Disoccupata, sfrattata e separata dal figlio disabile, la signora Adele Ferraro ora vive in strada


Il dramma umano e sociale si consuma a Reggio Calabria, con la compiacenza dell’amministrazione Falcomatà appena reinsediata, che non ha ancora garantito un alloggio alla famiglia nonostante sia previsto da una legge regionale



L’amato figlio disabile, un’abitazione in affitto alla meno peggio che racchiudeva i suoi beni di prima necessità e sei gatti. Era tutto quello che aveva la signora Adele Ferraro, ma da inizio anno non le è rimasto pià nulla. Indigente perché disoccupata, senza colpe ma con tanta dignità, ora la aspettano la strada d’inverno e una vita di stenti. Nel cuore conserva speranza di vedere il figlio ricoverato da cui l’hanno separata, e la possibilità – magra consolazione – di andare a trovare gli animali custoditi dalla padrona di casa che ha deciso di buttarla in strada.


Slider image
Slider image
Slider image

Questo dramma familiare, umano e sociale si consuma a Reggio Calabria, con la compiacenza dell’amministrazione Falcomatà appena reinsediata, che non ha ancora garantito un alloggio alla donna e al figlio disabile, nonostante l’assegnazione sia prevista in concomitanza allo sfratto di persone a basso reddito che non hanno una sistemazione alternativa (articolo 31 della Legge Regionale 32/1996). All’ombra dei Bronzi custoditi nel museo nazionale, vicino al “chilometro più bello d’Italia”, a fianco della “Reggio bene”, insomma, la signora Adele sfida con dignità gli stenti cui vorrebbero condannarla, ma l’inverno e la situazione precaria del figlio ricoverato sono una preoccupazione. Una situazione che non è degna di un Paese civile, un’ingiustizia sociale simbolo di un’Italia – e forse di una parte politica – che sa solo riempirsi la bocca di buonismo, lasciando le vittime della crisi artefatta sempre più indietro.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4.7 3 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Renato Ferrianie
Renato Ferrianie
4 mesi fa

provo un dolore immenso.Non mi capacito del profondo egoismo e indifferenza di chi per denaro butta su una strada una povera signora che viene anche separata dall’amato figlio.Le parole del non virologo in quanto esperto di Crisanti che influenza i papaveri appassiti del governo, mai fatto una pubblicazione.chiamato dal famoso dott Palu’a Londra che ha rivelato quello che e’.E si meraviglia quando parla di lockdown.Il potere da alla testa a quasi
tutti non solo alle elite finanziarie che si preparano a un grande reset ossia azzeramento di un colossale debito mondiale in cambio delle ns proprieta’ creati da loro con valuta creata dal niente etc.Vedremo.Auguri a tutti noi.In vista una unica moneta virtuale e peggio una reddito fi cittadinanza minimo che co consentirebbe di comprare il minimo di sussiatenza dove e come vorrebbero liri.Come in Cina.Oreghuamo forte e molto.C’e’ chi si sta organizzando oer contrastare questo diabolico progetto.

error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.