Periodico di Inchieste

“Qui i politici non entrano”, l’iniziativa di un ristoratore della Capitale


La provocazione di un commerciante romano e il suo grido d’allarme: “lockdown, smart working e proroga dello stato di emergenza hanno fatto sparire la gente da Roma”



Rabbia, debiti, incertezza. Le restrizioni imposte dal governo e l’economia che viene fatta affossare sempre più, senza che i commercianti sia data l’opportunità di rimettersi in moto, perché le priorità del governo sono ben altre. Il signor Valerio Laino ha pensato a tutto questo prima di prendere una decisione singolare: quella di estromettere dal suo locale piegato dalla crisi, i politici. Una decisione provocatoria che ha spiegato lui stesso: “Mi chiamo Valerio Iaino, ristoratore che lavora nel cuore di Roma da ormai 10 anni, in trincea dall’inizio del lockdown per difendere la mia, la nostra categoria di autonomi, partite Iva, ristoratori e liberi professionisti, letteralmente abbandonati come se nulla fosse, messi in ginocchio e costretti a continuare ad affrontare spese insostenibili da mesi, con incassi ridotti dell’80%“.


L’unico plauso che va a mio parere al governo – ha detto il ristoratore – è quello di averci aiutato ad indebitarci con l’accesso al credito grazie alla garanzia dello Stato, non dimenticando che la chiusura delle attività ci è stata imposta. Così facendo è stato deciso il nostro fallimento, ormai quasi consolidato. In questi giorni si parla della proroga dello stato di emergenza, situazione a mio avviso drammatica ancor di più per noi ristoratori. Verrà agevolato il lavoro in smart working, quindi la mancata presenza di lavoratori pubblici metterà sempre di piu in ginocchio il centro della capitale  che ormai da anni sostiene la nostra categoria tra pause pranzo e cene di lavoro”.


Il mio sfogo mi ha portato ad affiggere un cartello di quasi disprezzo, rabbia, delusione ma soprattutto antipolico, scattato ieri mattina dopo aver visto centinaia di applausi per il nostro presidente Conte, ma nello stesso tempo vedere versare lacrime al proprietario di una nota attività storica in centro, nonché padre di famiglia, disperato perché ormai esposto per migliaia di euro e senza aver potuto accedere a nessun sussidio e aiuto da parte del governo. Penso che ciliegina sulla torta sia stato il mancato rinvio delle tasse da luglio a settembre. Per noi ristoratori del centro di Roma le speranze di salvarci sono sempre di meno, ahimè il grande patto in Europa viste le condizioni e l’erogazione posticipata dei soldi, di sicuro per noi partite Iva non sarà altro che l’ennesima beffa”, ha concluso.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.