La strada della discordia

di Domenico Olivo – coordinatore cittadino circolo territoriale Fdi

Il circolo territoriale di FDI della cittadina di Cutro, alla luce dei continui interventi fatti dal F.F. Presidente della Provincia di Crotone sulle testate giornalistiche e sui social network, in merito al ripristino delle sedi stradali del patrimonio provinciale, vuole evidenziare il gravissimo stato dei luoghi della S.P. 63 che dalla cittadina di Cutro (uno dei centri più popolosi della provincia di Crotone) porta sulla S.S.106 dir. Catanzaro. Si tratta di una strada a grande percorrenza, in quanto oltre a servire il Comune di Cutro, è utilizzata quotidianamente anche dai paesi del Marchesato per raggiungere il capoluogo di provincia.


Certamente il Presidente facente funzione conosce la problematica della S.P. 63 e di conseguenza la sua pericolosità, in quanto la percorre quotidianamente per raggiungere Crotone da Petilia Policastro, ma forse è più impegnato a rispondere ai solleciti fatti dai rappresentanti di centrodestra ed in particolar modo di Fdi, che a cercare di risolvere l’annoso quanto pericoloso problema che interessa la S.P.63. Nella precisione, il 4 luglio 2020 (data di valenza storica) sono iniziati i lavori di ripristino sulla S.P. 63, lavori che interessavano una frana a valle della stessa strada.


Lavori, questi, che dovevano essere eseguiti sulla strada in questione consistevano nel ripristino della frane a valle , nelle vicinanze del bivio che porta alla stazione di Cutro, l’inserimento di pali trivellati nel ciglio di valle della sede stradale mediante messa in opera di pali trivellati in calcestruzzo armato, il ripristino di altre 2 frane, una al centro del percorso stradale ed una a monte della S.P. 63, ove venivano posizionate delle barriere “new Jersey” che hanno ridotto la carreggiata. Dal 4 luglio la situazione della S.P. 63 non è migliorata, anzi è stata peggiorata perché é stato posizionato materiale di riporto, ormai sprofondato, che sta creando innumerevoli disagi a chi transita sulla S.P. 63.


A questo proposito, infatti, a valle si è ridotta la carreggiata con una sola corsia a doppio senso di marcia. Situazione questa, ovviamente già di per sé pericolosa, lo è ancora di più visto che questo restringimento si concentra in prossimità di una curva “cieca ” che non permette di vedere il sopraggiungere di veicoli dal senso opposto di marcia, creando un grande rischio per la incolumità dei viaggiatori. Vi è di più, salendo nel centro del percorso vi è un frana che ha interessato il margine stradale con relativa caduta dei muri di sostegno. Per fronteggiare in qualche modo quest’altra problematica, hanno pensato bene di mettere una semplice rete di protezione lasciando, così una curva detta ” a gomito” senza alcuna protezione di sicurezza. Andando a monte, vi è una frana da due anni, si è pensato bene di ridurre la carreggiata posizionando delle barriere in cemento soprannominate “new Jersey”, ma nessun intervento concreto per garantire la sicurezza della circolazione automobilistica, è stato iniziato per ripristinare lo stato dei luoghi.


Pertanto, il circolo di fdi del comune di Cutro, chiede al Presidente F.F. ed ai consiglieri tutti della provincia di Crotone, di intervenire al più presto sulle frane che interessano la S.P. 63, sia per evitare disagi da un punto di vista della viabilità agli automobilisti, che nel periodo estivo si moltiplicano, e sia per evitare situazioni con conseguenze ben più gravi. Sicuri dell’accoglimento delle nostre istanze, con il seguente articolo si invitano gli organi politici preposti ad attivarsi per risolvere la problematica in questione.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.