Seguici

© Rec News -

del

In tempi di propaganda gender, raccontare il rapporto genuino tra uomo e donna, soprattutto quello ancorato a determinati valori, è quasi una sfida. Isidoro D’Anna – apprezzato comunicatore con alle spalle diverse pubblicazioni – l’ha raccolta, fatta propria e presentata in un volume snello ma ricco di spunti di riflessione. E’ quel Fidanzati e sposi sulla via del Paradiso che ogni marito e moglie, compagno e compagna o anche ragazzi e ragazze che non hanno messo ancora in cantiere il matrimonio dovrebbero leggere. Perché? Perché spesso l’abitudine e il tran-tran quotidiano fanno dimenticare quello che ci lega all’amato o all’amata, e i motivi per cui lo abbiamo scelto o scelta tra mille. D’Anna regala anche questo, e allora leggerlo equivale a mettere in gioco un pezzo di sé, scoprendosi e scoprendo qualcosa di chi ci accompagna.

Di fondo, un Messaggio di millenni fa che qualcuno vorrebbe far scomparire

Significa, in fondo, “Cercare la felicità” e trovarla nell’epilogo, quando il (ri)contatto con una normalità che si vorrebbe far cessare, ci fa rendere grati di quello che abbiamo. Rapporti veri e unici che non baratteremmo per nessun esperimento o che non metteremmo mai in vendita al mercato dell’ipocrisia dei tempi moderni. C’è, in questa riflessione, la situazione dell’Occidente di oggi, che l’autore racconta alla luce della civiltà Cristiana.

Continua a leggere dopo le foto

I motivi della crisi costruita dalla modernità

C’è poi il rapporto con i genitori, coloro i quali impostano il futuro dei figli porgendo loro il meglio in termini di valori. Nella crisi costruita dalla modernità nei confronti di chi ci ha generato, Isidoro ravvede tuttavia uno dei motivi fondanti per cui a volte viene difficile identificarsi con queste figure e relazionarsi con entità superiori: “Siamo stati delusi dai nostri stessi genitori – osserva D’Anna – e non siamo più disposti a credere in un Padre e una Madre che ci amano perdutamente. Non siamo più disposti a credere in un amore simile, e forse nemmeno più disposti a credere nella famiglia. Di conseguenza, cambia il modo di intendere la felicità”.

I “distruttori della famiglia” e la previsione sul futuro che ci aspetta

Un pensiero lo scrittore lo rivolge ai “distruttori della famiglia” e ai somministratori di felicità illusorie e fugaci: “Pensare -scrive – che molti lavorano per distruggere la famiglia, l’innocenza, la speranza. Non li sentite i potenti – politici, giornalisti, intellettuali – che ci dicono cosa dobbiamo fare, qual è il modo migliore di peccare e fare il male?” La felicità che loro propongono, avverte l’autore, passa per diversi temi, tutti enucleati nel corso della narrazione.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

COME FARE PER

Diventare “creatori di business in 7 shot”

Nasce dalla penna di un “imprenditore seriale” la guida che contiene molte dritte per destreggiarsi in un periodo di crisi atipico come questo

© Rec News -

del

Diventare "creatori di business in 7 shot" | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nasce dalla penna di un “imprenditore seriale” il libro “7 shot per creatori di business”. Enrico Pisani – già libero professionista del mondo delle Tlc che gravita nel mondo delle startup digitali – lo ha scritto pensando “alle paure e ai blocchi che si hanno all’inizio di una carriera”. Il risultato è una guida, un manuale scorrevole dove si trovano molte dritte per destreggiarsi in un periodo di crisi atipico come questo. Il segreto secondo Pisani è abbandonare l’idea del “monobusiness”, reinventandosi di continuo e tentando di capire le dinamiche del mercato.

“Per l’imprenditore che non è abituato a rischiare o che non ha mai iniziato a creare il proprio business – avverte l’autore – sarà dura mandare giù questi problemi.  Il libro è per tutti quelli che almeno una volta nella vita hanno detto o si sono sentiti dire queste frasiMi mancano i capitali, Non ho tempo, Non voglio correre rischi, Non conosco le persone giuste, Non so concretamente che fare,  Non ho le competenze, È troppo tardi, non so se è il momento adatto“.

Continua a leggere dopo le foto

Il pensiero corre, nelle pagine del testo, a tutti quei titolari di impresa e liberi professionisti che “vedevano i loro sogni arenati in una SRL o una Partita Iva in fase di stallo. Anche io – racconta Pisani – sono stato giovane, impaurito, senza soldi da investire e con tante idee, ma credo che se avessi avuto questo libro nelle mani, avrei iniziato a fare business molto prima e senza troppe preoccupazioni. Vorrei davvero poter vedere meno persone disilluse, e più persone animate dai loro sogni. Magari questo libro riuscirà a “risvegliare” qualcuno, sarebbe bellissimo.” 

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

COVID

Il grande “equivoco”. Il volume che spiega come si è arrivati (sbagliando) a chiudere il Paese

“La sovranità del diritto tiranno – L’illusione del lockdown” è il volume dell’avvocato edito da Albatros

© Rec News -

del

Il grande "equivoco". Di Lorenzo racconta come si è arrivati (sbagliando) ad adottare il lockdown | Rec News direttore Zaira Bartucca

E’ un saggio ricco di spunti di riflessione e di riferimenti precisi quello che Angelo Di Lorenzo – avvocato penalista – ha pubblicato per Albatros. “La sovranità del diritto tiranno – L’illusione del lockdown” inizia con una originale metafora calcistica – che è un po’ la summa dell’azione di governo di “Mister Conte” – per approdare a “quel sabato notte di coprifuoco del 14 novembre”, quando l’autore ha avvertito “l’urgenza di dar sfogo al dubbio maturato dopo mesi di isolamento”. “A cosa è servito tutto questo? E soprattutto, ha funzionato?”

Di Lorenzo se lo domandava negli scorsi mesi mettendo in guardia dal pericolo di “staccare la spina alla Repubblica” a causa delle misure illogiche e soprattutto incostituzionali che hanno caratterizzato la gestione della fantomatica emergenza, e oggi non smette di farsi domande, di tentare di mettere insieme i pezzi e di ricordare i mesi in cui “sono spariti dal piatto della bilancia i diritti primari e fondamentali della persona umana attraverso i quali esprimere e realizzare, sia individualmente sia in seno alle formazioni sociali cui appartiene, la sua personalità”.

Continua a leggere dopo le foto

Non c’è – spiega Di Lorenzo passando in rassegna i capisaldi della giurisprudenza – un diritto che può annullare tutti gli altri, neppure se questo diritto è quello alla salute. Con questi presupposti il lockdown non poteva che fondarsi su un “equivoco”, trattandosi di “un istituto sconosciuto (…) che non trova alcuna definizione nel nostro ordinamento” e che pure ha congelato la produttività, le attività, la vita sociale, la cultura e le possibilità di svago di un’intera nazione. Serviva? Era davvero necessario? L’avvocato cerca la risposta attraverso cenni storici, dati e grafici, considerando le misure assunte dal governo e dal Comitato tecnico scientifico.

Lapidarie e definitive le risultanze che riguardano i “decessi per covid”: “L’incertezza sull’acquisizione dei tassi di mortalità – ricorda l’autore del saggio – è ben lontana dall’essere precisa. Esso non distingue, almeno in Italia e almeno nella rilevazione della prima ondata, tra le vittime della malattia e quelle legate a fattori paralleli alla pandemia, come ad esempio le difficoltà di accesso alla normale assistenza sanitaria od alle condizioni preesistenti di comorbidità: si comprendono così le profonde incertezze rispetto ai numeri indicati come “decessi per Covid”, rendendo di fatto impossibile capire se i numeri si riferiscono a persone decedute per coronavirus o per altre cause ad esso indirettamente collegate”. “Speriamo – è l’auspicio che Di Lorenzo affida alla conclusione del volume agile e scorrevole – che questa volta almeno conteremo un numero di morti di gran lunga inferiore grazie alle cure e alle terapie che i nostri eroici medici hanno imparato a somministrare”.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

LIBRI

L’Ufficio Guardiani, la “curva” e il coprifuoco, cosa si è già avverato di “Noi” di Zamjatin

A volte la realtà supera l’immaginazione. E’ il caso del capolavoro distopico russo che ha preceduto 1984 di 26 anni

© Rec News -

del

L'Ufficio Guardiani, la "curva" e il coprifuoco, cosa si è già avverato di "Noi" di Zamjatin | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Sì: integrare la la grandiosa equazione universale. Sì: raddrizzare la selvaggia curva, raddrizzarla secondo la tangente – asintote – seguendo la linea retta. Perché la linea dello Stato Unico è quella retta”. Sembra di essere ai giorni nostri e alla curva del virus o a quella del clima, quando tutto è incentrato alla ricerca dello “zero”: lo zero economico, il contagio zero, le emissioni zero. Sembra di sentire parlare un funzionario di un comitato scientifico dei giorni nostri, e invece no.

Siamo nel 1922, idealmente, ma in realtà molto più avanti. Negli anni ’20 Evgenij Zamjatin immagina una società distopica quanto mai – oggi – attuale, fondata sul culto dell’Integrale, una macchina avvenieristica che assorbe i pensieri di chiunque. Non persone, ma lettere assegnate in base ai difetti fisici (“O” è grassa”, “I” troppo magra e via discorrendo). Icone svampite che si muovono in uno scenario in cui i sentimenti sono dimenticati, e dove sono le decisioni che piovono dall’alto a decidere di ogni aspetto della quotidianità di quello che una volta era l’individuo.

Continua a leggere dopo le foto
format_quote

“Sì: integrare la la grandiosa equazione universale. Sì: raddrizzare la selvaggia curva, raddrizzarla secondo la tangente – asintote – seguendo la linea retta. Perché la linea dello Stato Unico”

“Mi raffreddai. Sapevo cosa significasse mostrarsi sulla strada dopo le 22.30”. A leggere queste frasi e a soffermarsi sull’Ufficio dei Guardiani, non si pensa solo ai lockdown e ai coprifuoco confezionati dai politici europei, ma viene anche in mente una considerazione ovvia: che, cioè, la realtà ha già superato la finzione. Zamjatin, l’ingegnere navale russo prestato alla letteratura, ci è arrivato prima di tutti, e anche prima di quell’Orwell che solo 26 anni dopo pubblicherà il più celebre 1984, che della narrativa distopica presente in “Noi” ha risentito eccome.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione