Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

“Illeciti” Tim, interviene la politica


Non bastava il calo di fiducia dopo la vendita dei dati personali dei clienti al governo. L’azienda ha deciso anche di esporre i consumatori a rincari. Ecco quali



Non bastava il calo di fiducia dopo la vendita dei dati personali dei clienti al governo. Negli ultimi tempi Tim ha deciso anche di esporre i consumatori a rincari per “servizi non richiesti”. Un’ingiustizia che, in tempi di crisi in cui si sta più attenti a quello che si spende, ha provocato una sorta di sollevazione popolare. Tanto che la vicenda è entrata nei palazzi della politica. La misura adottata dalla compagnia telefonica è del 13 gennaio scorso, quando Tim ha apportato una modifica che fa in modo che il costo pagato per la propria ricarica non corrisponda al credito che si riceve.


C’è infatti il “bonus extra” per le ricariche di piccolo taglio che, per esempio, su una ricarica da cinque euro farà in modo che l’azienda trattenga un euro. “Gli operatori – specifica Fulvio Martusciello, europarlamentare di Forza Italia – hanno di fatto reintrodotto il costo fisso per la ricarica che era stato abolito dal decreto Bersani, che vietava agli operatori telefonici l’applicazione di costi fissi aggiuntivi rispetto al costo del traffico.
In tutti questi casi si tratta di servizi non richiesti dagli utenti, che di fatto richiedono traffico per telefonate, SMS e traffico dati. Inoltre, quello che è più grave, è che si colpiscono le fasce di utenti più deboli con ridotta capacità di spesa, come studenti, non occupati e anziani”.


Per fermare la pratica che Martusciello non esita a definire “illecita”, è stata presentata un’interrogazione alla Commissione europea. “L’obiettivo – chiude l’eurodeputato – è sollecitare un intevento per salvaguardare la parità di trattamento dei consumatori”.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.