Seguici

© Rec News -

del

Di John Pilger – Information Clearing House

Ogni volta che visito Julian Assange, ci incontriamo in una stanza che lui conosce troppo bene. C’è una tavola vuota e immagini dell’Ecuador sulle pareti. C’è una libreria dove i libri non cambiano mai. Le tende sono sempre appiccicate e non c’è luce naturale. L’aria è stantia e fetida. Questa è la Stanza 101. Prima di entrare nella Camera 101, devo cedere il mio passaporto e telefono. Le mie tasche e i miei averi sono esaminati. Il cibo che porto viene ispezionato. L’uomo che fa da guardia alla Stanza 101 si trova in quella che sembra una vecchia cabina telefonica. Guarda uno schermo, guardando Julian. Ci sono altri invisibili, agenti dello Stato, che guardano e che ascoltano.

Le telecamere sono ovunque nella Stanza 101. Per evitarle, Julian fa manovre in un angolo, a fianco, spingendo il piatto contro il muro. Questo è il modo per raggiungerci: bisbigliamo e ci scriviamo su un blocco note, che difendiamo dalle telecamere. A volte si ride. Il mio tempo è limitato. Quando scade, la porta nella Stanza 101 si spalanca e la guardia dice “il tempo è scaduto!”. Alla Vigilia del nuovo anno, mi è stato concesso un extra di 30 minuti e l’uomo nella cabina del telefono mi ha augurato un felice anno nuovo, ma a Julian no.

Naturalmente, la Stanza 101 è la sala del profetico romanzo di George Orwell, 1984, in cui la psico-polizia controlla e tormenta i prigionieri, sempre di più, fino a quando loro non cedono la propria umanità e i propri principi obbedendo al Grande Fratello. Julian Assange non obbedirà mai al Grande Fratello. La sua resistenza e il suo coraggio sono sorprendenti, anche se la sua salute fisica fatica a tenere il passo. Julian è un distinto australiano, che ha cambiato il modo in cui molte persone pensano alla doppiezza dei governi. Per questo, è un rifugiato politico sottoposto a ciò che le Nazioni Unite chiamano “detenzione arbitraria”.

L’ONU dice che lui ha il diritto di passare allo stato di libertà, ma questa gli è negata. Ha diritto a un trattamento medico senza il timore di arresto, ma questo è negato. Ha diritto a un risarcimento, ma anche questo è negato. Come fondatore e direttore di WikiLeaks, il suo crimine è stato quello di dare un senso a tempi bui. WikiLeaks ha un record impeccabile di accuratezza e autenticità che nessun giornale, nessun canale TV, nessuna stazione radio, nessuna BBC, nessun New York Times, nessun Washington Post, nessuno ha eguagliato. Anzi, è una vergogna per loro. Questo spiega perché è stato punito.

Per esempio: la scorsa settimana, la Corte Internazionale di Giustizia ha stabilito che il governo britannico non aveva alcun potere giuridico sui Chagos Isolani, che nel 1960 e ’70 furono espulsi in segreto dal paese di Diego Garcia, nell’Oceano Indiano, e mandati in esilio e in povertà. Innumerevoli bambini sono morti, molti di loro dalla tristezza. È stata un’epopea criminale che pochi conoscevano.

Per quasi 50 anni, gli inglesi hanno negato agli isolani il diritto di tornare nella loro Patria, che avevano dato agli Americani per un’importante base militare. Nel 2009, il British Foreign Office si è inventata una “riserva marina” per l’arcipelago Chagos. Questa toccante preoccupazione per l’ambiente è stato esposta come una frode, quando WikiLeaks ha pubblicato un cablogramma segreto del governo britannico che rassicurava gli americani sul fatto che “per gli ex abitanti sarà difficile, se non impossibile, perseguire il loro credito per il reinsediamento sulle isole, se l’intero Arcipelago Chagos sarà una riserva marina.”

La verità della cospirazione ha chiaramente influenzato l’importante decisione della Corte Internazionale di Giustizia. WikiLeaks ha rivelato come gli Stati Uniti spia i suoi alleati, come la CIA può guardare attraverso il vostro I-phone; come la candidata alla presidenza Hillary Clinton ha preso ingenti somme di denaro da Wall Street per i discorsi segreti con cui rassicurava i banchieri sul fatto che, se fosse stata eletta, sarebbe stata loro amica.

Nel 2016, WikiLeaks ha rivelato un collegamento diretto tra Clinton e il jihadismo organizzato in Medio Oriente: i terroristi, in altre parole. Una e-mail ha rivelato che quando Clinton era Segretario di Stato USA, sapeva che l’Arabia Saudita e il Qatar erano stati finanziati dallo Stato Islamico, ma ha accettato comunque enormi donazioni per la sua fondazione da parte di entrambi i governi. Ha quindi approvato la più grande vendita di armi del mondo ai suoi benefattori sauditi: armi che sono attualmente utilizzate per colpire persone dello Yemen.

Questo spiega perché Assange è stato punito. WikiLeaks ha pubblicato più di 800mila files segreti sulla Russia, tra cui il Cremlino, che ci dicono di più sulle macchinazioni del potere rispetto alle pantomime isteriche di Washington sul Russiagate. Questo è vero giornalismo — giornalismo di un genere ormai considerato esotico: l’antitesi del giornalismo alla Vichy, in cui si parla del nemico del popolo e che prende il suo soprannome dal governo di Vichy che ha occupato la Francia per conto dei nazisti.

Il giornalismo alla Vichy è censura per omissione, come l’indicibile scandalo della collusione tra il governo australiano e gli Stati Uniti per negare a Julian Assange i suoi diritti di cittadino australiano e far calare il silenzio su di lui. Nel 2010 il primo ministro Julia Gillard è andata anche oltre, ordinando alla Polizia federale australiana di indagare e perseguire Assange e WikiLeaks — fino a quando è stata informato dalla AFP che nessun reato era stato commesso. Lo scorso fine settimana, il Sydney Morning Herald ha pubblicato un sontuoso supplemento per promuovere una celebrazione del “Me Too” presso la Sydney Opera House, il 10 Marzo. Tra i principali partecipanti, il Ministro degli Esteri Julie Bishop, recentemente in pensione. Bishop è stata messa in mostra sui media locali, lodata come una perdita per la politica: una “icona”, qualcuno l’ ha chiamata, che deve essere ammirata.

L’elevazione a celebrità di femministe che hanno modi politicamente primitivi come Bishop, ci dice quanto la cosiddetta identità politica abbia sovvertito l’essenziale, cioè la verità oggettiva: che ciò che conta, soprattutto, non è il tuo genere, ma la classe da servire. Prima di entrare in politica, Julie Bishop era un avvocato che ha servito il famigerato caso di James Hardie, che ha combattuto le rivendicazioni da parte di uomini e delle loro famiglie morti orribilmente a causa dell’asbestosi. L’avvocato Peter Gordon ricorda che Bishop “retoricamente chiese al tribunale perché i lavoratori dovessero avere il diritto di saltare la seduta solo perché erano in punto di morire.” Bishop disse di aver “agito sulla base di istruzioni … professionalmente ed eticamente”.

Forse stava semplicemente “seguendo le istruzioni”, quando è volata a Londra e a Washington lo scorso anno con il suo capo ministeriale del personale, che ha indicato che il ministro degli Esteri australiano dovrebbe considerare il caso di Julian e che si spera di iniziare il processo diplomatico a portarlo a casa. Il padre di Julian aveva scritto una commovente lettera al Primo Ministro Malcolm Turnbull, dove chiedeva al governo di intervenire diplomaticamente per liberare suo figlio. Ha detto Turnbull che era preoccupato che Julian non potesse lasciare l’ambasciata vivo. Julie Bishop avrebbe avuto tutte le possibilità nel Regno Unito e negli Stati Uniti per presentare una soluzione diplomatica che avrebbe portato Julian a casa. Ma questo avrebbe richiesto il coraggio di una orgogliosa di rappresentare uno Stato indipendente e sovrano, non un vassallo.

Invece, lei non fece alcun tentativo di contraddire il ministro degli Esteri Britannico, Jeremy Hunt, quando ha detto scandalosamente che Julian era “di fronte a gravi accuse”. Quali accuse? Non c’erano accuse. Australia: il ministro degli Esteri ha abbandonato il suo dovere di parlare per un cittadino australiano, perseguito per niente, accusato di nulla, di nulla colpevole. Saranno quelle femministe che celebrano questa falsa icona all’Opera House di domenica prossima a ricordarla per il suo ruolo di collusa con forze straniere con cui ha punito un giornalista australiano, il cui lavoro ha rivelato che il rapace militarismo ha distrutto la vita di milioni di donne comuni in molti paesi: nel solo Iraq l’invasione degli Stati Uniti, cui l’Australia ha partecipato, è costata 700mila vedove.

Così che cosa può essere fatto? Un governo Australiano che si era preparato ad agire in risposta a una campagna pubblica per salvare il rifugiato giocatore di football Hakeem al-Araibi dalla tortura e persecuzione in Bahrain, è in grado di portare Julian Assange casa.

Ma il rifiuto da parte del dipartimento degli Affari Esteri di Canberra di onorare la dichiarazione delle Nazioni Unite che Julian è vittima di “detenzione arbitraria” e ha un diritto fondamentale alla sua libertà è una vergognosa violazione dello spirito della Legge Internazionale. Perché il governo australiano non ha fatto alcun tentativo serio per salvare Assange? Perché Julie Bishop è nell’arco dei desideri di due potenze straniere? Perché è questa la democrazia che traduce dalle sue servili relazioni, che integra con l’azione priva di legge della potenza straniera?

La persecuzione di Julian Assange è un’occasione per tutti noi: per la nostra indipendenza, la nostra autostima, la nostra intelligenza, la nostra compassione, la nostra politica, la nostra cultura. Quindi smettiamola. Organizziamoci. Occupiamo. Insistiamo. Persistiamo. Facciamo rumore. Facciamo interventi diretti. Dobbiamo essere coraggiosi e rimanere coraggiosi. Sfidare il pensiero da polizia. La guerra non è pace, la libertà non è schiavitù, l’ignoranza è forza. Se Julian è in grado di alzarsi dal Grande Fratello, si può: così tutti noi.

FREE SPEECH

Guerra in Medio Oriente, vandalizzato il murales dedicato alla giornalista Shireen Abu Akleh uccisa a Jenin

© Rec News -

del

Guerra in Medio Oriente, vandalizzato il murales dedicato alla giornalista Shireen Abu Akleh uccisa a Jenin | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato stampa

Vandalizzato il murales dedicato a Shireen Abu Akleh e della libertà di stampa a via di Valco San Paolo, nel cuore di Roma Sud. Nelle scorse ore il volto stilizzato della giornalista palestinese di Al Jazeera, colpita a morte dall’esercito israeliano l’11 maggio 2022 durante uno dei suoi tanti servizi nei campi profughi di Jenin, in Cisgiordania, è stato imbrattato da una macchia di vernice rosso sangue mentre accanto alla figura della donna si legge la scritta “assassini”.

Il murales, opera dell’artista Erica Silvestri, nelle scorse settimane era stato realizzato per celebrare il sacrificio di una reporter che, come tanti inviati di guerra ogni anno, è morta mentre svolgeva la professione di raccontare gli orrori della guerra e, in questo caso, anche cosa succede nei campi profughi palestinesi: a promuovere l’iniziativa, che ha ottenuto il sostegno della Federazione Nazionale della Stampa, è stato l’VIII municipio della Capitale, l’associazione dei Giovani Palestinesi di Roma e “Join The Resistance” in collaborazione con Radio Roma che da sempre segue con particolare attenzione le vicende estere ma anche le dinamiche delle comunità straniere che vivono in città. Proprio per dare visibilità al messaggio, si era scelto di creare il murales in un punto di via di Valco San Paolo particolarmente trafficato e l’opera era diventata ben presto meta di molti cittadini incuriositi.

L’episodio di vandalismo, scoperto nelle scorse ore, viene facilmente messo in relazione con quanto sta accadendo in Medio Oriente e con la guerra di Israele contro i terroristi di Hamas: “I drammi degli ultimi giorni tra Israele e Palestina stanno esacerbando tutto ciò che ruota intorno alla questione israelo-palestinese” – spiega Andrea Candelaresi, giornalista di Radio Roma e promotore del murales: “Questo clima di tensione arriva fin qui, a Roma, dove l’odio non fa altro che creare inutili confusioni. Shireen Abu Akleh non c’entrava nulla con Hamas, né con la scia di morte e distruzione di questi giorni. Vandalizzare quel murales ha significato, per noi, infangare la memoria di un’abile giornalista morta per una nobile causa: raccontare la verità per formare coscienze. Ma è anche la spia, rossa, sul motore della qualità della stampa perché se il popolo è informato male si creano le tifoserie ed essere ultras porta alla radicalizzazione, la quale genera confusione e odio. Confusione e odio che hanno colpito un murales, ma anche una donna morta per il suo lavoro; hanno colpito chi ci portava la realtà dei fatti in casa e questo non possiamo né dobbiamo dimenticarlo”.

Dopo la segnalazione del vandalismo, il murales è stato restaurato la scorsa notte dalla sua autrice, Erica Silvestri, che ha deciso di “rispondere con l’arte all’odio”.

Continua a leggere

ARTE & CULTURA

Bandire i forestierismi. “Ricorda il fascismo, lasciare libertà di espressione”

© Rec News -

del

Idiomi e Cancel culture, Belpoliti: "Ricorda il fascismo, bisogna lasciare libertà di espressione" | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Sono rimasto sorpreso dalla scelta di questo tema nell’era del simultaneo”, ha affermato durante il programma radiofonico “Base Luna chiama Terra” su Radio Cusano Campus il professor Marco Belpoliti, autore della traccia selezionata per la prima prova scritta della Maturità 2023, scrittore, italianista e docente di Critica Letteraria e Letterature Comparate all’Università di Bergamo.

“C’è stata la pandemia che ci ha messo in attesa, come nelle telefonate: ‘La preghiamo di attendere’. Tutto ora è ricominciato accelerando, ma l’attesa è ancora lì e resta in attesa”. L’attesa, secondo Belpoliti, è ancora “una questione rilevante nelle nostre vite nonostante la velocità che ci circonda” ha sostenuto durante l’intervista.

Parlando dell’influenza della tecnologia sulla comunicazione, Belpoliti ha poi sottolineato che il senso dominante è diventato quello visivo. “C’è sempre stata più gente che guardava piuttosto che gente che leggeva. Parlare, parlano tutti, c’è il costante desiderio di parlare. Una volta un uomo nel corso della sua vita vedeva un centinaio di immagini. Ora ne vediamo migliaia ogni giorno, anche solo sui social”, ha proseguito Belpoliti.

Riguardo alla trasformazione delle modalità espressive, il professore ha poi evidenziato “il ritorno a un regime del flusso nella scrittura, simile alle scritture pubbliche dell’epoca romana che non conoscevano la punteggiatura. Ora usiamo i puntini sospensivi” ha ribadito. “L’emoticon crea l’elemento espressivo, disegnando le emozioni che non possono essere contenute nella scrittura, che dal canto suo non ha dei modi per dichiarare il tono con cui viene pronunciata una frase. C’è qualcosa di antico e contemporaneo allo stesso tempo. Qualcosa che è in evoluzione. Questa comunicazione non cancella l’altra. Una si sovrappone all’altra. Una predomina, l’altra regredisce” .

E sull’uso dei forestierismi nella lingua italiana, Belpoliti ha concluso l’intervista dicendo “Non sono spaventato dalla presenza di parole inglesi. Cancellare le parole inglesi, ricorda il fascismo. La pulizia linguistica mi ricorda un altro tipo di pulizia meno nobile. Bisogna lasciare anche una libertà all’espressione”.

Continua a leggere

FREE SPEECH

La paghetta per i giornalisti che daranno “priorità alle questioni legate al clima”

© Rec News -

del

La paghetta per i giornalisti che daranno "priorità alle questioni legate al clima" | Rec News dir. Zaira Bartucca

Dopo i colpi inferti dal governo e dalla riforma Nordio alla Libertà di Espressione, un altro mal costume continua a minacciare l’autonomia di giornalisti e comunicatori. C’è chi tenta di silenziare quelli che fanno il loro lavoro a suon di querele temerarie e di campagne diffamatorie e chi, invece, vorrebbe ridurre i più manipolabili a meri burattini che ripetono a pappagallo gli slogan del politicamente corrotto in fatto di Sanità, di migranti, di Europa, di rapporti sociali. E di clima, ovviamente.

Su quest’ultimo terreno – squisitamente agendista – si concentrano ora le ansie del Centro europeo di Giornalismo, che periodicamente eroga delle paghette, sotto forma di premi, ai giornalisti che “si distinguono” in un determinato settore. Abbiamo già scritto dei finanziamenti da 7500 dollari da parte dello stesso ECJ e della fondazione Bill & Melinda Gates destinati a quei comunicatori che influenzano l’opinione pubblica in tema di Sanità.

Questa volta, invece, il premio – da 2000 euro ed erogato sempre dal Centro europeo di Giornalismo – è per coloro i quali daranno “priorità alla segnalazione di questioni legate al clima” in articoli o reportage pubblicati dal 14 al 17 giugno. Cosa significhi dare priorità non è dato saperlo, ma quel che è certo è che a dare man forte alle narrazioni costruite ci sarà anche Google News, il servizio della Big Tech già multata per propaganda e favoritismi, anche in Italia. In che modo e con quali toni, poi, i giornalisti parleranno e scriveranno di siccità, alluvioni e di “emergenze” climatiche (sapendo che ad attenderli ci sarà una ricompensa), c’è solo da immaginarselo.

Continua a leggere

FREE SPEECH

Concorsi pubblici, Pallotta (OdG): “Giuridicamente scorretto escludere i pubblicisti”

© Rec News -

del

Concorsi pubblici, Pallotta (OdG): "Giuridicamente scorretto escludere i pubblicisti" | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Riservare ai soli giornalisti professionisti con l’esclusione dei giornalisti pubblicisti la partecipazione al concorso per l’assunzione di personale nel settore della comunicazione bandito dal Gran Sasso Scienze Insitute, è immotivato e giuridicamente non corretto”. E’ quanto afferma il Presidente dell’Ordine dei giornalisti d’Abruzzo, Stefano Pallotta, che ha inviato una lettera al direttore generale dell’Istituto, Mario Picasso, per chiedere la modifica del bando ai sensi della legge 150 del 2000.

“Si fa notare – si puntualizza nella lettera – che non esiste un albo dei giornalisti professionisti, ma che l’Ordine dei giornalisti comprende due elenchi, professionisti e pubblicisti e che in materia di concorsi nella Pubblica amministrazione, relativamente all’Ufficio stampa e comunicazione, la legge 150 del 2000 non fa alcuna distinzione tra i due elenchi limitandosi a richiedere l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti”, conclude il presidente Pallotta.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione