Seguici

© Rec News -

del

di Jeffrey Wernick – Economista

Zuckerburg ha recentemente tenuto un discorso sulla libertà di parola. Si è riferito a Facebook come una società tecnologica. Ha dichiarato esplicitamente che “Siamo una società tecnologica, non una società di media”. Ma poi, in una testimonianza del Congresso, ha dato una risposta più sfumata. “Ci vedo come un’azienda tecnologica perché il principale che facciamo è costruire tecnologia e prodotti. Sono d’accordo che siamo responsabili per il contenuto, ma non produciamo il contenuto. Penso che quando le persone ci chiedono se siamo una società di media o un editore, la mia comprensione di ciò che stanno realmente ottenendo è che sentiamo la responsabilità dei contenuti sulla nostra piattaforma. La risposta a questo, penso, è chiaramente sì. Ma non penso che sia incompatibile con fondamentalmente la nostra società di tecnologia. “

Un social può arrogarsi il diritto di censurare?

Più tardi, nel presentare una mozione per respingere la causa di Laura Loomer, gli avvocati di Facebook hanno dichiarato che “secondo una legge consolidata, né Facebook né nessun altro editore possono essere responsabili per la mancata pubblicazione del messaggio di qualcun altro”, hanno detto riferendosi a Loomer e ad altri come “individui pericolosi” che fanno “promozione dell’odio”, come se le loro fossero le opinioni costituzionalmente protette di un editore. Zuckerburg di recente ha fatto un discorso a Georgetown. Ritengo sia stato meritevole,  ma solleva la domanda: Facebook è una società tecnologica che promuove la libertà di parola ed esiste come forum pubblico esente da responsabilità? O è un editore con il diritto alla censura, il diritto di modificare i contenuti come ritiene a sua discrezione, qualunque sia la metodologia; ma deve quindi assumersi la responsabilità?

Che dire dei censori che vedono robot russi e discorsi di odio ovunque?

Dire che ti assumi la responsabilità dichiarandoti esente da responsabilità è un’assurda contraddizione. È l’assunzione di responsabilità che vincola la dichiarazione di responsabilità. Per quanto sia preoccupato per quanto riguarda l’ipocrisia e le contraddizioni delle parole di Zuckerburg e delle politiche e pratiche di Facebook, è più preoccupante che la comunità tecnologica e molti progressisti abbiano criticato il suo discorso in quanto hanno una visione molto più ristretta di quale discorso dovrebbe essere protetto e quale discorso dovrebbe essere permesso. Hanno parole molto carine da usare per giustificare il loro punto di vista: notizie false, robot russi, discorsi di odio, disinformazione intenzionale, estremismo politico, pubblicità politiche che mentono, contenuto divisivo, ecc.  

Vogliono delegittimare e sterminare digitalmente chi non è d’accordo

Fondamentalmente molti credono che la tecnologia dovrebbe essere usata come un censore secondo ai criteri di chi controlla la compagnia tecnologica in collaborazione con una folla che vuole reprimere il dissenso. Quelli che vogliono controllare le nostre parole. Controllano i nostri pensieri. Controllano le nostre azioni. Secondo la loro prospettiva di ciò che è giusto, giusto e morale. Che si ungono come la versione moderna di Torquemada. E a non commettere errori, è un’Inquisizione. Una strategia per disumanizzare, delegittimare e sterminare digitalmente coloro che non sono d’accordo. La tirannia è definita come l’uso arbitrario del potere o del controllo. Il potere opprimente sulla mente dell’uomo. Se i cosiddetti social media pongono limiti al discorso, alla censura, allora la giusta etichetta onesta e accurata dovrebbe essere piattaforme che praticano la tirannia o editori responsabili del contenuto che i loro editori decidono di rimanere pubblicati. 

Solo la tecnologia senza ansie di controllo può renderci liberi

La tecnologia ,decentralizzata, senza alcuna autorità di controllo, ci libera. Per esempio Bitcoin. Nessuna censura. Liberamente trasferibile. Indipendente da terze parti. Assenza di forza. Sfortunatamente, quasi tutte le tecnologie sviluppate oggi hanno un’autorità di controllo che agisce da censore. Il che va bene se si riconoscono come editori e dovrebbero essere responsabili, come tutti gli editori, essendo responsabili del contenuto che sceglie di pubblicare.

“Che si tratti delle loro parole o delle parole che altri hanno accettato di inviare…”

Che si tratti delle loro parole o delle parole che altri hanno accettato di inviare e hanno accettato di rimanere pubblicate affinché tutti possano vederle. Questo è il pericolo della centralizzazione del potere e dell’autorità. Elimina assegni e saldi. La fine del giusto processo. Una sfida per la conservazione di tutte le nostre libertà civili sancite dalla nostra Carta dei diritti. Dove non c’è contestabilità, c’è poca o nessuna competizione. Una condizione per una società libera è la competizione politica e la competizione economica. Prive di persecuzioni. Il ricorso ai mercati e al diritto contrattuale è entrato in vigore volontariamente. E l’esistenza e il riconoscimento di diritti inalienabili. 

La tirannia che si prospetta

Altrimenti, violiamo il nostro contratto sociale. Puniamo il dissenso. Scegliamo cosa può essere giusto. Scegliamo di imporre agli altri, attraverso la tirannia della maggioranza o addirittura la tirannia senza maggioranza. La scelta è netta e consiste nel decidere ciò che rappresentiamo tra le seguenti cose: disapprovo totalmente ciò che dici e difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo OPPURE disapprovo completamente ciò che dici e ti sterminerò digitalmente se osi provare dirlo. Un unico vero forum pubblico è resistente alla censura. E la resistenza alla censura può solo prosperare e nutrire in un ambiente in cui non vi è alcuna autorità, nessuna parte di controllo. Permissionless. Laddove è richiesta l’autorizzazione e la parte che concede il consenso non è contestabile, esiste la tirannia. 

ATTUALITA'

I trucchi più in voga contro il caro-bollette

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. Cosa si sono inventati secondo una recente indagine

© Rec News -

del

I trucchi più in voga contro il caro-bollette | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. È quanto emerge da un’indagine Nielsen. Più della metà di chi ha partecipato alle rilevazione (55,4%) si sta orientando verso un maggior utilizzo di lampade a LED. Molti italiani, invece, sono stati costretti a rinunciare a diversi confort e a ridimensionare le proprie necessità, per esempio tenendo il riscaldamento di casa a temperature più basse (48,5%) nonostante l’inverno si annunci più freddo del solito.

Passando invece alle buone pratiche, il 38,5% degli italiani non lascia in stand-by gli elettrodomestici, mentre il 13% opta per prese di corrente intelligenti temporizzate. Infine, una percentuale ancora esigua di chi ha risposto all’indagine si affida all’energia alternativa: il 12,2% ha installato o installerà pannelli fotovoltaici da balcone. Il 16,3% di chi ha partecipato alla rilevazione, ha invece affermato di fare di tutto per non dover cambiare le proprie abitudini domestiche a causa degli aumenti imposti.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Natale, così la crisi modifica le abitudini degli italiani

Meno regali e più attenzione alle spese vive, nel tentativo di far fronte ai rincari e agli aumenti in bolletta

© Rec News -

del

La crisi impedirà un buon Natale a decine di migliaia di famiglie | Rec News dir. Zaira Bartucca

In un contesto di incertezza e volatilità, diversi indicatori prevedono una frenata nei consumi degli Italiani. Per le festività 2022, in particolare, si faranno più prudenti. I cosiddetti “consumatori” – alle ancora prese con l’aumento dei costi dell’energia e dell’inflazione che ha bruciato i risparmi accumulati negli precedenti – questo Natale saranno costretti a modificare le proprie abitudini di spesa. Secondo un recente report prodotto da KPMG, un italiano su quattro acquisterà regali per meno persone rispetto al 2021 (principalmente la cerchia stretta dei familiari, in particolare i più piccoli). Sempre secondo KPMG, l’acquisto del dono natalizio è sempre più dilatato nel tempo, nel tentativo di approfittare di alcune offerte: il 72% dei cittadini ha iniziato a fare acquisti in previsione di Natale già tra ottobre e novembre, mentre solo il 9% acquisterà i regali comodamente a dicembre.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Bollette salate, l’Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

© Rec News -

del

Bollette salate, l'Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha avviato quattro procedimenti istruttori e quattro procedimenti cautelari nei confronti di Iren, Iberdrola, E.ON e Dolomiti, fornitori di energia elettrica e gas naturale sul mercato libero. Toccate anche altre società, cui sono state inviate richieste di informazioni. Si tratta di Acea Energia, AGSM ENERGIA, Alleanza Luce & Gas, Alperia, AMGAS, ARGOS, Audax Energia, Axpo Italia, A2A Energia, Bluenergy Group, Duferco Energia, Edison Energia, Enegan, Enel Energia, Engie Italia, Eni Plenitude, Enne Energia, Estra Energie, Hera Comm, Illumia, Optima Italia, Repower Italia, Sinergas, Sorgenia, Wekiwi.

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

ATTUALITA'

Italia rieletta nel Consiglio delle telecomunicazioni delle Nazioni Unite

Tra i dodici membri del Radio Regulations Board anche un italiano

© Rec News -

del

Italia rieletta nel Consiglio delle telecomunicazioni delle Nazioni Unite | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’Italia è stata rieletta al Consiglio dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU, International Telecommunication Union) nell’ambito della Conferenza Plenipotenziaria di Bucarest. La rielezione conferma il ruolo attivo del governo italiano nell’ITU, l’Agenzia specializzata delle Nazioni Unite per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione con sede a Ginevra. Tra i dodici membri del Radio Regulations Board – il comitato tecnico per le radiofrequenze – è stato inoltre eletto l’italiano Mauro Di Crescenzo.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione