Legge di Bilancio, la toppa del governo sui danni causati dai vaccini


71 milioni all’anno fino al 2023 e 50 milioni per chi ha subito “complicazioni irreversibili”. E’ quanto prevede la Legge di Bilancio cui il Senato ha dato il via libera definitivo



Il Senato ha dato il via libera definitivo alla Legge di Bilancio. Tra le pieghe dei provvedimenti di sussistenza e in piccola parte di natura economica, il governo ha inserito anche misure che riguardano tematiche ormai abitualmente affrontate. All’articolo 78 (Disposizioni volte a eliminare il contenzioso in materia di indennizzi dovuti alle persone danneggiate da vaccinazioni obbligatorie e talidomide) si parla per esempio di vaccini. Nel pratico, verranno destinati circa 10 milioni per risarcire le persone già danneggiate da un obbligo vaccinale che nonostante tutto rimane al centro del dibattito; la dotazione – tuttavia – verrà incrementata di molto per gli anni che vanno dal 2021 al 2023: per il triennio, i risarcimenti saranno infatti di 71 milioni all’anno. Un aspetto che non rincuora, ma che anzi getta ulteriori ombre sulla campagna di vaccinazione appena iniziata.


Danni da vaccino, l'articolo 78 della Legge di Bilancio - Rec News, direttore Zaira Bartucca

“Al fine di adeguare gli indennizzi, quale spesa obbligatoria, dovuti ai sensi delle leggi 29 ottobre 2005, n. 229 e 24 dicembre 2007, n. 244, rispettivamente a favore dei soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie e da talidomide – si legge nel documento appena licenziato – il Ministero della salute è autorizzato a corrispondere agli aventi diritto le maggiori somme derivanti dalla rivalutazione dell’indennità integrativa speciale relativa alla base di calcolo degli indennizzi di cui alle citate leggi n. 229 del 2005 e n. 244 del 2007, per un ammontare di euro 9.900.000, a decorrere dall’anno 2021 per l’adeguamento dei ratei futuri. Il Ministero della salute – si legge ancora – è autorizzato a corrispondere le somme dovute a titolo di arretrati maturati dagli aventi diritto a seguito della rivalutazione dell’indennità integrativa speciale di cui al comma 1, nonché gli arretrati dell’indennizzo di cui alla legge 24 dicembre 2007, n. 244, dovuti dalla data di entrata in vigore della stessa per i titolari nati nel 1958 e nel 1966, fino ad un ammontare annuo pari ad euro 71.000.000, per gli anni dal 2021 al 2023. Gli arretrati sono corrisposti nel termine di prescrizione ordinaria di 10 anni a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge. Il pertinente capitolo dello stato di previsione del Ministero della salute è incrementato di euro 71.000.000 per ciascuno degli anni dal 2021 al 2023″.


Danni da vaccino nella Legge di BIlancio 2021 | Rec News, direttore Zaira Bartucca

Indennizzi per i soggetti danneggiati da “complicanze irreversibili”

Ma quello che fa maggiormente riflettere sono gli indennizzi pensati per i “soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni ed emoderivati”. Persone che hanno riportato danni permenenti che dureranno fino alla fine della loro vita (“irreversibili”, appunto) che il governo conta di rattoppare con elargizioni di denaro. La cifra prevista per il 2021 è di 50 milioni. “Al fine di concorrere agli oneri sostenuti dalle regioni per l’esercizio della funzione di concessione degli indennizzi a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni ed emoderivati – si legge all’articolo 153 – è istituito nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze un fondo con una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2021. Il fondo di cui al periodo precedente è ripartito fra le regioni interessate con decreto del Ministero della salute, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, da adottare sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, entro il 28 febbraio 2021, in proporzione al fabbisogno derivante dagli indennizzi corrisposti”.


Il Fondo Sanità e vaccini nella Legge di Bilancio 2021 - Rec News, direttore Zaira Bartucca

Il “Fondo sanità e vaccini”

L’articolo 80 istituisce invece il “Fondo sanità e vaccini”. Per il 2021, la spesa prevista è di 400 milioni, da “destinare all’acquisto dei vaccini anti SARS-COV-2 e dei farmaci per la cura dei pazienti con COVID-19”.



Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.