Sulla Mare Jonio cinque casi di scabbia accertati. Cos’è e chi rischia

Il possibile contagio in passeggeri e operatori ma non solo. Così i trafficanti trasportano non solo persone, ma malattie trasmissibili con il semplice contatto e per via sessuale. Il parere medico e le buone pratiche

Sono cinque i casi di scabbia accertati da personale medico tra i passeggeri della Mare Jonio, il natante della Mediterranea Saving Humans da cui l’altro ieri sono sbarcati 31 migranti. La malattia cutanea molto diffusa in diverse zone dell’Africa, prende sempre più piede in Italia per gli arrivi di massa non controllati. Sconosciuta o dimenticata fino a qualche tempo fa in Italia se non per quanto riguarda i casi negli animali, il ministero della Salute la dà ormai come frequente nei luoghi in cui sostano molte persone: “Nell’ultimo decennio – scrive l’organismo sulla scorta di dati Ipasvi – in Italia si è riscontrato un aumento dei casi probabilmente a causa della crescente diffusione dei viaggi in Paesi (quindi anche “da” Paesi, nda) ove la malattia è più diffusa. I fattori che ne favoriscono la diffusione sono la scarsa igiene e la vita in comunità, per esempio sono stati osservati casi di scabbia nelle case di riposo, nei dormitori e nelle scuole materne”.


Il colpevole è un parassita che depone le uova nella pelle
E’ sempre il ministero della Salute a descriverne le caratteristiche: “La scabbia – scrivono gli esperti – è un’infestazione dovuta a un acaro parassita, lo Sarcoptes scabiei var. homini. Il suo ciclo evolutivo si compie interamente nell’uomo: dopo l’accoppiamento il maschio adulto rimane sulla cute mentre la femmina depone le uova sotto la superficie cutanea, dove vive in genere trenta giorni. Le larve attive emergono dopo 3-4 giorni e invadono la cute circostante, che appare arrossata e rilevata. Il sintomo più comune è il prurito intenso”.


Il contagio tramite contatto, saliva e per via sessuale
E’ il dottor Gaetano Scanni1, dermatologo ed esperto di parassitosi cutanea, a delineare le caratteristiche della scabbia per quanto riguarda i frequenti casi di contagio. “Il contagio – afferma l’esperto – avviene principalmente attraverso contatti diretti pelle a-pelle ripetuti e/o prolungati. Una minoranza dei casi attraverso lenzuola o vestiti già contaminati. La via sessuale invece è la modalità più importante negli adulti sessualmente attivi. La scabbia non sa distinguere tra le persone pulite e quelle “sporche”.  Il luogo comune, secondo cui lavandosi spesso si riescono ad evitare infestazioni non è corretto. Anzi l’igiene troppo spinta attenua, in questo caso, le tracce dell’acaro portando i medici fuori strada con un notevole ritardo nella diagnosi e terapia (vedi dopo scabbia delle persone pulite). Il tempo d’incubazione asintomatico può durare fino a 1 mese durante il quale l’acaro colonizza parti sempre più estese della pelle senza suscitare alcun fastidio. Il prurito viene considerato il risultato della reazione immunitaria allergico-simile ai prodotti dell’acaro (saliva, feci e altre sostanze). Infatti in caso di seconda infestazione il prurito compare molto rapidamente in meno di 48 ore”.


Slider image
Slider image
Slider image

Il protocollo di profilassi e le raccomandazioni del ministero
“Per prevenire un’epidemia – scrive il ministero della Salute – si raccomanda di evitare il contatto diretto con le persone infestate. Inoltre è opportuno trattare tutti i familiari, chi abita nello stesso locale e il partner sessuale, anche se apparentemente queste persone non manifestano i sintomi della malattia. Inoltre andrebbero trattate le persone a stretto contatto con il nucleo familiare infestato, amici molto stretti, collaboratrici domestiche o compagni di classe dei figli, se frequentano la casa. La Circolare n. 4 del 13 marzo 1998: “Misure di profilassi per esigenze di sanità pubblica. Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e nei confronti di loro conviventi o contatti.”, in caso di infestazione da acaro della scabbia, prevede l’adozione di:

  • Provvedimenti nei confronti del malato – Allontanamento della persona da scuola o dal lavoro fino al giorno successivo a quello di inizio della cura specifica. Non sono giustificati interventi straordinari, quali la chiusura dell’edificio o la disinfestazione. Per le persone ospedalizzate o istituzionalizzate, è previsto l’isolamento da contatto per 24 ore dall’inizio del trattamento.
  • Provvedimenti nei confronti di conviventi e di contatti – Sorveglianza clinica per la ricerca di altri casi di infestazione; per i familiari e per i soggetti che abbiano avuto contatti cutanei prolungati con il caso è indicato il trattamento profilattico simultaneo.
    In caso di epidemie è indicato il trattamento profilattico dei contatti.
    Il rischio di diffusione tramite indumenti, biancheria da letto e asciugamani è basso, ma può aumentare in caso di scabbia crostosa. Si raccomanda, quindi, di lenzuola, coperte e vestiti vanno lavati a macchina con acqua a 
    temperatura maggiore di 60 °C; i vestiti non lavabili con acqua calda vanno tenuti da parte per una settimana, per evitare reinfestazioni. Locali, tappeti e mobili imbottiti utilizzati dalla persona affetta da scabbia devono essere puliti e aspirati dopo l’uso e il sacchetto dell’aspirapolvere immediatamente gettato. Materassi e ambienti domestici vanno disinfettati con strumenti a getto di vapore. Gli oggetti che non possono essere lavati ma che sono utilizzati dalla persona infestata devono essere tenuti chiusi in un sacchetto di plastica per un paio di giorni.

Ma, nel caso dei migranti sbarcati, le linee guida del ministero vengono sempre rispettate oppure è frequente che vengano ignorate viste le visite lampo e la successiva degenza nelle strutture d’accoglienza, dove vengono esposti a possibili malattie sia gli altri ospiti che il personale sanitario che spesso patisce la carenza di mezzi e strumenti?


Si tende a minimizzare per questa e per altre malattie, ma l’allarme esiste
Istituzioni, organismi, ovviamente Ong e associazioni di (spesso presunto) volontariato, tendono a minimizzare. I migranti, affermano, arrivano in salute e si ammalano per le condizioni delle strutture in cui vengono collocati. La realtà è ben diversa, e basterebbero i soli casi di scabbia della Mare Jonio a dimostrarlo. A questo va aggiunto che i migranti nel caso dei soli sbarchi controllati (tanti sono quelli che avvengono nel silenzio generale e che riguardano i cosiddetti “barchini”) sono sottoposti a controlli sommari a causa della celerità con cui vanno eseguite le operazioni. Controlli sommari che non permettono di riscontrare virus (per l’ebola, l’Oms continua inspiegabilmente a rifiutare misure di contenimento) e simili. Si può comunque stare tranquilli? La diffusione sempre più massiccia di morbi in luoghi come “dormitori o scuole materne” raccontato dal ministero della Salute, non lascia ben sperare.


1 “Scabbia umana – un’infestazione tutt’altro che facile da diagnosticare e da curare”


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.