Santanché: “Povera Italia, arriva la squadretta”

Intervista alla senatrice di Fratelli d’Italia caustica sul nuovo esecutivo e sul Pd. L’apertura alla Lega e i paletti a Forza Italia: “Chiarisca la sua posizione visto che in Europa sta con la Merkel”

La squadra di governo che verrà ufficializzata domani Daniela Santanché, senatrice di Fratelli d’Italia, l’ha già battezzata: è la “squadretta”, quella che, più che convincere, desta “nuove preoccupazioni”, soprattutto per quanto riguarda i temi economici del Paese su cui, avverte, continua a mancare concretezza.


Ravvede la “discontinuità” di cui si è parla tanto, forse impropriamente?
Posso dire solo poveri italiani e povera Italia. Saremo agli ordini delle cancellerie europee. Prenderemo ordini dalla Merkel e da Macron.


Renzi aveva promesso di sparire dalla politica, eppure diversi ministeri, da quello all’Agricoltura che sarà occupato dalla Bellanova a quello della Famiglia (Bonetti) sono a trazione decisamente renziana. Cosa ne pensa?
La nostra posizione come lei sa è che il giorno della fiducia saremo a manifestare in piazza a Montecitorio proprio perché crediamo che la maggioranza degli italiani non sia per niente contenta di questo governo. Tutte le elezioni, dalle europee alle amministrative, sono andate nella direzione opposta. Gli unici due partiti che gli italiani hanno premiato sono la Lega e Fratelli d’Italia. Per il resto è un problema di Zingaretti che dovrebbe dimettersi da segretario perché ha lasciato la golden-share del partito a Renzi. Auguri!


Di recente Calenda ha aperto a una possibile alleanza tra Siamo europei e Forza Italia. Da ex forzista: non le sembra che le intese si stiano allargando un po’ troppo?
A noi non interessa. Abbiamo una politica chiara e siamo fedeli ai nostri elettori che certo non ci vorrebbero con Calenda.



Per quanto riguarda la Lega?
Abbiamo le nostre posizioni ma come le ho detto nel corso delle ultime elezioni siamo stati gli unici partiti premiati. Insieme rappresentiamo già la maggioranza dell’elettorato italiano quindi bisogna solo trovare le sintesi. Non credo che avremo problemi a lavorare con la Lega.


E con Forza Italia?
Forza Italia deve chiarire alcune posizioni, per esempio quelle che riguardano l’Europa. Deve fare chiarezza sulle sue posizioni politiche perché in Europa sta con la Merkel. Faccia chiarezza e sia finalmente chiara.


Al di là dell’Europa intravede dei temi che sono rimasti in ombra a livello nazionale?
Personalmente sono molto preoccupata come tutti gli imprenditori per quanto riguarda la crescita economica di questo Paese. Mi preoccupa la mancanza di misure per il lavoro. Abbiamo un Paese che è piantato, non cresce, abbiamo visto tutti i dati dell’Istat.


Le promesse di questi giorni non l’hanno rincuorata?
Considerata la squadretta, mi sembra difficile che diventino realtà.


L’autonomia la vede come una soluzione di rilancio o crede che potrebbe essere più dannosa che utile, come lamentano economisti di un certo spessore?
Noi abbiamo sempre parlato di shock fiscale, tassa piatta e cuneo fiscale. Abbiamo parlato sempre del più grande piano per la natalità, perché sono questi i problemi reali che si riflettono sulla nazione. Per il resto non abbiamo ancora visto nulla di scritto e nulla di concreto. Lavoreremo sulle proposte, se arriveranno.


Nel pentolone di Fratelli d’Italia bolle altro al di là della manifestazione prevista per il giorno della fiducia?
Sì, ci sarà la ventiduesima edizione di Atreju il 20, il 21 e il 22 settembre. L’evento apre la nuova stagione politica e sarà una grande manifestazione a Roma, all’isola Tiberina.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.