Maturità ai nastri di partenza. Le nozioni per orientarsi tra le prove


Quest’anno sono previsti un colloquio, la discussione di un elaborato e di un testo, l’analisi di materiali e i PCTO



Domani, 16 giugno, Esami di Stato ai nastri di partenza. I candidati in tutta Italia sono oltre mezzo milione. Ammesso il 96,2% degli studenti. I colloqui si terranno fin dalla mattinata, a partire dalle 8.30. Anche quest’anno le commissioni saranno composte da un presidente esterno e da sei commissari interni. A livello nazionale le commissioni coinvolte saranno 13.353, le classi 26.555.


Per l’esame di quest’anno è previsto un colloquio, che partirà dalla discussione di un elaborato con argomento assegnato dai Consigli di classe. Non si passerà, dunque, per la prova scritta. Dopo la discussione dell’elaborato, “il colloquio proseguirà – fa sapere il ministero dell’Istruzione – con la discussione di un testo già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Lingua e letteratura italiana, con l’analisi di materiali (un testo, un documento, un’esperienza, un problema, un progetto) predisposti dalla commissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline”.


Quest’anno nell’esame conclusivo sono stati inseriti anche i PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento), la vecchia alternanza scuola-lavoro, e una parte che riguarda l’educazione civica. La durata indicativa del colloquio sarà di 60 minuti. Il credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 60 punti, mentre al colloquio verranno assegnati fino a 40 punti. La valutazione finale sarà espressa in centesimi, più possibile lode.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.