Europarlamento, ok al covid pass azzoppato. Non potrà influire sugli spostamenti e sui viaggi internazionali


Non è obbligatorio, non è un documento di viaggio e non sarà un prerequisito per l’esercizio della libertà di movimento. Passa la versione edulcorata del certificato verde



L’europarlamento – espressione di un’Unione europea teoricamente fondata sull’inesistenza dei confini – ha dato il suo ok al covid pass. A votare favorevolmente la proposta sono stati 540 deputati, contro 119 contrari e 31 astenuti. Il documento digitale o cartaceo – sulla cui legittimità ha espresso numerose riserve il Garante per la Privacy – non è obbligatorio e secondo quanto deciso potrà essere usato per un periodo massimo di dodici mesi. “Il certificato – riporta Agi – non servirà in nessun caso come documento di viaggio e non sarà un prerequisito per l’esercizio della libertà di movimento”. Secondo le linee guida della stessa Unione europea, infatti, l’utilizzo del covid pass appare relativamente sensato solo se ci si reca in Stati che continuano a imporre misure quali la quarantena per i viaggiatori. Tuttavia, anche da questo punto di osservazione persiste la componente discriminatoria verso chi non intende sottoporsi a vaccini e a tamponi.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.