Seguici

AD

Il Barolo Tabai conquista anche il Giappone

© Rec News -

del

Sponsorizzato. Consuma alcolici responsabilmente. I minori non devono assumere e acquistare bevande alcoliche

Non è certo un caso che al Salone del Gusto di Torino si sia recentemente parlato del vino come elemento legato alla salute. Non si tratta solo di una bevanda ma – è emerso nel corso dell’evento promosso da Slow Food – di una materia di prima scelta quando si parla di cosmesi e di benessere della pelle. Si vanno infatti moltiplicando le aziende che guardano con interesse a questo siero antico: da Caudalie a Barò, dell’uva interessa praticamente tutto per le sue proprietà disintossicanti, antibatteriche e antinfiammatorie.

Non stupisce che in Paesi come il Giappone, dove la cura della pelle è frutto di una tradizione millenaria, si guardi con crescente interesse alle basi della Dieta Mediterranea, che permettono di apportare benefici salutari partendo da quello che si mangia e da quello che si beve. E lì, in una terra di consumatori attenti ed esigenti che nell’ultimo mese si è consolidato l’acquisto dei rossi italiani e dei Barolo delle Langhe piemontesi.

Continua a leggere dopo le foto

A destare l’attenzione dei giapponesi è stato un vino in particolare, e cioè il Barolo Tabai Riserva del 2016 in edizione limitata, nella sua annata fortunata, preferita e premiata. Presa d’assalto la versione Magnum, cioè la bottiglia da 3 litri ha un prezzo di 1200 euro. Si parla di un Barolo che non ha conquistato solo l’apprezzamento di esperti e collezionisti in Italia e all’estero, ma anche una serie di premi di settore. Dal Decanter World Wine Award del 2020 al Berliner Wein Trophy, continua dunque la corsa di uno dei rossi Made in Italy più apprezzati.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

AD

Auto aziendali elettriche, “tendenza in crescita”

© Rec News -

del

Sponsorizzato

È in crescita il trend delle auto elettriche aziendali, almeno stando ai numeri che riguardano i primi sei mesi del 2022. La situazione, però, presenta luci e ombre: infatti le vendite a livello europeo rimangono su livelli non troppo alti, a dispetto degli incentivi che da qualche anno a questa parte sono stati offerti in vari Paesi europei. Se è vero che nel 2035 non potranno più essere vendute auto a diesel o a benzina, quindi, per il momento l’obiettivo appare ancora lontano. Il discorso è diverso, però, per le vetture elettriche aziendali.

Infatti in questo caso il comparto delle flotte ha cominciato a prestare molta attenzione, sia per il presente che in una prospettiva futura, alla mobilità a emissioni zero. Sono in aumento gli investimenti destinati ad aggiornare le flotte puntando sulle auto elettriche. Nel primo semestre di quest’anno sono aumentate le vendite a livello europeo di veicoli elettrici aziendali, con i numeri che dimostrano quanto tutto il settore sia attirato da questa tipologia di auto. Insomma, il settore va verso una graduale elettrificazione.

Continua a leggere dopo le foto

Una soluzione intelligente può essere senza dubbio quella del noleggio auto aziendali a breve termine, magari attraverso i servizi che vengono offerti da Maggiore.it. Questo, infatti, è il partner migliore a cui si possa fare riferimento, per esempio per consentire ai dipendenti di viaggiare durante le loro trasferte di lavoro a bordo di veicoli nuovi, sicuri e all’avanguardia. I pro che il noleggio offre in confronto all’acquisto sono noti, dal punto di vista economico ma non solo: per un’azienda, questa soluzione consente di non immobilizzare il capitale e di non dover stanziare cifre esagerate per l’acquisto di veicoli che, nel giro di breve tempo, sono destinati a svalutarsi. Il noleggio, inoltre, assicura un turnover dei mezzi a disposizione, il che vuol dire poter contare sempre su veicoli performanti e in linea con le esigenze che ci si propone di soddisfare.

Nel novero delle vetture elettriche aziendali, a guidare il mercato a livello europeo è il Gruppo Volkswagen, che può vantare un market share del 24%, tenendo conto non solo del marchio Volkswagen, ma anche di Porsche, di Cupra, di Skoda e di Audi. Per il colosso tedesco, in effetti, le flotte aziendali sembrano costituire uno dei più importanti ambiti per lo sviluppo e la crescita di una gamma di veicoli elettrici aziendali che pare espandersi sempre di più.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

AD

Educazione finanziaria e nativi digitali, “c’è ancora molto da fare”

© Rec News -

del

Educazione finanziaria e nativi digitali, "c'è ancora molto da fare" | Rec News dir. Zaira Bartucca
Sponsorizzato

Oggi più che mai si pone l’accento su quella che è l’educazione finanziaria. In particolare è interessante studiare il rapporto tra quest’ultima e i cosiddetti nativi digitali. Chi sono? Si tratta delle nuove generazioni, nate nell’era della cosiddetta trasformazione digitale e abituate ad avere a che fare con internet e con tutte le nuove tecnologie. Tra questi si possono distinguere i cosiddetti nativi digitali “spuri”, nati a cavallo dell’inizio della transizione e che oggi hanno tra i 19 e i 25 anni, i Millenials che oggi hanno tra i 14 e i 18 anni e i nativi digitali veri e propri.

Fasce d’età differenti che, però, sono accomunate da un dettaglio: la necessità di approfondire i temi legati alla finanza. Si tratta di un’esigenza importante che, oggi come oggi, è anche facilitata dalle nuove tecnologie e dalla possibilità di avere sempre accesso alle informazioni. Tuttavia, nonostante questi strumenti sussistono dei gap da colmare. Grazie a una recente indagine condotta dall’Osservatorio sull’Educazione Finanziaria su un campione di 2500 under 30, si è scoperto che l’educazione in ambito finanziario non è uniforme e manca del tutto in alcuni casi.

Continua a leggere dopo le foto

Nello specifico, un articolo del Sole 24 Ore che ha riportato i risultati di questa indagine mette in luce un quadro con non poche ombre. Stando a quanto emerso, circa il 50% degli intervistati non riesce a calcolare un rendimento bancario o a convertire un tasso di interesse in somme. Non solo. Risulta essere scarsa la conoscenza della teoria finanziaria che concerne risparmio, potere d’acquisto e molto altro ancora.

Si tratta di concetti chiave che non solo possono essere utili nella vita quotidiana ma aiutano anche a difendersi da possibili truffe online e non solo. C’è molto da fare, quindi, poiché le nuove generazioni sono il futuro. Cosa fare? Sfruttare i vari strumenti a propria disposizione per migliorare le conoscenze dei nativi digitali in tema di economia e finanza. 

L’evoluzione digitale ha permesso di avere accesso a molteplici tipologie di fonti di informazione, sia online che offline. Selezionarle scegliendo le migliori è un primo passo. Ad esempio, la guida di Affari Miei su dove investire  è una delle fonti più approfondite per approcciare l’argomento.

Ricercare in rete questo tipo di informazioni e di approfondimenti è la soluzione migliore per riuscire ad apprendere tutto ciò che potrà portare a una indipendenza finanziaria più consapevole e più semplice. Questo deve essere l’obiettivo delle nuove generazioni e in particolare dei nativi digitali. 

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

AD

Come investire nei distillati di lusso e nei Rum Tabai

© Rec News -

del

Come investire nei distillati di lusso e nei Rum dell'etichetta Tabai
Sponsorizzato. Consuma alcolici in maniera responsabile. I minori non devono acquistare e assumere bevande alcoliche

In tempi di insicurezza economica risparmiatori e investitori cercano di rivolgere la loro attenzione a beni sicuri, solidi, che possano assicurare un ritorno certo nel medio periodo. C’è chi guarda all’arte e all’antiquariato, chi ai titoli, chi – ancora – ai metalli. Il punto è che molti di questi beni sono connessi a una certa volatilità, e non sempre si ha la certezza che alla spesa subentri un guadagno.

Un settore di investimento che non tutti conoscono e che può dare molte soddisfazioni anche a chi non è intraprendente e non ha voglia di rischiare è quello dei distillati. Sui rum, in particolare, si va concentrando l’attenzione crescente degli investitori e dei collezionisti. L’Italia, da sempre in prima fila nell’agroalimentare, negli ultimi anni ha visto nascere prodotti per veri intenditori come il Rum Garras De Dragon e il Rum del Diablo Cojuelo dell’etichetta Tabai.

Continua a leggere dopo le foto

Due eccellenze Made in Italy che – c’è da dirlo – è difficile conservare intatte per la loro gradevolezza, ma lasciarli invecchiare oltre che al palato può regalare soddisfazioni come spiegato anche al portafogli. A settembre dopo le incursioni degli appassionati di stanza all’estero non è facile trovarne un’esemplare: gli ultimi hanno un prezzo che si attesta sui 600-650 euro che sta lievitando di anno in anno. Come per tutti i settori di investimento, anche qui bisogna essere rapidi.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione