Rifiuti radioattivi, resi noti i possibili siti da adibire a discariche. La mappa


Individuate quattro regioni. Associazioni e cittadini sul piede di guerra a causa dei rischi per la salute e per il territorio



Piemonte, Lazio, Sardegna e Basilicata. Sono le quattro regioni italiane che rischiano di diventare la “polveriera” d’Italia del nucleare. E’ quanto si desume dai dati forniti da Sogin, la Società di Stato incaricata che ha fornito una mappa (in basso) delle aree potenzialmente idonee. A essere interessate sarebbero determinate aree circoscritte. Il progetto ha comunque messo sul piede di guerra residenti e associazioni, che rifiutano l’idea in nome di forti preoccupazioni per la salute pubblica. E non rincuora – come afferma Legambiente che si è sfilata dal novero delle associazioni ambientaliste che stanno mantenendo pugno duro sull’eventualità – che si tratti solo di “rifiuti radioattivi a bassa e media attività”.



Il progetto non si annuncia facile, e anche cambiando le aree di destinazione potrebbero non cambiare le rimostranze. L’Italia, già di per sé devastata , sembra rifiutare l’eventualità di diventare un caso ambientale europeo: diverse province spediscono l’idea al mittente e c’è chi – come Antonino Ingroia – annuncia la creazione di “comitati di resistenza”.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 5 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.