Seguici

© Rec News -

del

Le stazioni affollate, le folle oceaniche dei concerti live, i bambini che giocano spensierati, il contatto con i propri cari senza rischiare punizioni orwelliane. Sono tutte cose che continuano a mancare, e che si possono rivivere tutte ascoltando Don’t worry dei Boomdabash. Una canzone di speranza che in questo momento può essere interpretata come una canzone di denuncia, dove la vita riparte ed esplode con tutta la sua forza, con quella normalità fatta di tante piccole cose semplici ma concrete (non mediate dalla distanza a tutti i costi) che qualcuno vorrebbe cancellare.

Enigmatico il video, che propone le immagini di una bambina al chiuso in solitudine che sembra rimpiangere i momenti di svago con gli amici.

Quando tutta questa sabbia finirà
Il sole esploderà come tutte le stelle
(Don’t worry, don’t worry)

Vorrei squarciare questo velo bianco del cielo
Per vedere il cielo come appare davvero
(Don’t worry, don’t worry)

E sconfiggere i mostri
E sussurrarti piano all’orecchio
(Don’t worry, don’t worry)

Una nonna che fa il bucato
Davanti a una bambina che mangia il gelato
Un ragazzo che guarda il gol della serie B

Per me la speranza c’è ancora
Per me la speranza è questa
Sono gli arrivi in aeroporto
I pianti che si fanno a dirotto

Confusi tra tristezza e gioia
Confusi tra tristezza e gioia
(don’t worry)
(Don’t worry, don’t worry)

Guarda quanti bimbi a giocare giù in piazza
Con gli zainetti hanno fatto una porta
Fanno casino, una vecchia s’incazza
Ma son ragazzi e quindi li sopporta

Sotto un palco vedo un mare di persone che
Tutte insieme fanno un coro dedicato a te
Cantando a squarciagola una canzone d’amore (d’amore)
Che ti accompagni lungo tutto il viaggio
Quando sarà finito anche il coraggio

Che faccia luce quando è sera
Per chi c’è stato e per chi non c’era
Per chi è stato sincero
Per chi ci ha sempre creduto
Per chi ha soltanto promesso
E non ha mai mantenuto
(Don’t worry)
(Don’t worry, don’t worry)

Mentre ricorri il treno che parte
Del mio cuore hai preso una parte in più
Se ti allontani sento che batte più forte
Ogni istante una melodia suona per te
Soltanto per te

(Coro) Alle galassie irraggiungibili
Alla fermata del tram
(Don’t worry, don’t worry)
Dagli abissi del pacifico
A questo bar
(Don’t worry, don’t worry)
Tra mille voci che ora cantano
A questa qua
(Don’t worry, don’t worry)

Continua a leggere
Commenta per primo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AD

Cos’è Minecraft (e perché sta spopolando tra i giovani)

Come ha fatto questo gioco a battere omologhi molto più blasonati, con personaggi curati fino allo stremo, avventurosi e con ambientazioni da urlo? E cos’è il “Multicraft”?

© Rec News -

del

Cos'è Minecraft (e perché sta spopolando tra i giovani) | Rec News dir. Zaira Bartucca

Avete presente i blocchi da costruzione? Applicateli dappertutto e moltiplicateli all’infinito e avrete la location di Minecraft, un gioco di ruolo decisamente immersivo che sta spopolando tra i giovani. La dimensione tipo di questo strano mondo è il mattone, protagonista indiscusso di una lotta alla sopravvivenza all’ultimo pixel. Come ha fatto questo gioco a battere omologhi molto più blasonati, con personaggi curati fino allo stremo, avventurosi e con ambientazioni da urlo? Con il discorso inverso: puntando tutto sulla semplicità e sull’esperienza dell’utente. Forse è proprio a questo che deve il suo successo: in un momento in cui si tenta di diminuire la dimensione reale per coltivarne una virtuale (ma è davvero un bene?) e soprattutto in un periodo in cui i giovani si vedono costretti a subire limitazioni ai loro divertimenti, Minecraft per molti è diventato una valvola di sfogo dove si può coltivare la propria propensione all’azione e il proprio desiderio di incidere sugli eventi.

Minecraft non entusiasma tutti, c’è da dirlo, proprio per la sua capacità di assorbire nella sua dimensione quasi straniante. Il “craftare” diventa ben presto l’unico interesse di chi si avvicina a questo gioco, il Multicraft e l’ampio ventaglio di possibilità che offre è invece nei pensieri degli utenti già esperti. Carino, ma siccome siamo fatti di carne e non di pixel, per fortuna la comunità di Minecraft Italia – assieme alle omologhe internazionali – ha già trovato il modo di ovviare all’inconveniente. Così, in tutto il modo si vanno via via moltiplicando gli eventi rivolti agli appassionati, dove ci si può incontrare faccia a faccia, interagire, divertirsi e – perché no – condividere tutti i segreti del gioco del momento, che ha già i suoi cosplayer (in basso, nella foto).

Ma che si fa, nel pratico, su Minecraft? Senza voler spoilerare nulla, dovete immaginate una lotta iniziale alla Robinson Crusoe. Già dalla partenza, dovete scegliere qualcosa: l’ambientazione. La vostra scelta influenzerà tutto il corso del gioco. Suggerimenti accolti un po’ ovunque come passi di consapevolezza, vogliono che la foresta e la pianura siano più rassicuranti. I problemi del proprio avatar sono gli stessi di ogni giorno: garantirsi una mobilità, nutrirsi, ripararsi in un’abitazione, evitare i pericoli. Però questo non si traduce in prendere il tram, tornare a casa tardi e fare uno spuntino o scansare gli ostacoli con il motorino, ma nel raccogliere materiale per assemblare cibo (per esempio il pane, che diventa una risorsa infinita), rifugi di fortuna e attrezzi per cavarsela. All’inizio è tutto piuttosto semplice, poi tutto diventa via via più strutturato.

Anche su Minecraft scende la notte, e questo spesso vuol dire incontrare zombie, mostri e altre creature fantastiche e cubiche. Basta? Macché. Su Minecraft può succedere praticamente di tutto: non si sa mai dove si finisce, cosa si fa e cosa succede. Che sia proprio l’imprevedibilità l’altro segreto del gradimento di chi ci gioca?

Continua a leggere

ARTE & CULTURA

Al via la quarta edizione del Festival del cinema russo

Si parte sabato 4 settembre nell’incantevole cornice di Villa Olmo, sul lago di Como e si chiude il 16 in Piazza Duomo, nell’AriAnteo di Palazzo Reale. Tutti gli appuntamenti

© Rec News -

del

Al via la quarta edizione del Festival del cinema russo | Rec News dir. Zaira Bartucca

A Milano torna per la sua IV° edizione il Premio Felix 2021 – Festival del Cinema Russo. Un’edizione di ripartenza che vuole celebrare e sostenere il Cinema e tutti i suoi comparti, nonché gli appassionati di un’Arte che è per tutti. Partirà sabato 4 settembre nell’incantevole cornice di Villa Olmo, sul lago di Como, toccando poi luoghi ricchi di fascino: dai Giardini Estensi di Varese, Vedano al Lambro, la Biblioteca Ambrosiana e il Cinema Anteo di Milano, per culminare nella serata del 16 settembre, nel cuore di Milano, in Piazza Duomo, nello storico AriAnteo, di Palazzo Reale. Nella Serata di Gala è prevista una proiezione importante fuori concorso con ospiti del mondo dello spettacolo e della cultura. Durante la serata la Giuria 2021 assegnerà i Premi dell’edizione 2021.

Il Premio Felix propone una selezione di 8 film e 7 documentari contemporanei molto diversi tra loro, irriverenti, ironici o drammatici, ma legati da un importante fil rouge: una morale positiva e la speranza che ne deriva.“In questa nuova imperdibile rassegna – dichiara Rossella Bezzecchi, promotrice culturale tra la Russia e l’Italia – vorremmo dare la possibilità di riflettere attraverso pellicole che raccontano storie di vita e documentari che ci mostrano aspetti importanti della cultura, dell’artigianato e del design russo”. Programma completo della IV edizione del Premio Felix:

4 settembre ore 15.00 Villa Olmo, Via Simone Cantoni, 1, Como
7 settembre
 ore 20.30 Giardini Estensi, Via Luigi Sacco, 5, Varese
8 settembre
 ore 19.00 Via Italia, 13, Vedano al Lambro
9 settembre
 ore 20.30 Giardini Estensi, Via Luigi Sacco, 5, Varese
13 settembre
 ore 18.00 Biblioteca Ambrosiana, piazza Pio XI, 2, Milano
14 settembre
 ore 13.00 – 22.00 Cinema Anteo, piazza XXV Aprile, 8, Milano
15 settembre
 ore 13.00 – 22.00 Cinema Anteo, piazza XXV Aprile, 8, Milano
16 settembre
 ore 18.30 AriAnteo Palazzo Reale, piazza Duomo, 12, Milano

Continua a leggere

FUN

La figlia di un noto rocker tra i fantini del Rolex Gp di Roma

Non è la prima volta che la gara ha partecipanti inusuali: negli anni scorsi la vittoria è andata all’italiana Natalie Perrone de Noailles, contessa e moglie del direttore di un quotidiano italiano

© Rec News -

del

La figlia di un noto rocker tra i fantini del Rolex Gp di Roma | Rec News dir. Zaira Bartucca

Oggi si è tenuta la giornata finale del Rolex Gp di Roma, la competizione ippica vinta dal tedesco David Will che ha visto tra i partecipanti dei fantini che non ci si aspetterebbe. C’era, per esempio, Jessica Springsteen, la figlia del noto rocker Bruce Springsteen, che si è classificata terza. Non è la prima volta che la gara ha partecipanti inusuali: nel 1953 la vittoria andò all’italiana Natalie Perrone de Noailles, contessa e moglie di Alessandro Perrone, a sua volta cavaliere e direttore per oltre vent’anni del Messaggero.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione