Seguici

© Rec News -

del

Dopo la riconferma di ieri di Sergio Mattarella, il quadro è completo. Le mosse, gli inganni e le strategie sono stati finalmente svelati al termine di una settimana che ha restituito l’immagine di una politica spezzata, incapace di esprimere alternative. Trasversalmente desiderosa – è chiaro – di conservare il proprio status quo e, soprattutto, le poltrone a cui alcuni dovranno dire addio al termine della legislatura per effetto del taglio dei parlamentari. A uscirne con le ossa rotte – soddisfazione palesata o meno – sono praticamente tutti. Draghi, che ottiene una vittoria di Pirro che lo mette per il momento al riparo, proiettandolo in realtà verso un malcontento popolare prevedibilmente acuito. Salvini, che si è intestato e ha (volutamente?) bruciato la carta Casellati, manifestando l’incapacità di far quadrato attorno al presidente del Senato. Meloni, che incaponendosi su Nordio – divisivo candidato di bandiera – ha firmato l’ennesimo capitolo del gioco delle tre carte che ha come soliti protagonisti Lega, FI e FdI. Berlusconi e un partito che si fa franco tiratore per definizione, sottraendo il sostegno a una sua esponente. Il Pd di Letta, che con il no alla Casellati – figura femminile di rilievo – non ci ha fatto certo una bella figura. Mattarella, perfino, che si macchia del peccato originale che fu di Napolitano: quello di rimanere saldo al suo trono, Costituzione o meno, necessità di ricambio o no. Salvini lo chiama “sacrificio”, ma allo sforzo di salvare il Paese – manco fosse l’ultima persona in grado rimasta in Italia – il presidente della “Repubblica” si era già psicologicamente preparato. Prova ne sia il trasloco da Palermo a Roma, dove sarà stanziale per almeno un altro anno.

Volendo trarre un bilancio, il messaggio lanciato dai partiti e da chi è sotteso all’operazione di mancato ricambio è chiaro: Mattarella è l’unico che può trascinare lo Stivale digerendo tutto quello che si prospetta all’orizzonte. Dialogando – non a caso – con il neo-eletto presidente della Corte Costituzionale Giuliano Amato, che orienterà il suo lavoro, fanno sapere i palazzi romani, verso un “bilanciamento tra Libertà e Sicurezza”. Con tutte le conseguenze (nefaste) del caso. Ma in ballo non c’è solo questo. La mossa della rielezione si tenta da sempre. E non è affatto una coincidenza che a promuoverla nel lontano ’98 – presidente Oscar Luigi Scalfaro – ci fosse proprio Mattarella, all’epoca capogruppo alla Camera dei popolari. Non è neppure questione da poco il fatto che il sempreterno presidente della “Repubblica” sia stato il relatore di una delle riforme elettorali più contestate, quel “Mattarellum” che introdusse il concetto di “scorporo” mischiando maggioritario e proporzionale.

E’ forse un caso che dopo neppure 24 ore dalla riconferma di Mattarella si parli di modifica della legge elettorale? Ovviamente no. Il tentativo è quello di far passare l’idea che cambi tutto, per non far cambiare – in realtà – nulla. Il 2023 si avvicina e per allora ognuno dovrà conservare il suo posto, ricoprendo un ruolo o l’altro e, soprattutto, tentando di scongiurare le elezioni. Quelle che non vuole nessuno, se non i partiti emergenti che per alcuni sono portatori di vecchi interessi. Meloni, già coccolata dal mainstream che la dipinge come l’unica ad essere uscita pulita dall’operazione Mattarella, per allora avrà conservato l’immagine dell’unica oppositrice, anche se oltre all’immagine ci sarà ben poco. Idealmente, tenendosi ben stretto il desiderio della premiership si porrà in contrapposizione a Draghi, che nel frattempo da palazzo Chigi potrebbe passare al Quirinale con le dimissioni anticipate di Mattarella. Colui – e qui il cerchio si chiude – che ne ha appositamente protetto il mandato. Intanto, si parlerà con sempre più insistenza di presidenzialismo, operazione che per questa volta non è riuscita in parte per la mancanza di tempi tecnici e in parte perché “spoilerata“. Anche di spoiler perisce il tentato rimpastone di inizio anno, negato dai leader di partito e per il momento messo da parte. L’obiettivo finale rimane comunque quello dell’uomo solo al comando che non deve rispondere al Parlamento, ma solo a sé stesso e ai diktat che piovono e pioveranno dall’alto. Ecco allora che le magre figure dei partiti diventano utili e strumentali: dove non riescono loro – è il sottotesto – riuscirà il monocrate che si prepara dietro le quinte.

Continua a leggere
Leggi i Commenti
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Nuovi
Meno recenti Più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Roberto Esse

La Meloni con il suo partito è ben addentro alle porcherie di regime, non a caso è stata introdotta nell’Aspen Institute, e non certo per le sue grandi qualità dal passato di cameriera. Il partito già di per sé, ha il nome di uno slogan tanto caro ai massoni come Mameli: Fratelli d’Italia. In realtà non è mai stata nemmeno all’opposizione, dato che in regioni dove governa il centro destra, il suo partito è ampiamente compromesso nelle nefandezze dei governatori, come in Lombardia dove hanno condiviso e votato scelte da regime, come la nomina di Bertolaso. Il passato di costui si commenta da solo, evidentemente non lo conoscevano solo i politicanti lombardi di FI, mentre per il presente sono da ricordare due traguardi che lo entusiasmano: la Lombardia è la regione più vaccinata d’Europa, e i bambini lombardi devono essere vaccinati al 100%. Dunque sempre all’avanguardia anche FI, con la partecipazione reale e non teorica alla dittatura di stato. Quanto ad Amato, il grande statista, il roditore dei conti correnti degli italiani con il suo prelievo illegittimo e notturno a tradimento, è il servo adatto per tutte le stagioni, non per nulla fu uno dei pochi a salvarsi dalle inchieste sul Psi, ed ora non può certo esimersi dall’esecuzione di ordini superiori: controllare la Corte Costituzionale. Salvini invece non merita neppure un commento, è stato talmente abile, non solo nel concorrere a distruggere il paese, ma perfino ad auto annientare il suo partito, ma preferisce fingere di non capire, oppure non è in grado di capire e questo sarebbe ancora più grave.

marco

Tutto corretto, dalla prima all’ultima parola.
Detto da uno di destra che naturalmente non ha nulla da spartire con la spazzatura di lega e fratelli d’italia, nè tantomeno coi mafiosi sub umani di forza italia

POLITICA

Valditara sulla vicenda dei tredici funzionari del Miur indagati

I fatti contestati riguardando il 2017 e un Concorso per dirigenti scolastici

© Rec News -

del

Valditara sulla vicenda dei tredici funzionari del Miur indagati | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Seguo con estrema attenzione la vicenda dei tredici funzionari del Ministero indagati per falso ideologico. Nel rispetto più assoluto della cultura liberale e garantista in cui mi sono sempre riconosciuto, e quindi in attesa che la specifica vicenda giudiziaria segua il suo corso, tengo da subito a riaffermare un principio-cardine: il Ministero deve essere una casa trasparente e chi ci lavora deve avere sempre come riferimenti la responsabilità istituzionale e la condotta inappuntabile che ne deriva. La trasparenza dell’amministrazione pubblica verso gli altri organi dello Stato e verso i cittadini è un valore fondamentale”. È quanto ha detto Giuseppe Valditara, Ministro dell’Istruzione e del Merito, sulla vicenda che vede coinvolti 13 funzionari del Miur accusati di aver pilotato il risultato del concorso per dirigenti scolastici nel 2017.

Nel mirino degli inquirenti sono finite anche sei delle nove commissioni giudicatrici del Lazio. Secondo le ipotesi, gli indagati avrebbero pilotato un concorso per dirigente scolastico, inserendo nel sistema CINECA i risultati delle prove ancor prima che queste venissero effettuate. Il Concorso DS 2017 prevedeva – per la prima volta dopo venti anni – una selezione su scala nazionale per la copertura di quasi 2500 posti da dirigente scolastico da assegnare nel corso del triennio successivo. Stando a quanto desunto dai sostituti procuratori Laura Condemi e Alessandra Fini, che coordinano le indagini, tra febbraio e marzo del 2019 gli indagati avrebbero truccato almeno 64 verbali di correzione delle prove.

Continua a leggere

PRIMO PIANO

Nonostante le promesse continuano gli sbarchi

© Rec News -

del

Nonostante le promesse, gli sbarchi continuano | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Gazzetta del Sud

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Proprio da lì, dalle nostre coste, continuano ad arrivare da giorni imbarcazioni colme di migranti, anche se il governo Meloni e il ministro dell’Interno Piantedosi avevano promesso un deciso cambio di rotta. Gli ultimi giorni sono stati particolarmente trafficati, nonostante i media mainstream continuino a porre l’accento sulla volontà del ministero dell’Interno di porre un freno agli arrivi. Tanto, del resto, era stato annunciato nel corso della prima riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, dove si era parlato di ridistribuzione tra gli Stati europei e di impegno nel contrastare l’immigrazione illegale. Parole ben calibrate che per il momento non rappresentano un deterrente per scafisti e trafficanti, che continuano a fare affidamento sull’Italia come crocevia dell’accoglienza indiscriminata. Basta guardare, per rendersene conto, agli arrivi delle ultime 72 ore:

Il 27 ottobre a Crotone sono giunti 650 migranti a bordo della nave Diciotti (in alto, nella foto pubblicata dalla Gazzetta del Sud). Il primo contatto con la Guardia costiera era avvenuto al largo di Catania. Il pattugliatore d’altura è arrivato nei pressi delle coste calabresi intorno alle 10, con a bordo due cadaveri. Le persone sbarcate sono state trasportate a bordo di vari pullman presso il centro di accoglienza di Sant’Anna.

Il 28 ottobre, ieri, in 60 sono sbarcati a Isola Capo Rizzuto, sempre in provincia di Crotone. Al porto di Le Castella – località turistica di interesse paesaggistico e culturale – è giunto un veliero proveniente dalle coste turche, subito condotto al porto da una motovedetta CP 308 della Guardia Costiera. Le operazioni di sbarco sono state coordinate dalla Prefettura di Crotone e i migranti sono stati trasferiti al centro di accoglienza locale. La struttura è ormai al collasso: attualmente ospita più di 1500 migranti, ma ha una capienza di poco più di 600 posti.

Sempre ieri, un’altra operazione condotta dalla Guardia costiera ha permesso di far sbarcare 141 migranti di varia nazionalità presso il porto di Roccella Ionica. Si trovavano a bordo di un”imbarcazione di legno che è stata intercettata a oltre 30 miglia di distanza dalla costa.

Nonostante le promesse, gli sbarchi continuano | Rec News dir. Zaira Bartucca

Non si tratta di un problema esclusivamente calabrese

Sebbene le coste calabresi siano le più interessate dagli sbarchi in questo periodo, gli arrivi incontrollati non sono un problema solo per le regioni meridionali. I migranti spesso escono fuori dai centri di prima accoglienza (anche per le precarie condizioni igienico-sanitarie delle strutture) e si distribuiscono su base volontaria in vari territori della Penisola. Superato lo scoglio della pericolosità del viaggio e quello di foraggiare i trafficanti umani con migliaia e migliaia di dollari, le aspettative di chi attraversa il Mediterraneo si scontrano ben presto con la realtà, perché l’Italia è ormai – per tutti – un Paese a crescita e lavoro zero.

Il rischio di incorrere in chi specula sul fenomeno migratorio è inoltre alto, come documenta la cattiva gestione della cosa pubblica da parte di Comuni e cooperative noti alle cronache. Senza contare che dal punto di vista delle casse dello Stato, finanziare onerosi progetti SPRAR (che spesso non garantiscono integrazione economico-sociale) significa ormai sottrarre risorse a capitoli di spesa ben più urgenti. Perché, se ci sono altri Stati europei che possono contribuire alla gestione dei migranti, non c’è chi può provvedere alle urgenze delle famiglie italiane al di fuori dei confini nazionali. Una situazione ormai endemica che non può essere certo risolta con proclami di facciata, con i meme di propaganda che affollano i social o con slogan di partito.

Continua a leggere

POLITICA

Covid, Meloni: “Non replicheremo errori passati. Ora chiarezza su affari milionari con mascherine e respiratori”

© Rec News -

del

Covid, Meloni: "Non replicheremo errori passati. Ora chiarezza su affari milionari con mascherine e respiratori" | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Non possiamo escludere una nuova pandemia, ma non replicheremo in nessun caso quel modello di gestione. L’informazione e la comunicazione sono più efficaci in tutti i campi della coercizione. Occorre fare chiarezza sugli affari milionari e sulla compravendita di mascherine e respiratori”. Un passaggio del discorso pronunciato questa mattina da Giorgia Meloni alla Camera. Dentro non c’è la cronistoria di Fratelli d’Italia (che in tempi di pandemia ha appoggiato e anzi promosso misure lesive delle Libertà fondamentali come il Green Pass) ma ci sono, fondamentalmente, le due promesse che hanno caratterizzato la campagna elettorale di FdI: l’istituzione di una commissione d’Inchiesta sulla gestione della pandemia da parte dei governi Conte II e Draghi e la fine di ogni imposizione e di ogni compressione dei diritti costituzionalmente acquisiti.

Meloni arringa, prende impegni e alza qualche barricata, per esempio sulla questione rigassificatori. Si devono fare punto e basta, anche se Piombino è già sul piede di guerra con l’annuncio del ricorso al Tar da parte del sindaco Francesco Ferrari e con la sconfessione da parte degli amministratori locali di Fratelli d’Italia, che non condividono la posizione della dirigenza del partito. Proprio i rigassificatori, peraltro, pongono due questioni toccate dallo stesso presidente del Consiglio: il mare e i sismi, perché l’idea – di per sé buona – di aumentare l’approvvigionamento nazionale di gas, in Italia si va inevitabilmente a scontrare con il pericolo aumentato di terremoti e con l’inquinamento delle acque marine.

Le preoccupazioni che giungono da mesi dagli abitanti di Piombino non coincidono, dunque, con i cosiddetti “no a prescindere”, ma nonostante questo l’approccio del governo sembra escludere in partenza l’idea di dialogo e di apertura sulla questione: “Farò quel che devo”, ribadisce varie volte il premier, “anche a costo di non essere più eletta e anche a costo di non essere capita”. Magra consolazione per una fetta importante di elettorato che ha consegnato al suo partito le sorti del Paese, certo non per subire una riedizione del governo Draghi. Ma Meloni, eccezion fatta per la pandemia, del governo del banchiere sembra sposare praticamente tutto: dall’Atlantismo ideologico all’esecuzione dei dettami provenienti dall’Unione Europea, dal ricorso agli uomini di sistema come Cingolani alla “transizione digitale con un cloud nazionale”, anche se non c’è più Colao con il suo ministero transumanista.

Sul Reddito di cittadinanza e sui migranti l’approccio annunciato è diverso ma – viste le reali condizioni del Paese – piuttosto favolistico: Meloni invoca il lavoro “per chi può”, ma non dice come il governo interverrà e come la domanda di occupazione si concilierà con l’idea totalitaria di sostenibilità promossa da Bruxelles, con la concorrenza che proviene dal mercato libero, con lo strapotere delle multinazionali, con l’internazionalizzazione imposta e con quella transizione digitale a cui si richiama, che – da sola – è in grado di falciare centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione