Seguici

© Rec News -

del

Due parole potrebbero riassumere il governo Meloni che questa mattina ha giurato davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella: continuità e rottura. La prima è incarnata soprattutto dalla presenza di Giancarlo Giorgetti, il tessitore leghista che dal 2013 – quando viene inserito tra il gruppo dei “Grandi Saggi” da Giorgio Napolitano – aleggia nelle istituzioni. A lui spetterà il compito più ostico: traghettare l’economia del Paese in un momento che l’uscente premier Mario Draghi ieri a Bruxelles ha definito – ottimisticamente – “difficile”.

L’anima atlantista e interventista propria del governo appena formato è invece incarnata da Adolfo Urso, che guiderà il ministero delle Imprese e del Made in Italy (prima MISE). Ex presidente del Copasir, negli anni ’80 è missino, nei ’90 contribuisce alla fondazione di Alleanza Nazionale. Presidente della Fondazione Fare Futuro, è sposato con Olga Sokhnenko, ucraina proveniente dalla Repubblica di Lugansk. Fa parte dei cosiddetti “pretoriani” di Giorgia Meloni assieme a Ignazio Larussa (presidente del Senato), Guido Crosetto (Difesa), Daniela Santanché (Turismo), Luca Ciriani (Rapporti con il Parlamento) e Francesco Lollobrigida, il cognato di Giorgia Meloni che presiederà il ministero dell’Agricoltura.

Il filo (azzurro, più che rosso) tra i governi Conte, Draghi e Meloni è rappresentato invece da Elisabetta Alberti Casellati, presidente uscente del Senato, berlusconiana che il Cav avrebbe voluto alla Giustizia che però dovrà accontentarsi di un ministero senza portafoglio alle Riforme. Il Guardasigilli sarà invece Carlo Nordio, che avrà il compito di riformare il sistema dei tribunali e anche quello di lasciarsi alle spalle – e di sotterrare definitivamente – qualche uscita come minimo ambigua.

Si parla, ancora, “istituzionese” con le rassicuranti nomine a vicepremier di Antonio Tajani (alla Farnesina) e Matteo Salvini. Il segretario della Lega ottiene il dicastero alle Infrastrutture e alla Mobilità sostenibile da dove potrebbe portare a casa l’agognato Ponte sullo Stretto e un punto di vista privilegiato sugli snodi portuali. Sempre in quota Carroccio la nomina strategica di Roberto Calderoli (Affari regionali) e quelle di Alessandra Locatelli (Disabilità), Matteo Piantedosi (Interno) e Giuseppe Valditara (Istruzione).

Le quote “diritti”

Un punto di rottura rispetto ai precedenti esecutivi progressisti è invece rappresentato dalle nomine di Eugenia Maria Roccella (ministro della Famiglia e della Natalità) e di Alfredo Mantovano (sottosegretario). La prima – ex radicale redenta – dovrebbe essere la garante dei diritti delle madri e dei nascituri, cui il governo Meloni promette di dare sostegno economico per scongiurare la pratica dell’aborto come scorciatoia rispetto alla crisi economica delle famiglie. Mantovano – giurista e co-fondatore del Centro Studi Livatino – è l’anima cattolica dell governo, quasi in rappresentanza di quella quota di elettori che con i precedenti governi ha patito, tra le altre cose, il colpo inferto ai luoghi di culto. Co-adiuverà il lavoro di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi, da dove ha scalzato – per il momento – Fazzolari, dato per certa dai media mainstream. Una triade che si completa idealmente con la nomina di Lorenzo Fontana alla presidenza della Camera, tre volte laureato, identitario e fervente sostenitore dei diritti delle famiglie naturali e del Diritto alla Nascita.

Il centroavanti dell’ISS e il premio al governatore che impose il Green Pass

Finite nel nulla le teorie su Licia Ronzulli ministro della Salute. L’incarico sarà ricoperto da Orazio Schillaci, già componente del comitato tecnico-scientifico che tutti ormai ricordano per la gestione del periodo covid. Premiato con un ministero delle Politiche del Mare e del Sud (altro dicastero strategico per quanto riguarda il Ponte sullo Stretto) è Nello Musumesi, il governatore siciliano uscente che impose per primo il Green Pass negli uffici pubblici. Parentesi istituzionali tristi che, si spera, il governo Meloni vorrà archiviare.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell'attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l'abilitazione per iscriversi all'Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell'Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l'incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull'affare Coronavirus e su "Milano come Bibbiano". Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de "I padroni di Riace - Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato". Telegram: t.me/zairabartucca - sito: www.zairabartucca.it

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

POLITICA

Valditara sulla vicenda dei tredici funzionari del Miur indagati

I fatti contestati riguardando il 2017 e un Concorso per dirigenti scolastici

© Rec News -

del

Valditara sulla vicenda dei tredici funzionari del Miur indagati | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Seguo con estrema attenzione la vicenda dei tredici funzionari del Ministero indagati per falso ideologico. Nel rispetto più assoluto della cultura liberale e garantista in cui mi sono sempre riconosciuto, e quindi in attesa che la specifica vicenda giudiziaria segua il suo corso, tengo da subito a riaffermare un principio-cardine: il Ministero deve essere una casa trasparente e chi ci lavora deve avere sempre come riferimenti la responsabilità istituzionale e la condotta inappuntabile che ne deriva. La trasparenza dell’amministrazione pubblica verso gli altri organi dello Stato e verso i cittadini è un valore fondamentale”. È quanto ha detto Giuseppe Valditara, Ministro dell’Istruzione e del Merito, sulla vicenda che vede coinvolti 13 funzionari del Miur accusati di aver pilotato il risultato del concorso per dirigenti scolastici nel 2017.

Nel mirino degli inquirenti sono finite anche sei delle nove commissioni giudicatrici del Lazio. Secondo le ipotesi, gli indagati avrebbero pilotato un concorso per dirigente scolastico, inserendo nel sistema CINECA i risultati delle prove ancor prima che queste venissero effettuate. Il Concorso DS 2017 prevedeva – per la prima volta dopo venti anni – una selezione su scala nazionale per la copertura di quasi 2500 posti da dirigente scolastico da assegnare nel corso del triennio successivo. Stando a quanto desunto dai sostituti procuratori Laura Condemi e Alessandra Fini, che coordinano le indagini, tra febbraio e marzo del 2019 gli indagati avrebbero truccato almeno 64 verbali di correzione delle prove.

Continua a leggere

POLITICA

Sbarchi fuori controllo, Tajani: “Viaggi organizzati, altro che disperati. Ora fermare le barche e accordi su ricollocamento”

Il vicepremier titolare della Farnesina: “Non bisogna fare il gioco di chi specula. Ci invitano ai vincoli di solidarietà europea? Anche noi siamo Europa. Ora fermare le barche prima che partano e regole chiare sul ricollocamento”

© Rec News -

del

Sbarchi incontrollati, Tajani: "Viaggi organizzati, altro che disperati. Ora fermare le barche e accordi su ricollocamento" | Rec News dir. Zaira Bartucca

“L’Italia rispetta il diritto internazionale. Sono le Organizzazioni non governative che devono rispettare le regole. Non c’è nessun conflitto con l’Europa: noi pure siamo Europa e molti Paesi hanno il nostro problema”.

«Lunedì prossimo al consiglio Affari esteri porrò ai miei colleghi il tema dell’immigrazione. Come ha scritto anche Frontex, l’Agenzia europea della vigilanza dei confini, c’è una strategia chiara. Non siamo di fronte a persone che sono in difficoltà in mare perché hanno fatto naufragio, ma a viaggi organizzati. Spesso i trafficanti partono quando sanno che c’è una Ong in giro: non è più soccorso ma una sorta di servizio taxi fatto per sfruttare la disperazione delle persone».

«All’Europa chiediamo un accordo per stabilire in base alla popolazione come vengono ricollocati nei vari paesi i migranti che hanno diritto all’asilo. Dobbiamo aggiornare Dublino, altrimenti non ne usciamo. Se non ci aiutano ad arginare il flusso dei migranti, l’Italia con i suoi 7 mila chilometri di coste si troverà in difficoltà. Bisogna anche intervenire a monte, cominciando dall’Africa, dove serve un piano Marshall di 100 miliardi per combattere povertà, malattie, terrorismo e guerre in modo da impedire la fuga di chi nasce lì. Quindi bisogna fare accordi con i paesi del Nord Africa per bloccare le partenze e fermare i trafficanti, distruggendo i motori delle loro barche“.

«Cosa si fa con chi è arrivato? Tutti quelli che potevano scendere sono scesi. Ma siccome c’è un disegno chiaro dietro questa vicenda, quello di scaricare in continuazione migranti, chi non risponde ai requisiti deve essere riportato in Norvegia o in Germania».

«Se c’è un appuntamento tra trafficanti e Ong non siamo di fronte a un naufragio. Dobbiamo stroncare questo traffico. Salvare essere umani sì, intervenire in mare per migliorarne le condizioni okay, ma fare il gioco di chi specula sulla disperazione di queste persone no. Le norme del codice sono chiarissime: ora servono regole sul ricollocamento. Perché, come ho detto, le Ong non incrociano per caso i trafficanti».

Sono i punti salienti di un’intervista rilasciata alla Nazione-Carlino-Giorno dal vicepremier con delega agli Esteri Antonio Tajani.

Continua a leggere

POLITICA

Prima riunione del Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza

Si è discusso di possibili ricadute sociali generate dal quadro economico e di migranti

© Rec News -

del

Prima riunione del Comitato Nazionale per l'Ordine e la Sicurezza | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato stampa

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha presieduto questa mattina il Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica a cui hanno partecipato il Capo di Gabinetto del Viminale, il Capo di Stato maggiore della Difesa, il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, i comandanti generali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il capo Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, i direttori degli organismi di informazione e sicurezza, il Capo dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione e il Comandante generale delle Capitanerie di porto. In sede di Comitato è stata effettuata un’analisi della situazione nazionale dell’ordine e della sicurezza pubblica, tenuto conto della evoluzione del quadro economico e sociale. Dall’analisi previsionale con i vertici delle Forze di polizia e della intelligence non sono emerse particolari criticità.

Sul fronte migratorio è stata fatta una disamina delle rotte di ingresso in Italia e delle diverse cause che alimentano i flussi. Dall’inizio del 2022 al 26 ottobre sono giunti in Italia 79.647 migranti, a seguito di 2.044 eventi di sbarco, con un incremento del 50,78% rispetto all’analogo periodo del 2021. L’aumento è da attribuirsi, in gran parte, all’incremento degli arrivi dalla Libia, dalla Tunisia e dalla Turchia, principali Paesi di partenza dei migranti. Con specifico riferimento alla Libia, il protrarsi della situazione di instabilità interna è un elemento determinante nella crescita della spinta migratoria (+75,83%). In aumento rispetto allo scorso anno è il flusso proveniente dalla Tunisia che, al 26 ottobre, registra un + 25,96% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Consistente è il flusso in arrivo dalla Turchia, che ha fatto registrare, dall’inizio dell’anno, un incremento del 43,02% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. In lieve calo è il flusso migratorio dall’Algeria, diretto quasi esclusivamente in Sardegna, con un decremento, al 26 ottobre, del 7,12% rispetto all’analogo periodo del 2021. Sulla scorta di tale analisi è stata condivisa l’esigenza di avviare iniziative a livello europeo e i Paesi di origine e transito dei migranti per una gestione comune del fenomeno migratorio che consenta di governare i flussi attraverso il rafforzamento dei canali di ingresso legali, che tengano conto, nella ripartizione delle quote riservate ai singoli Stati, dell’impegno da questi profuso nel contrasto alla immigrazione illegale. Un tavolo ristretto convocato a breve sarà chiamato a tradurre gli elementi informativi acquisiti questa mattina in indicazioni operative.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione