Seguici

© Rec News -

del

Il motore di ricerca viaggi Skyscanner svela le 15 Spiagge più belle d’Italia del 2019, in un appuntamento giunto alla sesta edizione, che premia 15 tra le cale e insenature più belle della Penisola. La scelta delle spiagge, anche quest’anno, è avvenuta tenendo conto di diversi fattori, tra i quali: la pulizia delle spiagge, lo stato delle acque, l’unicità del paesaggio circostante e, non da ultimo, i commenti che i viaggiatori hanno lasciato sui canali social di Skyscanner.

MarcheCampania e Puglia “reginette d’Italia”, ed alcune new entry quest’anno, con Trentino Alto Adige in lista e l’incantevole Cilento a spuntarla con ben due spiagge in classifica. Sara Izzi, Growth Manager di Skyscanner, commenta: “Per il sesto anno consecutivo, il team di Skyscanner si è impegnato a scovare le 15 Spiagge più belle dello Stivale. Non solo cale e insenature lambite dalle acque smeraldine della meravigliosa costa italiana, ma, per la prima volta, anche piccole spiagge di lago, perché la bellezza in Italia è davvero ovunque. Da Nord a Sud della Penisola, dalla montagna al mare: ogni angolo del nostro Paese ha meraviglie che vanno celebrate. Il nostro è un invito ai viaggiatori: fateci conoscere le vostre spiagge preferite, condividendole sui nostri canali FB, IG e Twitter, con l’hashtag: #spiaggedelcuore”.

La lista delle 15 Spiagge più belle d’Italia:

1.Spiaggia delle Due Sorelle, Sirolo (AN) / Marche

Gli amanti delle spiagge dalla bellezza semplice e spartana si innamoreranno di questo candido “fazzoletto” bagnato dall’Adriatico. Raggiungibile solo via mare con i traghetti che partono da Numana, oppure pagaiando in kayak o con il sup, la Spiaggia delle Due Sorelle di Sirolo è il simbolo iconico della meravigliosaRiviera del Conero. Ghiaia fine e piccoli ciottoli levigati caratterizzano questo lido spettacolare, che prende il nome dai bianchi scogli gemelli che spuntano dal mare cristallino e che tanto assomigliamo a due “sorelle in preghiera”.

2.Baia del Buon Dormire, Palinuro (SA) / Campania 

La Baia del Buon Dormire è una meraviglia naturale che ricorda la Thailandia ma parla l’italiano. Questo lido dorato protetto da rocce a strapiombo sul mare e bagnato da acque color smeraldo, che tanto assomigliano a quelle del Mare delle Andamane, si trova nell’incantevole Cilento. Equipaggiatevi con ombrelloni, scorte di cibo e litri di acqua prima di salpare a bordo del servizio navetta in partenza dal vicino porto di Palinuro.

3.Punta Prosciutto, Porto Cesareo (LE) / Puglia 

Pennellate di turchese, rosa e azzurro fanno di Punta Prosciutto una delle spiagge italiane più amate dai salentini e dai tanti turisti che arrivano fin qui per tuffarsi in acque che non hanno nulla da invidiare a quelle dei Tropici. Oltre 2 kilometri di spiaggia bianca come il talco e morbida come la seta, caratterizzata da fondali bassi che si allungano dolcemente al mare, incastonata come un quarzo splendente nel comune di Porto Cesareo.

4. Spiaggia di Cala Spalmatore, La Maddalena (OT) / Sardegna 

La Sardegna non può mancare in questa classifica delle spiagge italiane più belle. Un luogo come La Maddalena, poi, vi conquisterà tutti portandovi alla scoperta di chilometri e chilometri di panorami mozzafiato, graniti e porfidi scolpiti dal vento, spiagge e calette selvagge e di un indiscutibile fascino. Sulla costa nord-orientale dell’isola principale dell’arcipelago si trova Cala Spalmatore, una spiaggia sempre riparata dai venti, incorniciata dalla macchia mediterranea e abbracciata da rocce color rosa.

5. Cala del Bue Marino, San Vito Lo Capo (TP) / Sicilia 

Quando la roccia frastagliata incontra il mare della Sicilia, la natura crea delle bellezze naturali di indicibile incanto. Una di queste è Cala del Bue Marino, a soli 4 km dal centro di San Vito Lo Capo. Con la vista delle Egadi in lontananza, la sagoma del Monte Cofano all’orizzonte, le falesie che si tuffano nel blu e un’atmosfera ancora autentica, questa spiaggia è una delle perle incontaminate dell’Isola e di tutta Italia. Una caletta di ciottoli bianchi, bagnata da acque cristalline e dalle mille sfumature di azzurro, vi farà dimenticare del trambusto estivo.

6. Spiaggia Valle dell’Erica, Santa Teresa di Gallura (OT) / Sardegna 

Gli amanti delle spiagge italiane tranquille e sabbiose possono trovare il loro paradiso terrestre sulla Spiaggia Valle dell’Erica a Santa Teresa di Gallura, in Sardegna. Spesso protetta dai venti, punteggiata di rocce granitiche e con un meraviglioso mare cangiante tra l’azzurro e il cobalto, questo candido lido è perfetto per una vacanza al mare dal sapore tropicale.

7. Spiaggia La Gravara, Barrea (AQ) / Abruzzo 

I nemici della salsedine possono riscattarsi distendendo il loro telo sulle placide e amene sponde del Lago di Barrea. Ci troviamo nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, dove si trova un bacino d’acqua dolce circondato da montagne che, creato dallo sbarramento del fiume Sangro, colpisce per la sua bellezza e tranquillità. Il posto ideale per praticare sport all’aria aperta, passeggiare nella natura e far giocare i bambini in tutta libertà.

8. Punta Chiappa, Camogli (GE) / Liguria 

Una sottile lingua di roccia che protende sul mare dal Promontorio di Portofino si è trasformata in una delle spiagge italiane più amate dai fan della scogliera. Punta Chiappa si raggiunge a bordo dei comodi battelli in partenza dal vicino comune di Camogli, oppure attraverso un suggestivo e panoramico cammino tra i lecci e gli ulivi secolari che da San Rocco scende alla punta, passando per San Nicolò di Capodimonte. Non a caso ci troviamo nel Golfo Paradiso: un eden terrestre sulla Riviera di Levante che rientra nell’Area Marina Protetta.

9. Spiaggia di Sabaudia (LT) / Lazio 

Tra le vacanze preferite dai romani, e non solo, spicca anche il litorale di Sabaudia, che in estate garantisce tintarella e divertimento sotto il sole laziale. Quella di Sabaudia è una lunghissima striscia di sabbia dorata orlata da un’ampia insenatura che, da Torre Paola, si allunga fino al borgo Nettuno. Paradiso dei surfisti e degli amanti degli sport d’acqua, questo tratto di costa piacevolmente ventoso regala vedute da cartolina sul Monte Circeo, che dà il nome al Parco Nazionale.

10. Lido di Pietragrande, Montauro (CZ) / Calabria 

Il Lido di Pietragrande, situato nel comune calabrese di Montauro, sulla costa ionica, è il luogo dove ogni estate esperti tuffatori si lanciano in mare dall’alto scoglio di “Pietragrande”, per l’appunto, ricordando le acrobazie al cardiopalma dei clavadistas dal vertiginoso strapiombo La Quebrada, sulla Pacific Coast del Messico. Una giornata di mare in questo angolo del Golfo di Squillace saprà come regalarvi momenti di spensieratezza, tra tuffi, nuotate, passeggiate e grande relax.

11. Spiaggia del Lago di Tenno (TN) / Trentino-Alto Adige 

Risaliamo lo Stivale fino in Trentino, a 14 km da Riva del Garda (ci arriverete percorrendo l’Autostrada A22), dove si trova il pittoresco e meraviglioso Lago di Tenno. Acque di un turchese intenso lambiscono lidi solitari dove rilassarsi al sole e concedersi attimi di assoluto relax. Il posto giusto per portare con voi i vostri amici a quattro zampe, vista la presenza di un’organizzata Bau Beach.

12. Spiaggia di San Pietro in Bevagna, Manduria (TA) / Puglia 

Torri costiere, grande divertimento e prezzi contenuti fanno della costa tarantina una destinazione perfetta per una vacanza di mare perfetta, in famiglia o con gli amici. Premiata in questa nostra classifica delle spiagge più belle d’Italia la Spiaggia di San Pietro in Bevagna, frazione balneare di Manduria, una lunga striscia di sabbia bianca lambita da un mare azzurro serafico e invitante. Il fondale digradante si tramuterà in un sicuro terreno di gioco per i vostri piccoli al seguito. Dune bianche, scogliere basse e macchie di verde fanno di questo luogo selvaggio, in parte anche attrezzato, il posto ideale dove abbandonarsi alla tintarella.

13. Cala Bianca, Marina di Camerota (SA) / Campania 

Cala Bianca è una perla nascosta nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Questa piccola caletta bianca come la neve, bagnata da un mare color turchese e abbracciata da due massicci speroni di roccia è raggiungibile via mare oppure a piedi, percorrendo un facile sentiero nella natura che parte dal cimitero di Marina di Camerota. Una progressiva discesa a mare vi condurrà sulla soffice sabbia di in un fazzoletto candido lontano da stabilimenti e centri abitati.

14. Spiaggia del Lago di Santa Caterina, Auronzo di Cadore (BL) / Veneto

Altro incantevole lago che figura nella nostra classifica è quello di Santa Caterina, nel bellissimo comune di Auronzo di Cadore, in provincia di Belluno. Questo meraviglioso bacino artificiale situato a quota 830 metri sopra il livello del mare è il posto giusto per vivere la montagna, senza rinunciare a un rinfrescante tuffo nel blu. Al margine inferiore del Parco Naturale delle Tre Cime si trova la spiaggia attrezzata, ideale per rilassarsi su un lettino, fare una passeggiata o praticare sport d’acqua.

15. Spiaggia delle Ghiaie, Isola d’Elba (LI) / Toscana 

Nella classifica delle spiagge più belle d’Italia non potevano mancare la Toscana e la favolosa Isola d’Elba. Famosa per aver ospitato Napoleone durante il suo esilio e per i suoi sentieri di trekking con affacci sul blu del Tirreno, l’Isola d’Elba vanta una costa punteggiata di spiagge e calette che la rendono una delle mete predilette delle vacanze in Italia. Spicca tra queste, per il suo tappeto di ciottoli bianchi levigati dal mare (leggenda vuole che il sudore degli Argonauti li macchiò di un tale candore!) e per le sue acque fresche e smeraldine, la Spiaggia delle Ghiaie, a due passi dal centro storico di Portoferraio. Una zona di tutela biologica ideale per le immersioni subacquee e per piacevoli bagni di sole.

La scelta delle spiagge è avvenuta tenendo conto di vari fattori. Tra gli altri: la pulizia delle spiagge, lo stato delle acque e l’unicità del paesaggio circostante (molte spiagge sono inserite in parchi naturali o riserve protette). Infine, abbiamo anche tenuto conto dei preziosissimi suggerimenti dei nostri lettori, che hanno condiviso con noi le foto delle loro spiagge preferite.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

ATTUALITA'

Bimbo nato morto a Palermo, la Procura apre un’inchiesta per presunte negligenze

© Rec News -

del

Bimbo nato morto a Palermo, la Procura apre un'inchiesta per presunte negligenze

È stata aperta un’inchiesta sulla tragedia avvenuta la notte del 5 novembre all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo, dove un bimbo è nato morto. I genitori hanno presentato una denuncia ai Carabinieri e la Procura indaga sull’accaduto. Sulla vicenda è intervenuta l’associazione Codici, che ha deciso di presentare un esposto.

“Di fronte al dramma che si è consumato è doveroso fare chiarezza”, afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici. “Stando alla denuncia della famiglia, ci sarebbero state delle gravi lacune negli ultimi controlli. Come associazione siamo impegnati da anni in battaglie legali contro la malasanità. Non possiamo dire se quanto accaduto a Palermo sia l’ennesimo caso, di sicuro bisogna fare chiarezza e giustizia, nel caso dovessero emergere mancanze o errori”.

“Dalle ricostruzioni fornite dai parenti – prosegue la nota inviata dall’associazione – emerge, in particolare, il comportamento di un’ostetrica, che avrebbe deciso di non effettuare il tracciato la notte della tragedia, somministrando soltanto una medicina prescritta nei giorni precedenti. Un farmaco che sarebbe stato indicato pochi giorni prima al momento del ricovero in ospedale, dove la donna si era recata per una visita di controllo e dove sarebbe stato deciso di indurre il parto data l’alterazione della pressione sanguigna ed essendo alla 38esima settimana”.

“La sera del 5 novembre, stando sempre a quanto denunciato dalla famiglia, il tracciato era regolare e la donna sarebbe stata invitata dall’ostetrica smontante a presentarsi in sala travaglio per un nuovo tracciato e la somministrazione del farmaco. Come detto, la nuova ostetrica di turno non avrebbe effettuato il tracciato, ritenendo che non ce ne fosse bisogno. Nel giro di poche ore, però, la situazione sarebbe precipitata, fino al taglio cesareo d’emergenza intorno alle 23.30 ed il bimbo che è nato morto. Una gravidanza normale finita in tragedia. Alla magistratura il compito di fare chiarezza”, concludono dall’associazione.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Assicurazioni RC Auto e clausole vessatorie, Codici: “Rispettare norme in vigore”

© Rec News -

del

Assicurazioni RC Auto e clausole vessatorie, Codici: "Rispettare norme in vigore" | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nei contratti Rc Auto sarebbero presenti clausole vessatorie che violano le norme sulla concorrenza. È il motivo dell’azione legale congiunta promossa dalle associazioni dei consumatori, a cui partecipa anche Codici, che ha portato alla presentazione di numerosi esposti all’Antitrust per segnalare il comportamento ritenuto scorretto di diverse compagnie di assicurazioni.

“Alcune importanti società – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – applicano ai clienti clausole vessatorie in merito alla riparazione danni dei veicoli. Il tutto in piena violazione delle norme vigenti, che vietano alle compagnie di imporre agli assicurati gli operatori a cui rivolgersi per gli interventi sulle auto. Questa vicenda, a nostro avviso, è emblematica del potere delle lobbies. Hanno un’influenza enorme, che purtroppo esercitano in maniera negativa.

Le lobbies danneggiano l’interesse pubblico e gli interessi dei cittadini. È una realtà che non può più essere ignorata, ma che anzi deve essere presa in considerazione ed affrontata. Tornando alla vicenda delle assicurazioni e delle clausole vessatorie, la legge sulla Concorrenza del 2017 all’articolo 1 comma 9 prevede ‘per l’assicurato la facoltà di ottenere l’integrale risarcimento per la riparazione a regola d’arte del veicolo danneggiato avvalendosi di imprese di riparazione di propria fiducia’. Le compagnie assicurative, tuttavia, anche attraverso le reti agenziali e peritali, richiamando clausole contrattuali illegittime, condizionano pesantemente i danneggiati nella scelta del riparatore, indicando le carrozzerie presso cui eseguire obbligatoriamente gli interventi e limitando così la libertà del consumatore ed il suo diritto ad ottenere una riparazione a regola d’arte.

Una prassi vessatoria, contraria al quadro normativo comunitario in tema di concorrenza (articolo 101 TFUE), ed in piena violazione sia dell’articolo 16 della Carta Diritti Fondamentali UE sulla libertà d’impresa, sia dell’articolo 41 della Costituzione che tutela il diritto alla libera iniziativa privata. Dicevamo prima del potere delle lobbies. Ebbene, proprio in questi giorni alcuni emendamenti bipartisan al Ddl Concorrenza hanno tentato di bloccare tale pratica illegale, ma la lobby delle assicurazioni è riuscita ad ottenerne lo stop in sede parlamentare. Il tutto, è evidente, ai danni dei consumatori. Non è più possibile subire situazioni del genere. Per questo, oltre agli esposti all’Antitrust, siamo intenzionati anche a presentare al Governo ed al Parlamento una proposta condivisa affinché nel Ddl Concorrenza sia rafforzata la protezione dei diritti degli assicurati sancita nel 2017”.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Diplomifici, parte l’indagine ispettiva del MIM. Reclutati 146 ispettori

© Rec News -

del

Diplomifici, parte l'indagine ispettiva del MIM. Reclutati 146 ispettori | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato stampa

In merito all’indagine di Tuttoscuola sul fenomeno dei “diplomifici” dal titolo «Maturità: boom dei diplomi facili», il Ministero dell’Istruzione e del Merito avvierà una indagine ispettiva. Nel frattempo, sarà bandito a breve un concorso per il reclutamento di 146 ispettori che porterà a saturare l’organico attuale (190 Posti). “Sotto il profilo normativo – fa sapere il MIM – verranno valutati alcuni correttivi che diano più strumenti in sede ispettiva per verificare la sussistenza dei requisiti per la parità. Si sta anche lavorando per inserire nella legge di Bilancio risorse idonee per incrementare ulteriormente l’organico dei dirigenti tecnici”.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Concorsi pubblici, il 15% dei posti disponibili va per decreto ai volontari del Servizio Civile

© Rec News -

del

Concorsi pubblici, il 15% dei posti disponibili va per decreto ai volontari del Servizio Civile | Rec News dir. Zaira Bartucca

Secondo quanto previsto dal Decreto Legge sulla Pubblica amministrazione, il 15% dei posti disponibili nei concorsi pubblici sarà riservato ai volontari del Servizio Civile. La riserva si aggiunge a quelle, già presenti, previste dalla Legge 68 del 1999, dal DPR 3 del 1957 e dal Decreto Legislativo 165 del 2001. Le quote riservate dal governo a questa particolare categoria riguarderanno tutte le amministrazioni dello Stato, cioè gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, le aziende e le amministrazioni dello Stato a ordinamento autonomo, enti come Regioni Province, Comuni e Comunità montane. Ancora, le istituzioni universitarie, le Camere di Commercio, Artigianato e Agricoltura e le associazioni a esse collegate, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale.

    Continua a leggere

    Ora di tendenza

    © 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

    error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione