Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l’incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull’Affare Coronavirus e su “Milano come Bibbiano”. Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de “I padroni di Riace – Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato”. Telegram: t.me/zairabartucca Twitter: @Zaira_Bartucca www.zairabartucca.it

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.