Seguici

© Rec News -

del

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Si è tenuta a Washington la riunione 2022 del Bilderberg, ritornata dopo due anni di assenza causa covid. Il meeting riunisce politici, industriali, rappresentanti di organismi, docenti universitari e rappresentanti di governo. Per alcuni si tratta di un gruppo di pressione che organizza i punti in agenda su scala globale, per altri un’occasione di confrontarsi a nome proprio e non del proprio ruolo. Quel che è certo, è che la riunione avviene al riparo da occhi indiscreti, senza che si possa conoscere il contenuto degli interventi.

I partecipanti italiani

Quest’anno i partecipanti italiani sono stati due: il riconfermato Stefano Feltri (direttore de Il Domani) e Francesco Starace (Amministratore delegato di Enel S.p.a). Nelle precedenti edizioni hanno partecipato, tra gli altri, Lilli Gruber, Mario Monti, Matteo Renzi. Per quanto riguarda le partecipazioni internazionali, scorrendo la lista completa del 2022 saltano all’occhio i nomi di Audrey Azoulay (direttore generale Unesco), Albert Bourla (Ceo di Pfizer), José Manuela Barroso (Goldman Sachs International), William J.Burns (direttore della CIA), il solito Henry Kissinger, Yann LeCun (vicepresidente di Facebook), Charles Michel (presidente del consiglio europeo), Eric E. Schmidt (Former CEO and Chairman, Google), Kevin Scott (Microsoft Corporation) e Jens Stoltenbergs (segretario generale della NATO).

Rafforzate le presenze ucraine

Quest’anno è stata inoltre – prevedibilmente – rafforzata la componente ucraina, con la partecipazione dell’ambasciatrice in America Oksana Markarowa e con il rappresentante dei magnati del gas Yuriy Vitrenko (Naftogaz). Non deve stupire, visto che il Bilderberg è stato creato nel 1954 in chiave anti-russa (all’epoca anti-URSS), su impulso della CIA e a sostegno dell’attività della NATO.

I punti in Agenda

Quest’anno i punti all’ordine del giorno sono stati 14 e piuttosto impegnativi per esponenti che partecipano “a titolo personale”: riallineamenti geopolitici, sfide della NATO, Cina, riallineamenti indo-pacifici, competizione tecnologica tra Cina e Stati Uniti, Russia, Economia e continuità di governo, Interruzione del sistema finanziario globale, disinformazione, Energia sicurezza e sostenibilità, Salute post-pandemica, frammentazione delle società democratiche, commercio e deglobalizzazione, Ucraina.

Aspetti controversi

Il Club Bilderberg è stato fondato su impulso della CIA, ma anche per iniziativa diretta del banchiere David Rockfeller, che ha fondato anche la Commissione Trilaterale, altro gruppo di potere dove siedono 300 rappresentanti influenti che portano avanti gli obiettivi del “gruppo di studio”.

C’è chi considera “prestigiose” questo tipo di riunioni, e anche chi le ha criticate aspramente. E’ il caso del magistrato Ferdinando Imposimato, che definì il gruppo Bilderberg come “uno dei responsabili della strategia della tensione e quindi anche delle stragi” che hanno toccato anche l’Italia.

Continua a leggere
Leggi i Commenti
Iscriviti
Notificami
guest
3 Commenti
Nuovi
Meno recenti Più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Giuseppe Casamassima

Ha ragione. Bilderberg dal nome del castello dove si svolse la prima riunione. Però, piuttosto che sottolineare una “n” al posto della “r” finita lì a causa della digitazione automatica, cerchiamo di capire la “sostanza delle cose”, cioè quello che ho aggiunto a ricca integrazione dell’articolo. Sennò chi legge può capire che il Club Bilderberg sia uno dei vari gruppi lobbistici di pressione, e non invece il Club dei Padroni dell’Europa Occidentale.

Giuseppe Casamassima

Il Bildenberg non è un gruppo di pressione o di discussione. Oggi è un Club che organizza strategie politiche e geoeconomiche a tutela degli interessi dei grandi capitali euroatlantici.

Riguardo alla presenza di importanti personaggi italiani, l’elenco è molto più lungo, secondo le informazioni segrete rivelate al mondo da Julian Assange.

Innanzitutto, tra i Dirigenti esecutivi permanenti, vi sono i padroni dell’Italia, che non a caso sono stati i primi sponsor del governo tecnico di Draghi. Parlo ovviamente di John Elkann, insieme al cugino in seconda Agnelli Andrea che, per beni patrimoniali, è l’uomo più ricco d’Italia.

Fra i cooptati dell’elite della Classe dominante italiana, vi sono poi la Moratti Letizia, Tronchetti Provera, De Benedetti Rodolfo (il figlio di Carlo l’Ingegnere), Emma Marcegaglia, Corrado Passera e i manager di Intesa san Paolo e Mediobanca.

Questi i membri direttivi, che invitano annualmente degli Agenti (tecnici, politici e giornalisti).

In primis, Mario Draghi che vi fa parte dal 2001, quando era ancora “solo” un alto burocrate italiano. E che proprio dopo la sua cooptazione tra gli Agenti più fedeli del Bildenberg ha iniziato la sua brillante carriera di “tecnico” a servizio degli interessi del grande capitale transnazionale in Goldman Sachs, poi al vertice di Bankitalia poi alla BCE, ora al governo dell’Italia e fra qualche mese alla Segreteria generale della NATO.

Vi sono poi i manager delle due maggiori Multinazionali italiane (Eni e Enel).

Vi sono poi i maggiori euroburocrati italiani tecnico-politici: Mario Monti, Renato Ruggero, il defunto Tommaso Padoa Schioppa, Domenico Siniscalco, Paolo Scaroni, Franco Bernabè, Fulvio Conti, Renato Ambrosetti, Paolo Fresco, Federico Confalonieri, Lorenzo Piccardi, Romano PRODI, Gian Pietro Gros.

Vi appartiene Giuliano Amato, non a caso collocato da Draghi alla presidenza della Corte Costituzionale in una fase in cui la Costituzione italiana viene profondamente violentata (green pass, art. 11 ecc.).

Vi appartiene poi ENRICO LETTA del PD che, insieme allo zio Gianni di Forza Italia, fa parte anche della Trilateral Commission e dell’Aspen Institute (altra organizzazione dell’Elite trasnazionale).

Fra i giornalisti vi sono gli opinion maker e i direttori delle testate main stream, ad esclusione di quelli RAI perché gia di loro sono schierati, allineati e coperti fin dagli anni 50 (ad es. un Bruno Vespa agisce in linea bildenberghiana già in automatico, senza bisogno di direttive).

Tra gli opinion maker figurano tra gli agenti del Bildenberg i seguenti: Enrico MENTANA, Carlo Rossella, Paolo Mieli, Federico Fubini, Gianni Riotta, Ferruccio de Bortoli, Lucio Caracciolo.

Vi fa parte anche la signora Gruber, che vi fu introdotta da Franco Bernabè, poiché ritenuta “dotata di brillanti capacità per orientare l’opinione pubblica italiana conducendo programmi televisivi nelle fasce di massimo ascolto”. Cosi si legge nei files di Assange.

ECONOMIA

Consigli efficaci per risparmiare denaro se sei un libero professionista

© Rec News -

del

Consigli efficaci per risparmiare denaro se sei un libero professionista
Sponsorizzato

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Essere un libero professionista può essere un’avventura emozionante, ma può anche comportare una certa incertezza finanziaria.

Dal momento che sei responsabile della tua entrata e delle tue spese, è essenziale adottare abitudini finanziarie sane per garantire la stabilità economica e il successo nel lungo termine della tua attività.

In questo articolo, esploreremo una serie di consigli pratici per aiutarti a risparmiare denaro e gestire le tue finanze in modo efficace come libero professionista.

1. Pianifica un budget dettagliato

Il primo passo per risparmiare denaro è creare un budget dettagliato che tenga conto di tutte le tue entrate e uscite. Inizia annotando tutte le tue fonti di reddito mensili, compresi gli incassi derivanti dalla tua attività professionale e da altre eventuali fonti.

Successivamente, elenca tutte le tue spese fisse, come l’affitto, le utenze e l’assicurazione, nonché le spese variabili, come il cibo, i trasporti e le spese aziendali.

Una volta creato il tuo budget, monitoralo attentamente e aggiorna regolarmente le tue entrate e uscite per mantenere il controllo delle tue finanze.

2. Identifica e riduci le spese superflue

Esamina attentamente le tue spese mensili per identificare eventuali aree in cui puoi ridurre i costi o eliminare spese superflue. Potresti scoprire che ci sono abbonamenti mensili a servizi che non utilizzi o che potresti risparmiare denaro riducendo le uscite per intrattenimento e acquisti non essenziali.

Ridurre le spese superflue ti aiuterà a liberare fondi che potrai destinare al risparmio o reinvestire nel tuo business.

3. Sfrutta le detrazioni fiscali

Come libero professionista, hai diritto a sfruttare una serie di detrazioni fiscali che possono ridurre il tuo carico fiscale complessivo.

Consulta un commercialista o un esperto fiscale per assicurarti di approfittare di tutte le detrazioni disponibili per i professionisti autonomi. Queste detrazioni possono includere spese aziendali, come attrezzature e forniture, spese di viaggio e intrattenimento, e persino spese per l’istruzione e la formazione professionale.

Ad esempio, con Fiscozen puoi ricevere una consulenza fiscale totalmente gratis e senza impegno con un esperto. Ti aiuterà a capire cosa puoi detrarre.

4. Investi in strumenti e tecnologie efficaci

Investire in strumenti e tecnologie efficienti può semplificare il tuo lavoro e aiutarti a risparmiare tempo e denaro nel lungo termine.

Ad esempio, considera l’acquisto di software di gestione del tempo e della produttività che ti consentano di organizzare facilmente le tue attività e monitorare il tempo dedicato a ciascun progetto.

Inoltre, l’automatizzazione di processi ripetitivi può aumentare la tua produttività e liberare il tuo tempo per concentrarti su attività più redditizie.

5. Costruisci un fondo di emergenza

Infine, è essenziale avere un fondo di emergenza per affrontare eventuali imprevisti finanziari che possono verificarsi nel corso della tua attività. Questo fondo dovrebbe essere sufficiente per coprire almeno tre-sei mesi di spese personali e aziendali.

Metti da parte una parte delle tue entrate mensili per costruire gradualmente questo fondo e assicurarti di essere preparato per qualsiasi eventualità, come la perdita di un cliente o un’emergenza medica.

Conclusione

Essere un libero professionista offre molte opportunità, ma richiede anche una gestione finanziaria oculata.

Ricorda di essere costante nel monitorare il tuo budget e di adattare le tue strategie di risparmio in base alle tue esigenze e alle condizioni del mercato. Con una pianificazione attenta e una gestione finanziaria oculata, puoi avere successo come libero professionista e raggiungere i tuoi obiettivi finanziari e professionali.

Continua a leggere

ECONOMIA

Fine mercato tutelato luce e gas: cosa succede alle nostre bollette?

© Rec News -

del

Fine mercato tutelato luce e gas: cosa succede alle nostre bollette?

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

L’inizio del 2024 ha sancito la conclusione formale del regime tutelato per la fornitura di gas, e a breve, nel mese di luglio, sarà la volta dell’energia elettrica. Questo argomento è stato oggetto di ampio dibattito da parte di tutti i mezzi di comunicazione nei mesi recenti, ma non è banale comprendere appieno l’entità di questa transizione e le sue implicazioni sulle nostre fatture energetiche. Facciamo allora il punto della situazione, cercando di fornire risposte chiare ed esaurienti alle domande più frequenti che possono sorgere in merito a questo cambiamento, dall’aspetto normativo alla sua diretta incidenza sui costi in bolletta, al fine di gettare luce sulle prospettive future dei consumatori e sulle dinamiche del mercato energetico nazionale.

Cosa si intende per mercato tutelato di gas ed elettricità?

Si tratta di un meccanismo di distribuzione dell’energia destinato ai consumatori residenziali e alle aziende, gestito in conformità alle disposizioni stabilite dall’ARERA (Autorità di Regolazione per l’Energia Reti e Ambiente), un organo incaricato di definirne le norme e soprattutto i costi, regolarmente adeguati in base all’andamento dei costi all’ingrosso delle materie prime (il gas metano e l’energia elettrica). Tale sistema costituisce un’alternativa al mercato libero dell’energia, dove numerosi fornitori operano in un contesto di competizione aperta, vigilata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. La distinzione tra questi due mercati risiede nel fatto che, nel regime tutelato, l’ARERA assume un ruolo chiave nell’assicurare una gestione regolamentata e trasparente, tutelando gli interessi dei consumatori e monitorando costantemente gli sviluppi del settore. Per contro, lo scenario competitivo del libero mercato fa sì che si possano sottoscrivere in molti casi offerte particolarmente convenienti, ad esempio perché il fornitore blocca il prezzo dell’energia per un periodo stabilito da contratto e quindi mette al riparo da eventuali rincari.

Per quale motivo il mercato tutelato dell’energia viene chiuso?

L’annuncio della conclusione del regime di tutela dell’energia era stato programmato diversi anni fa, ma a causa di svariate circostanze, come ad esempio la crisi energetica derivante dalla guerra in Ucraina, è stato soggetto a ripetuti rinvii. La chiusura di questo mercato si propone come un acceleratore per il processo di transizione verso il mercato libero, dove i consumatori godono della libertà di selezionare autonomamente i loro fornitori di gas ed elettricità. Da notare che il passaggio definitivo al mercato libero costituisce uno degli obiettivi centrali del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), e la decisione di chiudere il mercato regolamentato è strettamente connessa alle deliberazioni della Commissione Europea riguardo alla concessione delle rate previste nel PNRR.

Come si capisce se si è già nel mercato libero o ancora in quello tutelato?

Basta esaminare una delle bollette energetiche più recenti ricevute: i fornitori sono tenuti a segnalare esplicitamente questa distinzione, riportata nella sezione superiore del documento attraverso le specifiche diciture “servizio di maggior tutela”, “mercato libero dell’energia”, o varianti molto simili. Anche i colori possono aiutare: se la bolletta è a colori dovrebbe essere relativa a una fornitura che aderisce già al mercato libero, se è in bianco e nero invece è stata emessa in regime di tutela. Se non volete controllare la bolletta ma vi ricordate di aver cambiato fornitore energetico dopo il 1999, è molto probabile che la vostra attuale offerta luce o gas faccia già parte del mercato libero.

Quali sono le implicazioni per chi, alla scadenza del regime di tutela, non ha ancora effettuato la transizione al mercato libero?

Per coloro che non hanno ancora raggiunto l’età di 75 anni e non versano in condizioni economiche o sanitarie svantaggiate, ovvero sono classificati come clienti non vulnerabili, si delineerà il seguente scenario di transizione: per quanto concerne la fornitura di gas, manterranno il loro attuale fornitore, ma si vedranno modificare l’offerta energetica applicata con una nuova tariffa PLACET; per la fornitura di elettricità, verranno trasferiti dal mercato regolamentato al servizio a tutele graduali, con l’assegnazione automatica di un nuovo fornitore in base alla zona di residenza e, ancora una volta, con l’applicazione di una tariffa PLACET. Va sottolineato che, in ogni caso, la fornitura non subirà mai interruzioni durante questo processo di transizione. Questa procedura è stata concepita per garantire una continuità del servizio energetico, mentre contemporaneamente introduce nuovi elementi contrattuali e tariffe che rispecchiano l’evoluzione del contesto energetico post-chiusura del mercato tutelato.

Per la luce si saprà in anticipo a quale fornitore si verrà assegnati?

Sì, i fornitori sono stati scelti con un meccanismo di aste e selezionati su base geografica. L’elenco dei fornitori per ogni provincia è disponibile sul sito dell’ARERA. Il 1° luglio 2024, pertanto, i clienti non vulnerabili che avranno ancora un contratto per l’energia elettrica in regime di tutela passeranno automaticamente ai nuovi gestori così definiti.

E ai clienti vulnerabili cosa succede?

I soggetti che hanno superato l’età di 75 anni o che si trovano in una situazione di svantaggio economico o sanitario, come ad esempio coloro che già beneficiano di bonus sociali, identificati come utenti vulnerabili, sperimenteranno il seguente processo di transizione: per quanto riguarda il gas, saranno riassegnati al cosiddetto servizio di tutela della vulnerabilità, concepito per mantenere le caratteristiche economiche del mercato tutelato; per quanto concerne la fornitura di elettricità, manterranno la loro posizione nel regime di tutela senza modifiche nell’immediato. Questo meccanismo è progettato specificamente per garantire che gli utenti vulnerabili siano adeguatamente assistiti e tutelati in modo continuativo, preservando le condizioni di partenza secondo un approccio ponderato e graduale al processo di transizione energetica.

Cosa sono le offerte PLACET?

L’acronimo indica una modalità di fornitura energetica caratterizzata da un Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela. Tale concetto si colloca in una posizione intermedia tra il regime di tutela e il mercato libero. Nell’ambito delle proposte tariffarie PLACET, le condizioni contrattuali sono stabilite dall’ARERA, mentre gli aspetti economici sono delineati in modo specifico da ciascun fornitore e soggetti a rinnovo su base annuale. Da notare che non esistono offerte PLACET dual, ovvero con la fornitura congiunta di energia elettrica e gas metano, ma ovviamente è possibile avere una tariffa PLACET per la luce e una distinta per il gas. Questo tipo di offerte esiste anche nel mercato libero, ma quelle a cui vengono assegnati d’ufficio i consumatori in tutela sono chiamate PLACET in deroga. Sul mercato libero le offerte PLACET sono disponibili sia a prezzo fisso sia a prezzo indicizzato, cioè variabile: come per gli altri tipi di tariffe, il prezzo variabile dipende dai due indici che esprimono il costo all’ingrosso della materia prima energia, cioè il PUN (Prezzo Unico Nazionale) per l’elettricità e il PSV (Punto di Scambio Virtuale) per il gas; quelle a prezzo fisso invece sono caratterizzate da un costo stabile per la componente energia, indipendentemente dall’andamento del mercato energetico, con le condizioni economiche che si rinnovano una volta ogni dodici mesi e il fornitore che ne deve dare comunicazione almeno tre mesi in anticipo.

Si riceveranno comunicazioni dal fornitore attuale in merito alla fine della tutela?

Guardando alla casistica del gas, per cui la fine del mercato tutelato è già avvenuta, le disposizioni dell’Autorità regolatrice hanno stabilito che i fornitori dovessero inviare ai loro clienti apposite comunicazioni in bolletta in tempo utile, cioè alcuni mesi prima della scadenza, che ricordiamo essere divenuta effettiva dal 1° gennaio 2024. In particolare, le comunicazioni contenevano informazioni sul processo da seguire sia per i clienti vulnerabili sia per quelli non vulnerabili, con il dettaglio delle condizioni economiche applicate per entrambi da quella data in poi, oltre alle modalità con cui dichiararsi cliente vulnerabile per i consumatori che ne avessero diritto ed eventualmente un’indicazione delle offerte per passare al mercato libero con lo stesso fornitore.

Cosa conviene fare nei prossimi mesi?


Inevitabilmente, arriverà il punto in cui la transizione al mercato libero diventerà una necessità per tutti i consumatori; pertanto, può essere il momento di anticipare tale processo per evitare l’applicazione di tariffe non richieste e preservare il controllo sulle proprie fatture energetiche. Le offerte PLACET assegnate automaticamente potrebbero non garantire gli stessi vantaggi di quelle selezionate in modo consapevole. In questo senso, la transizione verso il mercato libero è non solo un adempimento futuro obbligatorio, ma anche un’opportunità di ottimizzare i costi energetici, visto anche che si tratta di un’operazione completamente gratuita. Ma come possiamo essere certi di ottenere risparmi effettivi nel passaggio al mercato libero? Su internet, diversi servizi offrono la possibilità di confrontare le tariffe di luce e gas e ci sono anche molte risorse di divulgazione (come questo osservatorio energetico) che comunicano periodicamente i dati aggiornati sui costi che caratterizzano il mercato libero e quello tutelato. Alcuni servizi di confronto forniscono persino una consulenza dettagliata basata sull’analisi delle ultime fatture, consigliando in modo personalizzato se e come cambiare fornitore. In linea generale, è sempre consigliabile monitorare attentamente le bollette ricevute per individuare tempestivamente eventuali variazioni contrattuali imposte dal fornitore attuale e per comparare i prezzi con le offerte disponibili nel vasto panorama del mercato libero. Un approccio proattivo e informato consente ai consumatori di gestire in modo efficace la propria fornitura energetica, assicurandosi di ottenere il massimo valore dai servizi offerti nel mercato libero.

Continua a leggere

ECONOMIA

PNNR e PMI, stanziati 4 miliardi con il Fondo 394

Cosa prevede, le condizioni di finanziamento e chi può accedere

© Rec News -

del

PNNR e PMI, stanziati 4 miliardi con il Fondo Simest 394 | Rec News dir. Zaira Bartucca
Foto ©Denys Shevchenko/ REC NEWS

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Quattro miliardi alle imprese italiane, con un’attenzione per quelle piccole e medie che desiderano espandersi all’estero. E’ la dotazione del Fondo Simest 394 che è stato presentato questa mattina alla Farnesina alla presenza del vicepremier e ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani. Nel corso dei lavori la firma del protocollo d’avvio da parte del presidente dell’Agenzia ICE Matteo Zoppas.

Cosa prevede il Fondo 394

Il fondo sostiene solo le filiere che si occupano di export e che sposano i programmi inerenti la transizione ecologica e digitale. Previste “condizioni dedicate” per le imprese che hanno interessi in aree quali i Balcani occidentali e nei territori alluvionati dell’Emilia Romagna. Nel dettaglio, il fondo 394 prevede finanziamenti a tassi agevolati fino allo 0,464% (tasso luglio 2023), a cui si aggiunge una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 10%. Sei le linee di intervento: transizione digitale o ecologica, inserimento mercati, certificazioni e consulenze, fiere ed eventi, e-commerce e temporary manager.

Continua a leggere

ECONOMIA

“L’Euro digitale dovrebbe affiancare il contante, non abolirlo”

© Rec News -

del

"L'Euro digitale dovrebbe affiancare il contante, non abolirlo" | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

“Mentre i pagamenti stanno diventando sempre più digitali, per molte persone il contante rimane il re. L’euro digitale dovrebbe integrare il contante, ma non sostituirlo. Sono lieto di constatare che la Commissione sta pensando a come trattenere il contante come mezzo di pagamento.” Così l’eurodeputato Markus Ferber, portavoce del gruppo PPE nella Commissione affari economici e monetari del Parlamento europeo. Il commento è arrivato contestualmente alla presentazione in Commissione del pacchetto sulla moneta unica, che include un “quadro giuridico” sulla moneta digitale.

“Gli attuali elementi di progettazione suggeriscono che l’euro digitale sarà essenzialmente utilizzato solo per i pagamenti al dettaglio. I maggiori vantaggi, tuttavia, di una valuta digitale sarebbero nel mondo degli affari. Dobbiamo almeno mantenere aperta la possibilità di futuri aggiornamenti. Se introduciamo una versione digitale della moneta unica, deve essere pronta a cogliere le opportunità del mondo digitale”, ha concluso Ferber.

Continua a leggere
img

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione