Seguici

© Rec News -

del

Sono cinque i casi di scabbia accertati da personale medico tra i passeggeri della Mare Jonio, il natante della Mediterranea Saving Humans da cui l’altro ieri sono sbarcati 31 migranti. La malattia cutanea molto diffusa in diverse zone dell’Africa, prende sempre più piede in Italia per gli arrivi di massa non controllati. Sconosciuta o dimenticata fino a qualche tempo fa in Italia se non per quanto riguarda i casi manifestati in alcune specie animali, il ministero della Salute la dà ormai come frequente nei luoghi in cui sostano molte persone: “Nell’ultimo decennio – scrive l’organismo sulla scorta di dati Ipasvi – in Italia si è riscontrato un aumento dei casi probabilmente a causa della crescente diffusione dei viaggi in Paesi (quindi anche “da” Paesi, nda) ove la malattia è più diffusa. I fattori che ne favoriscono la diffusione sono la scarsa igiene e la vita in comunità, per esempio sono stati osservati casi di scabbia nelle case di riposo, nei dormitori e nelle scuole materne”.

Il colpevole è un parassita che depone le uova nella pelle

E’ sempre il ministero della Salute a descriverne le caratteristiche: “La scabbia – scrivono gli esperti – è un’infestazione dovuta a un acaro parassita, lo Sarcoptes scabiei var. homini. Il suo ciclo evolutivo si compie interamente nell’uomo: dopo l’accoppiamento il maschio adulto rimane sulla cute mentre la femmina depone le uova sotto la superficie cutanea, dove vive in genere trenta giorni. Le larve attive emergono dopo 3-4 giorni e invadono la cute circostante, che appare arrossata e rilevata. Il sintomo più comune è il prurito intenso”.

Il contagio tramite contatto, saliva e per via sessuale

E’ il dottor Gaetano Scanni, dermatologo ed esperto di parassitosi cutanea, a delineare le caratteristiche della scabbia per quanto riguarda i frequenti casi di contagio. “Il contagio – afferma l’esperto – avviene principalmente attraverso contatti diretti pelle a-pelle ripetuti e/o prolungati. Una minoranza dei casi attraverso lenzuola o vestiti già contaminati. La via sessuale invece è la modalità più importante negli adulti sessualmente attivi. La scabbia non sa distinguere tra le persone pulite e quelle “sporche”.  Il luogo comune, secondo cui lavandosi spesso si riescono ad evitare infestazioni non è corretto. Anzi l’igiene troppo spinta attenua, in questo caso, le tracce dell’acaro portando i medici fuori strada con un notevole ritardo nella diagnosi e terapia. Il tempo d’incubazione asintomatico può durare fino a 1 mese durante il quale l’acaro colonizza parti sempre più estese della pelle senza suscitare alcun fastidio. Il prurito viene considerato il risultato della reazione immunitaria allergico-simile ai prodotti dell’acaro (saliva, feci e altre sostanze). Infatti in caso di seconda infestazione il prurito compare molto rapidamente in meno di 48 ore”.

Il protocollo di profilassi e le raccomandazioni del ministero

“Per prevenire un’epidemia – scrive il ministero della Salute – si raccomanda di evitare il contatto diretto con le persone infestate. Inoltre è opportuno trattare tutti i familiari, chi abita nello stesso locale e il partner sessuale, anche se apparentemente queste persone non manifestano i sintomi della malattia. Inoltre andrebbero trattate le persone a stretto contatto con il nucleo familiare infestato, amici molto stretti, collaboratrici domestiche o compagni di classe dei figli, se frequentano la casa. La circolare n.4 del 13 marzo 1998: “Misure di profilassi per esigenze di sanità pubblica. Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e nei confronti di loro conviventi o contatti.”, in caso di infestazione da acaro della scabbia, prevede l’adozione di:

  • Provvedimenti nei confronti del malato – Allontanamento della persona da scuola o dal lavoro fino al giorno successivo a quello di inizio della cura specifica. Non sono giustificati interventi straordinari, quali la chiusura dell’edificio o la disinfestazione. Per le persone ospedalizzate o istituzionalizzate, è previsto l’isolamento da contatto per 24 ore dall’inizio del trattamento.
  • Provvedimenti nei confronti di conviventi e di contatti – Sorveglianza clinica per la ricerca di altri casi di infestazione; per i familiari e per i soggetti che abbiano avuto contatti cutanei prolungati con il caso è indicato il trattamento profilattico simultaneo.
    In caso di epidemie è indicato il trattamento profilattico dei contatti.
    Il rischio di diffusione tramite indumenti, biancheria da letto e asciugamani è basso, ma può aumentare in caso di scabbia crostosa. Si raccomanda, quindi, di lenzuola, coperte e vestiti vanno lavati a macchina con acqua a 
    temperatura maggiore di 60 °C; i vestiti non lavabili con acqua calda vanno tenuti da parte per una settimana, per evitare reinfestazioni. Locali, tappeti e mobili imbottiti utilizzati dalla persona affetta da scabbia devono essere puliti e aspirati dopo l’uso e il sacchetto dell’aspirapolvere immediatamente gettato. Materassi e ambienti domestici vanno disinfettati con strumenti a getto di vapore. Gli oggetti che non possono essere lavati ma che sono utilizzati dalla persona infestata devono essere tenuti chiusi in un sacchetto di plastica per un paio di giorni.

Ma, nel caso dei migranti sbarcati, le linee guida del ministero vengono sempre rispettate oppure è frequente che vengano ignorate viste le visite lampo e la successiva degenza nelle strutture d’accoglienza, dove vengono esposti a possibili malattie sia gli altri ospiti che il personale sanitario che spesso patisce la carenza di mezzi e strumenti?

Si tende a minimizzare, ma il problema esiste

Istituzioni, organismi, ovviamente Ong e associazioni di (spesso presunto) volontariato, tendono a minimizzare. I migranti, affermano, arrivano in salute e si ammalano per le condizioni delle strutture in cui vengono collocati. La realtà è ben diversa, e basterebbero i soli casi di scabbia della Mare Jonio a dimostrarlo. A questo va aggiunto che i migranti nel caso dei soli sbarchi controllati (tanti sono quelli che avvengono nel silenzio generale e che riguardano i cosiddetti “barchini”) sono sottoposti a controlli sommari a causa della celerità con cui vanno eseguite le operazioni. Controlli sommari che non permettono di riscontrare virus (per l’ebola, l’Oms continua inspiegabilmente a rifiutare misure di contenimento) e simili. Si può comunque stare tranquilli? La diffusione sempre più massiccia di morbi in luoghi come “dormitori o scuole materne” raccontato dal ministero della Salute, non lascia ben sperare.

ATTUALITA'

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all’ergastolo

Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi. Disposto anche l’isolamento diurno

© Rec News -

del

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all'ergastolo | Rec News dir. Zaira Bartucca

Anziani abbandonati senza cure nelle RSA o imbottiti di dosi letali di insulina e psicofarmaci. Erano i trattamenti disumani che L.W., 59 anni, riservava ai pazienti che avrebbe dovuto assistere. Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi premeditati e quattro tentati omicidi, e condannato all’ergastolo. Disposto anche l’isolamento diurno. I fatti contestati risalgono al 2017-2018, mentre per i presunti casi di abbandono e mancate cure nelle RSA lombarde nel periodo covid i pm hanno chiesto l’archiviazione (Pio Albergo Trivulzio e Palazzolo Don Gnocchi).

 

Continua a leggere

ATTUALITA'

La risoluzione del Consiglio d’Europa che potrebbe avere impatto sui disabili

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato una raccomandazione e una risoluzione. I due documenti definiscono delle linee guida per implementare…

© Rec News -

del

La risoluzione del Consiglio d'Europa che potrebbe avere impatto sui disabili | Rec News dir. Zaira Bartucca

Comunicato CCDU – L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato una raccomandazione e una risoluzione per la deistituzionalizzazione dei disabili. Entrambe definiscono delle forti linee guida per implementare i diritti umani nel campo della salute mentale. In seguito all’approvazione da parte della Commissione Affari Sociali e Salute, entrambi i documenti sono stati poi approvati a larghissima maggioranza dell’assemblea plenaria nel corso della sessione di aprile, con una votazione trasversale e bipartisan, fornendo una vigorosa spinta in favore dei diritti umani in Europa. 

Nel corso del suo intervento, Reina de Bruijn-Wezeman, ha posto l’accento sull’importanza della deistituzionalizzazione:  

“Faccio affidamento sul Parlamento affinché intraprenda le azioni necessarie per eliminare progressivamente qualsiasi legge che consenta l’istituzionalizzazione di persone con disabilità il trattamento involontario in ambito salute mentale, e allo stesso tempo contrastare qualsiasi testo o bozza di legge o regolamento che sia in favore dell’istituzionalizzazione e che vada contro lo spirito e la lettera della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.” 

La deistituzionalizzazione rappresenta una pietra miliare sul percorso che deve porre fine a qualsiasi coercizione in ambito psichiatrico come richiesto dalla convenzione ONU ratificata nel 2006, particolarmente rilevante perché le persone con disabilità sono gli individui più vulnerabili, “sempre a rischio di violazione sistemiche o di diritti umani, compreso violenza fisica, mentale e sessuale.” 

Sebbene i manicomi siano stati chiusi da tempo in Italia, la prassi nei nostri istituti psichiatrici rimane sostanzialmente improntata a una logica manicomiale, con abbondante ricorso a strumenti lesivi dei diritti e della dignità umana, come i trattamenti coatti, la contenzione fisica e chimica, le sbarre alle finestre, il divieto di comunicare con l’esterno; e un diffuso utilizzo prolungato di medicinali. La decisa presa di posizione del Consiglio d’Europa obbliga implicitamente il Parlamento italiano a una riforma in senso garantista, per fare in modo che il sogno basagliano diventi finalmente realtà. 

Continua a leggere

ATTUALITA'

Docenti, le nuove modalità di accesso alla professione deliberate dal Consiglio dei Ministri

Le principali novità riguardano i concorsi, la formazione, il periodo abilitante e l’istituzione di un nuovo organismo accreditante e di verifica

© Rec News -

del

Docenti, le nuove modalità di accesso alla professione deliberate dal Consiglio dei Ministri | Rec News dir. Zaira Bartucca

Via libera in Consiglio dei Ministri alle nuove regole per la formazione iniziale e continua e per il reclutamento dei docenti della scuola secondaria. Nuovi percorsi per chi vuole insegnare e concorsi annuali per il reclutamento del personale. Questi i perni della riforma approvata ieri dal governo, che dovrebbe portare in cattedra, entro il 2024, 70mila insegnanti. Nel decreto legge sul PNRR è prevista anche la nuova Scuola di alta formazione per dirigenti, insegnanti e personale ATA.

La formazione iniziale e l’abilitazione

Definite le modalità di formazione iniziale, abilitazione e accesso all’insegnamento nella scuola secondaria.

Sono previsti:

  • Un percorso universitario abilitante di formazione iniziale (corrispondente ad almeno 60 crediti formativi), con prova finale
  • Un concorso pubblico nazionale con cadenza annuale
  • Un periodo di prova in servizio di un anno con valutazione conclusiva

Il percorso di formazione abilitante si potrà svolgere dopo la laurea oppure durante il percorso formativo in aggiunta ai crediti necessari per il conseguimento del proprio titolo. È previsto un periodo di tirocinio nelle scuole. Nella prova finale è compresa una lezione simulata, per testare, oltre alla conoscenza dei contenuti disciplinari, la capacità di insegnamento.

L’abilitazione consentirà l’accesso ai concorsi, che avranno cadenza annuale per la copertura delle cattedre vacanti e per velocizzare l’immissione in ruolo di chi vuole insegnare. I vincitori del concorso saranno assunti con un periodo di prova di un anno, che si concluderà con una valutazione tesa ad accertare anche le competenze didattiche acquisite dal docente. In caso di esito positivo, ci sarà l’immissione in ruolo.

In attesa che il nuovo sistema sia attivo – fanno sapere dal Miur – per coloro che già insegnano da almeno 3 anni nella scuola statale è previsto l’accesso diretto al concorso. I vincitori dovranno poi conseguire 30 crediti universitari e svolgere la prova di abilitazione per poter passare di ruolo.

Durante la fase transitoria, coloro che non hanno già un percorso di tre anni di docenza alle spalle ma vogliono insegnare potranno conseguire i primi 30 crediti universitari, compreso il periodo di tirocinio, per accedere al concorso. I vincitori completeranno successivamente gli altri 30 crediti e faranno la prova di abilitazione per poter passare di ruolo.

La formazione continua e la Scuola nazionale

La formazione sulle competenze e gli strumenti digitali sarà parte della formazione già obbligatoria per tutti e si svolgerà nell’ambito dell’orario lavorativo. Viene poi introdotto un sistema di aggiornamento e formazione con una pianificazione su base triennale. I percorsi svolti saranno anche valutati con la possibilità di accedere, in caso di esito positivo, a un incentivo salariale.

I percorsi di formazione continua saranno definiti dalla Scuola di alta formazione che viene istituita con la riforma e si occuperà di adottare linee di indirizzo e di accreditare e verificare le strutture che dovranno erogare i corsi. La Scuola si occuperà anche dei percorsi di formazione di dirigenti e del personale ATA.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione