Seguici

© Rec News -

del

Ve li ricordate gli stadi pieni di gente allegra, i campioni e la squadra del cuore, gli striscioni e gli inni? Potremmo parlare così – in tono nostalgico – tra qualche tempo. Messe da parte le persone dagli spalti, ora infatti c’è chi – ai vertici dei ministeri – lavora per esiliarle anche dai campi. Ronaldo, Messi, Berardi e Insigne e le loro prodezze, potrebbero diventare presto ricordi sostituiti da ammassi di ferraglia. A questo lavora un liceo italiano improntato ai programmi avveniristici del Miur.

Stavolta non si tratta di banchi a rotelle, ma di automi senz’anima ed emozioni che inseguono una palla, e di visori per la realtà aumentata utilizzati per la didattica a distanza che un domani potrebbero servire ad osservare le partite “giocate” dai robot. Uno scenario abbastanza inquietante a cui lavora l’istituto Galileo Galilei di Roma. Gli studenti, per carità, lo fanno con passione e competenza, e non è da escludere che le ricerche portate avanti possano servire a campi (è proprio il caso di dirlo) più utili di applicazione. L’inprinting rimane quello del Miur e della dirigenza dell’Istituto, tanto che ne dà notizia lo stesso ministero dell’Istruzione.

Fonte

“Nel laboratorio di Industria 4.0 – scrivono dal ministero guidato da Lucia Azzolina – gli studenti e le studentesse dell’Istituto Galileo Galilei lavorano alla programmazione e studiano la componentistica delle macchine e dei motori attraverso bracci robotici. Nel laboratorio di robotica educativa si progettano e programmano da zero piccoli robot calciatori che giocano due contro due. Il Galilei ha vinto anche campionati nazionali e mondiali. Un’ala dell’Istituto è dedicata alla didattica interconnessa ed immersiva: qui si sviluppano moduli di realtà virtuale, arrivando a collaborare anche con l’Agenzia Spaziale Europea”.

“Voglio fare i miei complimenti ai ragazzi e alle ragazze del Galilei. Nelle nostre scuole c’è tanta eccellenza che dobbiamo far conoscere di più”, ha detto Lucia Azzolina”. In questi mesi così particolari le istituzioni scolastiche hanno reagito di fronte alle difficoltà, hanno colto l’occasione per accelerare l’innovazione, hanno dimostrato coraggio, fantasia. E la comunità scolastica del Galilei di Roma ne è l’esempio. Ogni giorno riceviamo segnalazioni da parte di dirigenti, insegnanti, personale, genitori, di esperienze che meritano di essere valorizzate. Lo faremo”.

Traguardi interessanti e ricchi di soddisfazione di sicuro, ma c’è da domandarsi – idea avveniristica dopo idea – che fine faranno le persone se nel lavoro, nello sport e nella vita sociale non ci sarà più posto per loro.

ATTUALITA'

I trucchi più in voga contro il caro-bollette

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. Cosa si sono inventati secondo una recente indagine

© Rec News -

del

I trucchi più in voga contro il caro-bollette | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. È quanto emerge da un’indagine Nielsen. Più della metà di chi ha partecipato alle rilevazione (55,4%) si sta orientando verso un maggior utilizzo di lampade a LED. Molti italiani, invece, sono stati costretti a rinunciare a diversi confort e a ridimensionare le proprie necessità, per esempio tenendo il riscaldamento di casa a temperature più basse (48,5%) nonostante l’inverno si annunci più freddo del solito.

Passando invece alle buone pratiche, il 38,5% degli italiani non lascia in stand-by gli elettrodomestici, mentre il 13% opta per prese di corrente intelligenti temporizzate. Infine, una percentuale ancora esigua di chi ha risposto all’indagine si affida all’energia alternativa: il 12,2% ha installato o installerà pannelli fotovoltaici da balcone. Il 16,3% di chi ha partecipato alla rilevazione, ha invece affermato di fare di tutto per non dover cambiare le proprie abitudini domestiche a causa degli aumenti imposti.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Natale, così la crisi modifica le abitudini degli italiani

Meno regali e più attenzione alle spese vive, nel tentativo di far fronte ai rincari e agli aumenti in bolletta

© Rec News -

del

La crisi impedirà un buon Natale a decine di migliaia di famiglie | Rec News dir. Zaira Bartucca

In un contesto di incertezza e volatilità, diversi indicatori prevedono una frenata nei consumi degli Italiani. Per le festività 2022, in particolare, si faranno più prudenti. I cosiddetti “consumatori” – alle ancora prese con l’aumento dei costi dell’energia e dell’inflazione che ha bruciato i risparmi accumulati negli precedenti – questo Natale saranno costretti a modificare le proprie abitudini di spesa. Secondo un recente report prodotto da KPMG, un italiano su quattro acquisterà regali per meno persone rispetto al 2021 (principalmente la cerchia stretta dei familiari, in particolare i più piccoli). Sempre secondo KPMG, l’acquisto del dono natalizio è sempre più dilatato nel tempo, nel tentativo di approfittare di alcune offerte: il 72% dei cittadini ha iniziato a fare acquisti in previsione di Natale già tra ottobre e novembre, mentre solo il 9% acquisterà i regali comodamente a dicembre.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Bollette salate, l’Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

© Rec News -

del

Bollette salate, l'Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha avviato quattro procedimenti istruttori e quattro procedimenti cautelari nei confronti di Iren, Iberdrola, E.ON e Dolomiti, fornitori di energia elettrica e gas naturale sul mercato libero. Toccate anche altre società, cui sono state inviate richieste di informazioni. Si tratta di Acea Energia, AGSM ENERGIA, Alleanza Luce & Gas, Alperia, AMGAS, ARGOS, Audax Energia, Axpo Italia, A2A Energia, Bluenergy Group, Duferco Energia, Edison Energia, Enegan, Enel Energia, Engie Italia, Eni Plenitude, Enne Energia, Estra Energie, Hera Comm, Illumia, Optima Italia, Repower Italia, Sinergas, Sorgenia, Wekiwi.

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione