Periodico di Inchieste

Aumentare il segnale di Internet e chiamate (anche nelle zone più negative)


A chi non è capitato di avere una telefonata importante mentre si trova in macchina, in treno, in barca o comunque in un luogo con poco campo? Quando si tratta di lavoro, di un appuntamento o di un imprevisto, l’ammanco di linea può diventare parecchio spiacevole. Ma c’è un rimedio



A chi non è mai capitato di avere una telefonata importante mentre si trova in macchina (magari vicino a una galleria), in treno, in barca o comunque in un luogo con poco campo? Quando si tratta di lavoro, di un appuntamento importante o di qualche imprevisto, l’ammanco di linea può diventare parecchio spiacevole, ed impedirci di recapitare determinate informazioni che in quel momento si rivelano preziose. Per non parlare di internet: quando si lavora o si studia, o più semplicemente si guarda un film o si partecipa a un corso o a un convegno online, non averlo è davvero fastidioso.


Non è detto che serva “silurare” l’operatore telefonico

Quando l’operatore telefonico ci lascia “a piedi” di frequente o non ci fa connettere tranquillamente, l’istinto è quello di silularlo, optando per altre compagnie. Il problema è che, spesso, l’azienda a cui ci siamo affidati c’entra poco con la difficoltà a comunicare o a svolgere le nostre attività online. Magari abitiamo in una zona “nagativa” o frequentiamo spesso zone a copertura limitata, quindi, anche se optassimo per un nuovo operatore, risolveremmo ben poco.


La soluzione è l’amplificatore di segnale

Pochi sanno, tuttavia, che esistono apparecchi specifici che consentono di trovare una soluzione semplice e accessibile a questo tipo di problemi. Si tratta degli amplificatori segnale cellulari, siano essi per telefonia mobile, per interni o per la connessione internet. Per quanto riguarda le abitazioni, ne esistono per tutte le esigenze: per case piccole, fino a 300mq, per edifici medi e per quelli che raggiungono i 3000mq. Non mancano neppure quelli adatti alle auto e alle barche.


La scelta in base al provider

Scegliere in base alle proprie esigenze è importante, ma lo è altrettanto affidarsi ad aziende certificate e compatibili con determinati provider. Quelli Nikrans, per esempio, hanno un ventaglio di compatibilità davvero alto. Fanno infatti al caso di chi ha operatori ormai molto utilizzati come Tim, Vodafone, Wind, Fastweb e Tiscali, ma anche a quello di chi ha optato per Three, Coop Voce, Digi Mobil, Lycamobile, Poste, Ringo o Uno.


Categorie e installazione

Fondamentalmente, le categorie di amplificatore di segnale sono quattro: GSM, 3G, 4G/LTE e Wi-Fi. E’ facile che si presentino in un kit base (che contiene un ripetitore di segnale del telefono cellulare, un’antenna esterna e una interna, un cavo esterno e un adattatore di alimentazione) da accessoriare in caso di ulteriori necessità. Ovviamente, a chi non è esperto, quello che interessa è la reperibilità e successivamente la facilità di installazione. Vediamo come può essere fatta, caso per caso.


Amplificatori di segnale per cellulari

Quando si tratta di telefonia mobile, anzitutto bisogna assicurarsi che ci sia il requisito della distanza: bisogna verificare, infatti, che ci siano 5 metri dall’antenna esterna e cinque metri da terra. Se l’utilizzo è domestico, bisogna installare l’antenna esterna sul tetto, e verificare successivamente l’aumento delle tacche. Se invece l’utilizzo è interno, bisogna installare l’antenna nei locali o nei mezzi in cui si vuole utilizzare il telefono. Ovviamente, bisogna disporre della loro proprietà o delle autorizzazioni necessarie. Fatto questo, si può procedere con i successivi passaggi, e cioè:


  • Assucurasi che l’antenna esterna sia lontana da altre antenne, cavi dell’elettricità, reti metalliche e trasformatori;
  • Collegare l’antenna esterna al cellulare e l’antenna interna al lato BS e MS del ripetitore mobile. L’antenna interna dovrebbe essere posta in una posizione stabile e perpendicolare al terreno, onde non inficiarne il funzionamento;
  • Assicurarsi che i cavi siano ben dritti, per evitare problemi nella ricezione del segnale;
  • Fare il cavo ad “anello”, per evitare che l’acqua piovana fluisca dal ripetitore all’ambiente interno;
  • Collegare il ripetitore mobile con l’alimentatore (quando non integrato);
  • Assicurarsi della presenza della luce al LED accesa: comparirà se tutti i passaggi saranno stati fatti correttamente;
  • Controllare la copertura di rete del proprio smarthone: l’aumento del segnale dovrebbe essere a questo punto considerevole, facendo ottenere non meno di quattro tacche.
  • Fare attenzione ad accendere il booster solo dopo aver compiuto correnttamente tutti i passaggi.

Come installare il booster in un’auto

Personalmente, l’utilizzo dell’amplificatore di segnale nell’auto è quello che preferisco e che trovo molto utile. Direi irrinunciabile. C’è chi, come me, ama spostarsi di frequente in auto per lavoro, per viaggi o per delle commissioni, e poi ci sono particolari categorie che letteralmente svolgono il proprio lavoro con una macchina e un telefono. I rappresentanti, gli agenti, vari tipi di operatori, chi fa consegne motorizzate. E’ vero che alcuni sono dotati di smartphone all’avanguardia, ma come abbiamo detto all’inizio spesso l’apparecchio o il provider c’entrano poco. Se devo fare una consegna da un cliente che abita in una zona in cui il cellulare non prende, che faccio? Se attendo una telefonata importante proprio mentre sto per fare un viaggio in autostrada, dove passerò per montagne e gallerie? L’amplificatore di segnale rimane la soluzione migliore e più conveniente. Ecco come installarlo in pochi semplici passaggi:


  • trovare un luogo adatto che sia al riparo da qualunque urto: un buon luogo potrebbe essere al di sotto del sedile del guidatore;
  • Assicurare la chinghia di nylon in dotazione al dispositivo per fare in modo che non si sposti mentre l’auto è in movimento;
  • Collegare l’antenna interna all’interfaccia dell’antenna per auto del ripetitore;
  • Porre l’antenna magnetica esterna sulla macchina;
  • Collegare l’antenna estern all’interfaccia dell’antenna per esterni;
  • Serrare le viti: devono essere ben salde;
  • Collegare la potenza con l’accendi-sigari dell’auto;
  • Verificare l’accensione delle luci al LED: se il booster è stato ben installato, dovrebbero comparire delle spie verdi.

Iscriviti alla nostra Newsletter!


Link esterno sponsorizzato – Rec News declina ogni responsabilità per quanto riguarda i contenuti

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.