Periodico di Inchieste

Il rischio di chiudere in casa i giovani e quello di far fallire i locali

di Domenico Muollo – Riva Destra/Fratelli d’Italia

Salve a tutti. Colgo l’occasione per esporvi il mio pensiero su un fattore spesso sottovalutato da molti, specialmente in questo periodo. Vorrei portare alla ribalta una problematica riguardante i nostri giovani; se pur vero che le discoteche sono chiuse, come ben sappiamo i ragazzi non restano a casa, e a breve finiranno in molti, tramite le loro chat, social e passaparola, ad andare a cercare uno sfogo, un divertimento alternativo, in feste illegali e clandestine, organizzate in capannoni industriali o immobili abbandonati, attrezzati giusto per l’occasione con musica, alcool e droga a fiumi: Sto parlando dei fatidici rave party.


Per non parlare poi dell’incremento delle serate abusive nei centri sociali (che spesso sono gli organizzatori dei rave stessi)…dove alla fine la sostanza non cambia. Viviamo in una società in cui le proposte per i giovani sono davvero poche e molti di loro impiegano il loro tempo libero alla ricerca dello sballo. Per questo non dobbiamo sottovalutare il pericolo delle feste abusive, dove sballarsi è la parola d’ordine. Saranno queste le loro valvole di sfogo, impossibili da controllare seriamente, essendo per antonomasia organizzate in modo del tutto fuorilegge.


Con l’aumento esponenziale di questi Rave party, aumenteranno inevitabilmente gli incidenti stradali, ma non è una novità ricevere anche notizie di ragazzi e ragazze morti per droga durante questi festini maledetti. Abbiamo avuto i nostri giovani tenuti reclusi per mesi, e ancora oggi non si sta loro offrendo un qualcosa di legale e sicuro per la loro salute. Oltre a chiedere alle famiglie un controllo serrato dei ragazzi, mi chiedo se non sia il caso di mettere in sicurezza, con seri controlli, i locali notturni, che invece stanno iniziando a fallire (molti sono stati i primi a chiudere a febbraio, per responsabilità), con relativa perdita di migliaia di posti di lavoro e di gettito fiscale. Legalità e divertimento spesso non vanno d’accordo, ma la sicurezza può unire entrambe le cose. In attesa non di soluzioni immediate, ma almeno di proposte, ringrazio tutti per la cortese attenzione.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.