Seguici

© Rec News -

del

A Como è stato ucciso un sacerdote cattolico, don Roberto Malgesini. Ma ucciso da chi? La stampa, tutta presa dalla narrazione in chiave antisovranista del caso Willy – il ragazzo italiano di origine capoverdiana ucciso da due balordi, spacciatori e amanti delle arti marziali con tanto di reddito grillino di cittadinanza – è rimasta spiazzata dall’accaduto e, non potendo nascondere del tutto la notizia, ha cercato di non darle risalto, e casomai di nasconderla.

Continua a leggere dopo le foto

I giornali hanno iniziato a parlare dell’assassino di Don Roberto come di un senzatetto, poi come uno squilibrato, anche se nel caso specifico non risultano evenienze mediche sull’eventuale squilibrio mentale. Soltanto poi, vergognandosi di specificare meglio la notizia, si è saputo che l’assassino era un tunisino entrato clandestinamente in Italia, fatto oggetto di ben due provvedimenti di espulsione. Uno nel 1993 (c’era il governo Ciampi: Pds, Dc, Psi, Psdi, Pri, Verdi) e uno nel 2020 (governo Conte bis: Pd, M5S, Iv, Leu.

Sia la polizia che la magistratura “democratica” si sono ben guardati di applicare e rispedire al mittente detto signore. L’assassino si chiama Radi Mahmoudi, è tunisino e di religione islamica. Ovviamente, che sia musulmano è stato completamente omesso dalla stampa, non fosse mai che qualcuno pensi abbiano ragione colore che denunciano l’invasione afro-islamica favorita dalle sinistre e dall’eretica Chiesa catto-comunista vaticana. O i complottisti che denunciano il piano Kalergi o l’attività della Open Society Foundation del magnate liberal George Soros, per favorire l’immigrazione clandestina, la sostituzione etnica dei popoli cristiani ed europei e la creazione di un esercito di schiavi al servizio della plutocrazia mondialista, della Trilaterale e del Gruppo Bilderberg. Non sia mai.

Il signor Radi Mahmoudi, uno spiantato che viveva in un dormitorio pubblico grazie all’aiuto di organizzazioni cattoliche come la Caritas, aveva il terrore di tornare in Tunisia, dove sicuramente per vivere avrebbe dovuto lavorare, mentre in Italia ai clandestini un letto e un pasto caldo non lo nega nessuno. Nel suo fallimento come uomo che a 53 anni non è stato in grado di costruire nulla, l’unica ancora di salvezza sarà stata l’Islam, che in Occidente è rappresentato dalle sue correnti più estreme.

Basti pensare che la base della Fratellanza Musulmana tunisina (fuorilegge sotto il governo laico-socialista di Ben Alì) era la moschea di Centocelle a Roma. E cosa insegna l’Islam e a cosa si aggrappa un musulmano in terra di “infedeli”? Devono cercare gli “infedeli” e metterli a morte (sura 4.90), fare la guerra agli infedeli che vivono intorno a lui (sura 9.123), perché Allah instilla il terrore nel cuore degli infedeli e il musulmano deve accoltellare l’infedele (sura 8.12). Cosa che ha fatto.

Nella sua nullità e brutalità, il signor Mahmoudi in un colpo solo è diventato una persona rispettata dalla sua comunità religiosa, perché ha rispettato alcuni precetti coranici e nel contempo è riuscito a realizzare il suo sogno di rimanere in Italia a spese del popolo italiano in un confortevole carcere dal quale, se ne avrà voglia, tra qualche anno potrà tranquillamente evadere col permesso premio del magistrato democratico di turno.

Infatti il permesso premio non viene negato a nessuno, neppure ad ergastolani pluriomicidi con precedenti evasioni alle spalle come Johnny lo Zingaro, e non si capisce perché un domani non dovrà essere concesso anche a lui che ha il merito di essere straniero, clandestino, perseguitato dai populisti e dai sovranisti che vorrebbero mandarlo a casa. E poi lo stesso papa Francesco non ha parlato dell’assassino come di un clandestino (per lui usa il termine migrante) ma di un bisognoso. Di conseguenza, non sarebbe politicamente corretto condannarlo all’ergastolo e pretendere che sconti tutta la pena.

* Arcivescovo Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana
elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere
Commenta per primo

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

LETTERE

Lo studio che getta una nuova luce sulle diagnosi psichiatriche

di CCDU*

© Rec News -

del

Lo studio che getta una nuova luce sulle diagnosi psichiatriche

Un nuovo studio, pubblicato da Psychiatry Research, ha concluso che le diagnosi psichiatriche sono prive di valore scientifico nell’identificare specifici disturbi mentali. Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Liverpool, ha compreso una dettagliata analisi di cinque capitoli chiave dell’ultima edizione del DSM – il manuale dei disturbi mentali – e precisamente: schizofrenia, disturbo bipolare, disturbo depressivo, disturbo da ansia e disturbo dovuto a trauma. I manuali diagnostici come il DSM furono creati con lo scopo di fornire un linguaggio diagnostico comune ai professionisti della salute mentale, tentando di sviluppare un elenco definitivo dei problemi mentali, incluso i loro sintomi. 

Continua a leggere dopo le foto

Il risultato dello studio si riassume in questi punti: 

  • Tutte le diagnosi psichiatriche portano a prendere decisioni seguendo regole diverse 
  • C’è un enorme grado di sovrapposizione di sintomi tra le diverse diagnosi 
  • Quasi tutte le diagnosi mascherano il ruolo giocato da eventi traumatici e negativi 
  • Le diagnosi dicono molto poco sul singolo paziente e sul trattamento che necessiterebbe 

Gli autori concludono che l’etichetta diagnostica rappresenta un sistema categorico falso. Nelle parole del Dr. Kate Allsopp, coordinatrice del gruppo di ricerca: “Sebbene le etichette diagnostiche creino l’illusione di una spiegazione, esse sono prive di significato scientifico e possono creare stigma e pregiudizio. Spero che questo studio possa incoraggiare i professionisti della salute mentale a pensare al di là delle diagnosi e prendere in considerazione spiegazioni per il malessere mentale, come ad esempio traumi e altre esperienze di vita negative.” 

Secondo il Prof. Peter Kinderman, dell’Università di Liverpool: “Lo studio fornisce ulteriore evidenza sull’inadeguatezza dell’approccio diagnostico biomedicale in psichiatria. Le diagnosi, citate spesso e in maniera acritica come “vere malattie” sono di fatto costruite sulla base di criteri assai arbitrari, derivati da schemi incoerenti, confusi e contraddittori. Il sistema diagnostico parte dal presupposto erroneo secondo cui tutta la sofferenza derivi dai disturbi, e si affida a giudizi soggettivi sul cosa sia normale.” 

Rincara la dose il Prof. John Read, dell’Università di East London: “È forse ora di smettere di far finta che queste etichette pseudomediche contribuiscano alla nostra comprensione delle complesse cause del disagio umano, o del tipo di aiuto che ci serve quando ne soffriamo.” 

*Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

LETTERE

Obbligo vaccinale, depositati quattro interventi e tre pareri

di Roberto Martina*

© Rec News -

del

Obbligo vaccinale, depositati quattro interventi e tre pareri a sostegno dell'illegittimità costituzionale | Rec News dir. Zaira Bartucca

Avvocati Liberi unitamente al prof. Avv. Augusto Sinagra ha depositato alla Corte Costituzionale quattro interventi e tre opiniones in qualità di amici curiae a sostegno dell’accoglimento della illegittimità costituzionale dell’obbligo vaccinale per i sanitari di cui all’art. 4 D.L. 44-2021 sollevata dal Consiglio di Giustizia Amministrativa della regione Sicilia. Nei prossimi giorni pubblicheremo il contenuto degli atti affinché possano essere conosciuti da tutti.

Continua a leggere dopo le foto

Iniziamo con l’opinione di carattere scientifico che Avvocati Liberi ha depositato in nome e per conto del Dr. Sandro Sanvenero, presidente dell’Albo degli Odontoiatri presso l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di La Spezia, che ha documentato lo svilupparsi nel tempo di una cosiddetta efficacia negativa dei farmaci vaccinali.

L’opinione è stata redatta da un collegio illustre di sanitati di altissimo profilo (prof. Giovanni Frajese; Dr. Sandro Sanvenero; Dr. Alberto Donzelli; Dr. Eugenio Serravalle; Dr.ssa Patrizia Gentilini) che ne hanno autorizzato la pubblicazione per fini scientifici e di condivisione (in basso).

L’efficacia negativa, al crescere della distanza temporale dall’ultima dose vaccinale, è supportata da prove sempre più forti e demolisce la finalità della norma: se il fine della vaccinazione dei sanitari è quello di proteggere i pazienti ed i soggetti fragili con cui entrano a contatto, allora per questi soggetti è più pericoloso essere assistiti da sanitari vaccinati da oltre 6-8 mesi, perché tendono a diventare più suscettibili all’infezione dei sanitari non vaccinati.

Una possibilità è che i farmaci vaccinali impattino negativamente sul sistema immunitario del somministrato che, dopo alcuni mesi dalla vaccinazione, aumenta la probabilità di contrarre l’infezione rispetto ad un soggetto non vaccinato e, conseguentemente, aumenta il rischio di contagio del prossimo.

La possibile efficacia negativa, però, è solo una parte del problema, perché comunque i farmaci vaccinali non sono sicuri: il trattamento obbligatorio non è idoneo a raggiungere lo scopo (i vaccini non sono complessivamente efficaci per tutelare gli altri) ed espone la persona al rischio di eventi avversi potenzialmente gravi e persistenti (i vaccini non sono sicuri).

Non è possibile ragionare in termini quantitativi, accettando l’idea che ci possa essere una fascia percentuale di cittadini sacrificabili, perché la vita umana è sacra, inviolabile, e nessuno può stabilire che una persona debba assumere obbligatoriamente un farmaco che possa condurre a morte o ad una forma invalidante della propria integrità psico-fisica senza cadere in una gravissima violazione del diritto naturale, della libertà personale, dei diritti costituzionali e dell’habeas corpus.

Il rispetto della persona umana è un limite invalicabile anche per la legge: “nessuno può essere semplicemente chiamato a sacrificare la propria salute a quella degli altri, fossero pure tutti gli altri”. (Corte Cost. sentenza n. 118/1996 in tema di vaccinazione antipolio).

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

LETTERE

Russia e Ucraina. L’arte, il denaro e la guerra

di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

© Rec News -

del

Composizione VI è un dipinto a olio su tela (195×300 cm) realizzato nel 1913 dal pittore Vasilij Kandinskij. È conservato all'Ermitage di San Pietroburgo | Rec News dir. Zaira Bartucca
"Composizione VI" (1913) olio su tela, Vasilij Kandinskij - Ermitage, San Pietroburgo
Nell’immagine “Composizione VI” (1913). Olio su tela, Vasilij Kandinskij – Ermitage, San Pietroburgo

Affermava Bukowski che il capitalismo ha soppresso il comunismo, e che adesso il capitalismo divora se stesso.

Continua a leggere dopo le foto

Il denaro

In wikipedese la servitù della gleba (già colonato in epoca romana) era una figura giuridica molto diffusa nel Medioevo, che legava il contadino a un determinato terreno (la gleba, in latino propriamente “zolla [di terra]”). Una figura giuridicamente complessa, che si colloca a metà tra lo schiavo e l’uomo libero.

Istituito il vile denaro l’uomo comincia a rimettere al suo simile il lavoro, e non più la propria esistenza. Alias l’economia e l’esistenza potrebbero ora permettere ad un nucleo familiare di reggere per stare bene. Invece l’economia non è più in logica, né per la vita e tantomeno per la famiglia, è uno sviluppo che va avanti per suo conto, nella dialettica propria degli interessi di pochi eletti.

Infatti l’Uomo (peccato la maiuscola) ha rilevanza sociale solo se fornisce, se gli è concesso di produrre, per cui è la produzione che giustifica la presenza non il fatto di essere uomo: una bestemmia.

Aristotele spiegava che il denaro non può produrre denaro giacché esso mai è un bene, ma solo ed esclusivamente l’immagine di un bene, la sua rappresentazione, e con le immagini non può farsi ricchezza. Ed è nel Vangelo che Luca tramanda di prestare il denaro senza attenderne la restituzione. Invero i banchieri fanno sì che il denaro sia principio dell’economia, quel denaro che, col tempo, sempre meno meno ha avuto a che fare con la ricchezza prodotta materialmente, dall’agricoltura, e l’industria, e l’artigianato, e il commercio; ma sempre di più con la ricchezza prodotta in maniera finanziaria: denaro generante denaro, usura legalizzata: basta pensare al “paghi a rate senza interessi”, nemmeno Vanna Marchi!

E la politica, a servizio della finanza

Platone chiariva che a decidere doveva essere chiamata la politica. Al contrario, ora gli spazi decisionali sono prerogativa dell’economia, e la finanza, del denaro marchettaro. Una politica insolvente che delega a presiedere il Paese i tecnici finanziari: ora Ciampi, ora Monti, ora Draghi”.

Diritti umani e contrattazioni

Agisce solo il mercato e la globalizzazione: l’Occidente porta all’estero il mercato e vorrebbe esportare la democrazia e pure i diritti umani come li intende. Nondimeno se tutto ciò cozza con il mercato, allora lo stesso Occidente dimentica e scorda la democrazia e pure i diritti umani.

Di fatto

Il Manifesto delle Nazioni Unite, quello per lo Sviluppo, stima che Europa e America del Nord – alias un miliardo circa di persone – necessitano dell’80% delle risorse del Pianeta per mantenere il corrente livello di vita. Significa che i rimanenti più o meno sei miliardi di persone debbono o dovrebbero accontentarsi del restante e misero 20%. Se Europa e America del Nord dessero da sgranocchiare qualche etto in più di riso ai cinesi o indiani, gli occidentali non potrebbero più reggere questi livelli di supremazia. Questa è crescita per il bene dell’Umanità? questa è la verità.

Tra produzione e consumi

Un circolo depravato e corrotto, perché se non si consumiamo è inutile produrre e senza produzione viene meno il lavoro. La legge, bibbia, è produrre, sempre, e consumare il più possibile, oltre ogni fabbisogno necessario. Tutto deve durare poco: cibo, moda, automobili, televisori, elettrodomestici, telefonini e così via, e si creano bisogni sempre nuovi “con quella pubblicità che crea infelici perché la gente felice non consuma”, (Frederic Beigbeder, pubblicitario).

La risposta “ecumenica” della guerra

Prende avvio la nuova storia, differente da quella che vedeva gli USA guardiani della Terra. Russia e Cina non sono più rurali, e la prima ha visto gli Usa che non hanno perorato la Georgia, lo stesso per l’Ucraina e pure per la Siria e la Libia e l’Afghanistan. A Putin il momento giusto non è sfuggito, ed è entrato in Ucraina per impadronirsene. Ma l’Ucraina è un scusa, l’effettiva guerra è tra Russia e Usa. La pace non è plausibile, ovvio è che Putin non rinunci a vincere una guerra che ineluttabilmente vincerà.

E allora vorrà incontrare Zelensky, potrebbe volere fare un’operazione del tipo Yalta, posizionare insieme Russia, America, Cina, e possibilmente pure l’India, per dividersi le zone d’influenza, come è stato fatto per la c.d. Guerra Fredda. E Pechino sostiene Mosca, ovvio, per entrare nel controllo delle zone d’influenza.

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione