Periodico di Inchieste

“Dipende da te”, riflessione sociale che invita all’azione


Si possono riprendere le redini della propria vita in un momento di crisi e di perdita dei valori? C’è spazio per una rinascita? L’ultima fatica letteraria di Armando Siri



C’è una società che sta cambiando. Non è solo quella del post-covid19, tristemente più avvezza all’asocialità, alla distanza, abitata da malati immaginari. E’ una caratterizzata da un “malessere profondo”, abilmente delineata dal poliedrico Armando Siri. Conosciuto per proposte economiche che si sono imposte nel dibattito, il senatore ha di recente raccolto una sfida di natura sociologica.


Lo ha fatto con un libro, quel “Dipende da te – Pensieri e appunti su una nuova società” che disegna uno spaccato di crisi, che però lascia al lettore uno spiraglio: quello che riguarda la libertà di decidere del proprio futuro. L’autore guarda attraverso fenomeni come l’ansia, la preoccupazione, l’accidia tipici dei nostri tempi. Nella narrazione non si riscontra la volontà di lamentarsi o di fotografare uno spaccato in maniera sterile, ma quella di trovare soluzioni. “Dipende da te” diventa, allora, quasi un invito all’azione, a riprendere le redini del proprio destino.


“Se da tempo – riflette l’autore – abbiamo la sensazione che “il sistema” sia inadeguato o in certi casi aberrato, cosa stiamo facendo davvero per cambiarlo? E, soprattutto, chi è “il sistema”? Ciascuno di noi lo è. Senza questa assunzione di responsabilità il cambiamento che tutti invochiamo è solo un’illusione. La democrazia – prosegue Siri – è in crisi, perché ormai da tempo accettiamo che popolo e potere siano solo parole”.


La politica? “E’ debole – chiosa l’autore del libro – perché, orfana delle ideologie del passato, non trova nel presente la forza di fecondare il futuro. Le religioni, strette nelle loro contraddizioni, faticano sempre più a nutrire lo spirito. Ogni punto di riferimento personale e sociale sembra in bilico tra la nostalgia di un mondo che non c’è più e uno nuovo che stenta a nascere. Eppure, mai come adesso ciascuno di noi può fare un passo decisivo verso il futuro. C’è solo un’ostacolo da superare: la paura di sentirsi diversi. Ti senti pronto? Tutto dipende da te”.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.