Sospensione codice appalti, “così crolla il mercato e si favoriscono infiltrazioni criminali”


“Una scelta sbagliata impatterà su milioni di lavoratori e sugli enti locali, che non faranno altro che prorogare appalti vecchi e ormai fuori mercato”



“La sospensione del codice appalti inserita nel prossimo Dl semplificazioni, ci preoccupa molto. Siamo per semplificare, ma non per la deregulation che avrebbe effetti nefasti sugli appalti dei servizi: il massimo ribasso andrebbe ad incidere sul costo del lavoro e sulla qualità dei servizi, determinando nell’immediato un crollo del mercato ed il rischio di infiltrazioni criminali. Per tutto questi motivi, chiediamo di rispettare quanto prevede l’Ue in tal senso. Non si può ancora parlare di gare al massimo ribasso, ed il legislatore non può, ancora una volta, cambiare le regole negli appalti senza tenere conto dei servizi. In epoca pre-pandemica, il valore complessivo degli appalti era di 170 miliardi di euro, di questi solo il 20% è rappresentato da lavori pubblici, mentre i servizi valgono il doppio (41,6% pari a 70 miliardi)”.


“Indagando ulteriormente nel nostro settore emerge, come esempio non esaustivo, che valgono 6 miliardi gli appalti di pulizia, disinfestazione e lavanolo. Abbandonare questa fetta della spesa pubblica all’incertezza di una nuova normativa significherà, nell’immediato, un crollo del mercato. I servizi devono partecipare a questa nuova riforma, il legislatore deve prendere atto che una scelta sbagliata, oggi, impatterà negativamente su milioni di lavoratori e sugli enti locali, primi negli acquisti, che non faranno altro che prorogare appalti vecchi e ormai fuori mercato». E’ quanto ha dichiarato Lorenzo Mattioli, presidente di Confindustria Servizi HCFS.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.