Periodico di Inchieste

Il sistema Riace, Recosol, gli “affidamenti diretti non conformi a legge” e i fondi da Palazzo Chigi


La Rete dei comuni solidali e l’accoglienza intermittente: tolto Lucano, il paese dei Bronzi esce. La denuncia dell’attuale sindaco alla Procura di Locri e i 112mila euro giunti “per decreto” della Presidenza del consiglio



“L’associazione Recosol con sede a Carmagnola, (TO), ha percepito somme pari ad euro 294mila circa con affidamenti diretti, senza bando ad evidenza pubblica e palesemente con comportamento non conforme ai dettati di legge”. Così scriveva appena due mesi fa – l’otto aprile del 2020 – l’attuale sindaco di Riace Antonio Trifoli. La denuncia, con protocollo numero 2472, veniva inviata alla Procura della Repubblica di Locri al fine di accertare la presenza o meno di “reati”.


Da Palazzo Chigi inviati 112mila euro “per decreto”

Re.co.sol è la rete dei comuni solidali, che dal 20 marzo di quest’anno ha eletto un nuovo gruppo di coordinamento con all’interno due sindaci, e che ha come legale rappresentante il vicinissimo di Lucano Giovanni Maiolo subentrato al “dimissionario” Lorenzo Sola. Sia a Maiolo che al dominus di Riace si devono le convenzioni stipulate tra Recosol e il Comune nel corso delle passate amministrazioni, che hanno permesso l’attivazione di flussi di denaro milionari. A titolo esemplificativo, tra il 2013 e il 2014 veniva stipulata una convenzione della durata di 6 mesi, dal 24.07.2013 al 31.01.2014, per la gestione di 152 migranti. Costo: 978.880, quasi un milione. E’ poi di questi giorni la notizia di altri 112.410 euro, giunti “grazie a un Decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri” a vantaggio della minuscola cooperativa Sankara di Cittanova fondata dallo stesso Maiolo, di cui non si trova neppure il sito internet.



L’accoglienza intermittente

Il finanziamento di Palazzo Chigi sembra che vada a riempire il vuoto di recente lasciato proprio dalla mancata opportunità di sottoscrivere nuovi progetti con “affidamenti diretti” e dunque “senza bandi”, come denunciato da Trifoli in più di un’occasione negli ultimi anni. Riempire un vuoto, perché l’accoglienza era talmente urgente che, tolto Lucano, Riace è uscita dalla Rete dei comuni solidali. “Non è stato possibile continuare con l’attuale amministrazione”, lamenta lo scorso ottobre su un sito locale lo stesso Maiolo. Il riferimento è alla giunta Trifoli che, come stiamo documentando, ha denunciato alla Procura di Locri la presenza di possibili “reati”. Un’amministrazione che – evidentemente – ha modi diversi di gestire la cosa pubblica rispetto a Lucano, modi che a Maiolo non piacciono. Ma i motivi formalmente addotti dal legale rappresentante di Recosol sono “i fatti ben noti diventati di pubblico domininio nazionale”. Nessun dato oggettivo e documentato, solo le uscite dei cantori mainstream del sistema Riace, molti dei quali vantano interessi diretti nella gestione della cosiddetta “accoglienza” riacese e dell’hinterland reggino (fondazione “E’ stato il vento”, compravendita frantoio, raccolte fondi della stampa locale calabrese).


Questioni di trasparenza

Ma il problema di quello che appare a tutti gli effetti un sistema parallelo non è tanto la consistenza delle somme – per quanto il metodo strettamente legato a Riace secondo le rilevazioni effettuate da inquirenti, militari e ispettori del ministero dell’Interno permettesse (come abbiamo documentato varie volte e come rilevato dalla Procura di Locri) la distrazione di ingenti quantità di denaro – ma quella che appare come una totale e inspiegabile mancanza di trasparenza. In altre parole: perché i progetti di Recosol – stando a quanto riferito dallo stesso sindaco – non sono stati documentati e rendicontati presso l’ente che eroga i finanziamenti?


“Progetti Emergenza Nord Africa, Niger e Ampliamento Sprar: mancano i rendiconti”

“Con la presente – è il tenore dell’informativa che Trifoli fa pervenire alla Procura di Locri – si denuncia che agli atti di questo Ente non è stato riscontrato alcun rendiconto in merito ai cosiddetti progetti “Emergenza Nord Africa”, “Niger” e “ampliamento rete SPRAR”, per i quali il Comune di Riace ha erogato ingenti somme. Si specifica – puntualizzava il sindaco di Riace – che a rappresentare la suddetta associazione sin dal 2012 per la gestione dei progetti di accoglienza era tale sig. Giovanni Maiolo di Caulonia (RC). Si trasmette per eventuali accertamenti di possibili reati”.


Che fine hanno fatto i 294mila euro?

Così come venivano trasmesse, in calce i mandati di pagamento di cui il Comune di Riace – ora in dissesto a causa del post Lucano – si è dovuto far carico negli anni a fronte di una popolazione di circa duemila abitanti che certamente avrebbe tratto giovamento dei fondi destinati a quella che gli inquirenti hanno documentato fosse un’accoglienza fasulla. Il 10 aprile del 2014, la giunta Lucano sborsa 102.205,90 euro per gli Sprar; il 16 agosto del 2012, quasi 12mila euro. Il 7 settembre dello stesso anno – appena un mese dopo, altri 18mila euro circa. Il 3 dicembre del 2013 l’anno si chiudeva col botto, con una liquidazione per un “ampliamento” Sprar da 103.040 euro, solo per ricordare alcune delle cifre documentate dal Comune (in basso e nel Pdf)


La denuncia alla Procura di Locri del sindaco (guarda caso) oggetto di attacchi

Che fine hanno fatto i soldi di cui Trifoli fa menzione alla Procura di Locri? Come sono stati impiegati? Dove sono stati attivati i progetti e in cosa sono consistiti? Chi hanno riguardato? Perché, allo stato, il Comune di Riace si trova sprovvisto di pezze d’appoggio per affermare che, sì, effettivamente di accoglienza si è trattato? Perché non si è mai provveduto ad effettuare, stando a quanto rilevato dall’amministratore, un bando ad evidenza pubblica ma si è sempre proceduto con “affidamenti diretti”? Perché Recosol, andato Lucano, ha espulso Riace se il borgo reggino era il cuore pulsante di un’accoglienza di cui alcuni tessono – insistentemente ma senza riferimenti concreti – le lodi?




Iscriviti alla nostra Newsletter!


Tags:

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.