Migranti, più di 40 indagati in Calabria. C’è anche l’ex sindaco di Riace Lucano. Ipotizzati danni erariali per 5 milioni


Tra questi quasi un milione per compensi indebitamente fatturati per posti in realtà non occupati



Nuova bufera sulla gestione migranti in Calabria. Ad accendere una nuova luce sulle “gravi irregolarità” rilevate sono questa volta le Fiamme Gialle di Cosenza, su delega della Corte dei Conti di Catanzaro. Il danno erariale ipotizzato è di circa 5 milioni, di cui quasi un milione – 947.541 euro – per compensi indebitamente fatturati per posti vuoti in realtà non occupati dai migranti. Tra gli oltre 40 indagati figura anche l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano (già imputato nel processo Xenia) assieme ad altri volti noti del suo entourage, come il suo vicesindaco dell’epoca Giuseppe Gervasi. Non solo: lo spettro d’azione si allarga e va a toccare anche Comuni di cui abbiamo già scritto connessi con la stessa Riace (come Caulonia), nonché una decina di cooperative.




Lucano ammise lo scambio di voti. “Gervasi l’ho messo lì io” – L’intercettazione
Così il sindaco Gervasi diede linfa al sistema Riace
Anche il padre di Gervasi aveva un ruolo nel sistema Riace



Calabria, si arricchivano con i migranti: la Finanza smaschera il business dei clandestini, 42 amministratori accusati di danno erariale di oltre 5 milioni di euro per “gestione irregolare” dei centri di accoglienza 
Calabria, la Finanza svela la gestione “migranti”: ecco chi sono gli indagati (c’è anche Lucano)
Gestione migranti, le scure della Corte dei Conti: 47 persone nei guai

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.