Seguici

© Rec News -

del

Pubblichiamo integralmente – per l’interesse pubblico che riveste – il parere medico della dottoressa Margarite Griesz-Brisson, consulente neurologa e neurofisiologa. La traduzione è di M. Cristina Bassi

Continua a leggere dopo le foto

 

La respirazione della nostra aria espirata creerà senza dubbio una carenza di ossigeno e inonderà di anidride carbonica. Sappiamo che il cervello umano è molto sensibile alla privazione dell’ossigeno. Ci sono cellule nervose, per esempio nell’ippocampo, che non possono stare più di 3 minuti senza ossigeno – non possono sopravvivere. I sintomi acuti di avvertimento, sono mal di testa, sonnolenza, vertigini, problemi di concentrazione, rallentamento dei tempi di reazione – reazioni del sistema cognitivo.

Tuttavia, quando si soffre di carenza cronica di ossigeno, tutti questi sintomi scompaiono, perché ci si abitua. Ma la vostra efficienza rimarrà compromessa e la carenza di ossigeno nel vostro cervello continuerà a progredire. Sappiamo che le malattie neurodegenerative richiedono anni o decenni per svilupparsi. Se oggi ti dimentichi il tuo numero di telefono, l’esaurimento-disfunzione del tuo cervello potrebbe essere già iniziata 20 o 30 anni fa.

Mentre pensi di esserti abituato ad indossare la mascherina e a respirare nuovamente la tua aria espirata, i processi degenerativi nel cervello si amplificano con la continua carenza di ossigeno. Il secondo problema è che le cellule nervose del tuo cervello non sono in grado di dividersi normalmente. Quindi, se i nostri governi non ci permetteranno generosamente di liberarci delle mascherine e di tornare a respirare di nuovo liberamente l’ossigeno, in pochi mesi le cellule nervose perdute non saranno più rigenerate. Ciò che è andato, è andato.

Non indosso una mascherina, ho bisogno del mio cervello per pensare. Voglio avere la mente lucida quando ho a che fare con i miei pazienti, e non essere in anestesia indotta dall’anidride carbonica.[…]Non c’è un’esenzione medica sulle mascherine che non sia fondata, perché la privazione di ossigeno è pericolosa per ogni singolo cervello. Deve essere la libera decisione di ogni essere umano se vuole indossare o meno una mascherina, che è assolutamente inefficace per proteggersi da un virus.

Per i bambini e gli adolescenti, le mascherine sono un no assoluto. I bambini e gli adolescenti hanno un sistema immunitario estremamente attivo e adattivo e hanno bisogno di una costante interazione con il microbioma della Terra. Anche il loro cervello è incredibilmente attivo, poiché ha molto da imparare. Il cervello del bambino o del giovane, ha sete di ossigeno. Più l’organo è metabolicamente attivo, più ossigeno richiede.  E nei bambini e negli adolescenti ogni organo è metabolicamente attivo.

Privare il cervello di un bambino o di un adolescente dell’ossigeno, o limitarlo in qualche modo, non solo è pericoloso per la loro salute, ma è assolutamente criminale. La carenza di ossigeno inibisce lo sviluppo del cervello e i danni che ne derivano non possono essere annullati. Il bambino ha bisogno del cervello per imparare e il cervello ha bisogno di ossigeno per funzionare.  Non abbiamo bisogno di uno studio clinico per questo. La carenza di ossigeno è una controindicazione medica.

Questa è una fisiologia semplice e indiscutibile. La carenza di ossigeno volutamente indotta è un pericolo per la salute e una controindicazione medica assoluta. Una controindicazione medica assoluta in medicina significa che questo farmaco, questa terapia, questo metodo o misura non devono essere usati – non è permesso l’uso. Per costringere un’intera popolazione a ricorrere con la forza a una controindicazione medica assoluta, è necessario che vi siano ragioni certe e serie per farlo, e le ragioni devono essere presentate a organi competenti e interdisciplinari e indipendenti perchè siano verificati e autorizzati.

Quando tra dieci anni la demenza aumenterà in modo esponenziale, e le giovani generazioni non riusciranno a raggiungere il potenziale dato loro da Dio, non servirà a nulla dire “non avevamo bisogno delle mascherine”.[…]Come possono un veterinario, un distributore di software, un imprenditore, un produttore di auto elettriche e un fisico decidere su questioni che riguardano la salute di tutta la popolazione?

Per favore, cari colleghi, dobbiamo tutti svegliarci. So quanto sia dannosa la privazione di ossigeno per il cervello, il cardiologo lo sa per il cuore, il pneumologo lo sa per i polmoni. La privazione di ossigeno danneggia ogni singolo organo. Dove sono i nostri reparti sanitari, le nostre assicurazioni sanitarie, le nostre associazioni mediche? Sarebbe stato loro dovere essere veramente contro il lockdown e fermarlo e fermarlo fin dall’inizio. Perché gli Ordini dei Medici puniscono i medici che danno esenzioni? La persona o il medico devono veramente dimostrare che la privazione dell’ossigeno danneggia le persone?

Che razza di medicina rappresentano i nostri medici e le associazioni mediche? Chi è responsabile di questo crimine? Quelli che vogliono costringerlo? Quelli che lo lasciano accadere e stanno al gioco, o quelli che non lo impediscono?[…] Non si tratta di mascherine, non si tratta di virus, non si tratta certo della vostra salute. Si tratta di molto, molto di più. Io non partecipo. Non ho paura.[…]Come notate, stanno già prendendo l’aria che respiriamo. L’imperativo del momento è la responsabilità personale.

Noi siamo responsabili di ciò che pensiamo, non i media.
Noi siamo responsabili di ciò che facciamo, non i nostri superiori.
Noi siamo responsabili della nostra salute, non l’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Noi siamo responsabili di ciò che accade nel nostro Paese, non il governo”.

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere
Leggi i Commenti

3 Comments

  1. RENATO FERRIANI

    11 Febbraio 2021 at 13:49

    E’ CRIMINALE L’OBBLIGO DELLE MASCHERINE IO NELLE FILIPPINE NE SCORAGGIO L’USO. GRAZIE PER I VA STUPENDI SERVIZI SENZA MASCHERINA. AVANTI COSI’ RAGAZZI.

  2. Loscalatoredelleande

    10 Febbraio 2021 at 08:31

    Quindi i medici e i chirurghi che la usano per lavoro secondo lei vanno incontro a una diffusa morte neuronale da sempre… Incredibile come riescano però a compiere operazioni molto complesse e difficili anche se il loro cervello è così malfunzionante… Come se lo spiega?

    • Redazione

      10 Febbraio 2021 at 09:56

      I medici utilizzano mascherine filtranti o respiratori facciali dotati di valvola, come potrà facilmente confermarle personale specializzato. Non si tratta comunque di dispositivi adatti ad un uso continuativo, anzi la loro resa e sicurezza è garantita per 8-10 ore, poi vanno buttate. Molte persone riutilizzano la mascherina, e questo aggrava i problemi legati alla contaminazione di viso, occhi, cavo orale (si parla già di “mask mouth”) e degli stessi polmoni, perché si reintroduce quello che si dovrebbe espellere.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Annulla risposta

ATTUALITA'

La storia di Carlo, rovinato dai neurolettici 

Il racconto degli effetti devastanti. Non dovrebbero essere assunti per più di due settimane, ma questo limite spesso viene superato, provocando danni irreversibili – di CCDU*

© Rec News -

del

La storia di Carlo, rovinato dai neurolettici | Rec News dir. Zaira Bartucca

Carlo – nome di fantasia – si è rivolto al CCDU, Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, una onlus di vigilanza attiva nella denuncia di abusi nel campo della salute mentale, e legittimata ad agire dal Ministero per le Disabilità per la tutela legale delle persone con disabilità vittime di discriminazioni, per segnalare i danni da lui subiti in seguito all’assunzione di questi farmaci.  

Continua a leggere dopo le foto

Dopo una prolungata assunzione di farmaci neurolettici, Carlo ha preferito non mostrare in pubblico gli effetti devastanti, ma parlarne mascherando volto e voce. 

I neurolettici (noti anche come antipsicotici e camicie di forza chimiche) sono i farmaci più potenti dell’intero arsenale psichiatrico. Normalmente non dovrebbero essere assunti per più di tre settimane, ma questo limite viene spesso superato.   

L’assunzione prolungata produce spesso danni irreversibili. Quando osserviamo qualcuno ritenuto matto, e notiamo quell’espressione vuota e inebetita, la lingua in fuori, i chili di troppo o la mancanza di qualche dente, non stiamo osservando i sintomi della sua cosiddetta malattia mentale: stiamo osservando ciò che questi farmaci fanno alle persone.  

Gli effetti più visibili sono l’acatisia (uno stato di irrequietezza motoria) e la discinesia tardiva, una patologia iatrogena (cioè causata dai farmaci) irreversibile che si manifesta con smorfie frequenti e incontrollate. 

*Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

ATTUALITA'

Strage di Via d’Amelio: trent’anni di ipocrisie, senza verità e giustizia

Salvatore Borsellino invoca rispetto per il fratello Paolo e per gli altri uccisi nel corso della strage di Via d’Amelio dopo la sentenza che ha assolto alcuni imputati e ha prescritto alcuni reati: “Basta disonestà, chiediamo silenzio. Basta passerelle, la lotta alla mafia non fa parte di nessun programma politico”

© Rec News -

del

Strage di Via d'Amelio: trent'anni di ipocrisie, senza verità e giustizia | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Avremmo voluto celebrare il trentesimo anniversario della strage di via d’Amelio con una vittoria sulla mafia e quindi con la scoperta della verità per dare giustizia ai familiari e alle vittime. Purtroppo sarà anche quest’anno solo un appuntamento rimandato. Fin quando non si farà chiarezza sui tanti depistaggi, fin quando la politica non farà leggi antimafia dignitose della memoria e dell’operato dei magistrati e degli uomini delle forze dell’ordine che per lo Stato sono stati uccisi”,  Così Salvatore Borsellino – fratello del magistrato ucciso il 19 luglio del 1992 – ha commentato il trentennale dalla strage di Via d’Amelio, che ricorre oggi.

Continua a leggere dopo le foto

“Sono passati trenta lunghi anni senza verità. Sono stati celebrati numerosi processi ma ancora attendiamo di conoscere tutti in nomi di coloro che hanno voluto le stragi del ’92-‘93. Abbiamo chiaro che mani diverse hanno concorso con quelle di Cosa mostra per commettere questi crimini ma chi conosce queste relazioni occulte resta vincolato al ricatto del silenzio”.

“Ora – prosegue Borsellino – chiediamo noi il silenzio. Silenzio alle passerelle. Silenzio alla politica. Perché invece di fare tesoro di ciò che in questi trent’anni è successo, ci accorgiamo che la lotta alla mafia non fa più parte di nessun programma politico. Anzi, alcuni recenti provvedimenti legislativi, come la cosiddetta riforma che introduce il principio dell’improcedibilità per numerosi tipi di reati e la cosiddetta riforma dell’ergastolo ostativo in discussione presso il Senato, fanno carta straccia degli insegnamenti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Adesso basta con queste disonestà. I cittadini si aspettano dalle istituzioni azioni concrete, dissociazioni dalla mafia e soprattutto trasparenza per riavere la loro fiducia”.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

ATTUALITA'

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all’ergastolo

Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi. Disposto anche l’isolamento diurno

© Rec News -

del

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all'ergastolo | Rec News dir. Zaira Bartucca

Anziani abbandonati senza cure nelle RSA o imbottiti di dosi letali di insulina e psicofarmaci. Erano i trattamenti disumani che L.W., 59 anni, riservava ai pazienti che avrebbe dovuto assistere. Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi premeditati e quattro tentati omicidi, e condannato all’ergastolo. Disposto anche l’isolamento diurno. I fatti contestati risalgono al 2017-2018, mentre per i presunti casi di abbandono e mancate cure nelle RSA lombarde nel periodo covid i pm hanno chiesto l’archiviazione (Pio Albergo Trivulzio e Palazzolo Don Gnocchi).

Continua a leggere dopo le foto

 

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione