Periodico di Inchieste

Carla Villa Maji: “Rispondo così a chi nega tutte le libertà tranne una”


L’apprezzata filosofa – che ci pregiamo di ospitare periodicamente – è finita nel mirino degli scribacchini lgbt. La solidarietà di Rec News a una donna colta che non ha bisogno delle lezioni di nessuno, soprattutto quando provengono da principianti e da contesti così bassi



di Carla Villa Maji – Filosofa e Intellettuale

Leggo un titolo pubblicato da un sito di disinformazione lgbt, nel quale il mio santo nome viene affiancato a quattro asserzioni non presenti nel testo della mia proposta di integrazione più che di modifica costituzionale e delle attuali convenzioni Onu. Come qualsiasi persona dotata di un minimo di logica potrà verificare, tali asserzioni non solo non si trovano nel mio testo, ma neanche ne sono in qualche modo deducibili. Pertanto il fatto che mi siano attribuite e per giunta nel titolo – con la consapevolezza che la maggior parte dei navigatori si fermano a questo senza andare a leggere l’articolo che si qualifica da sé  per la propria inconsistenza – è ‎a mio avviso qualcosa oltre la faziosità. Azzarderei che si tratti di un esempio di conclamata diffamazione.


Viene scritto: “La modifica costituzionale proposta da Carla Villa Maji: divieto alle famiglie gay, niente tutela per i minori, leva obbligatoria e arresto per chi dissente”Invito tutti a leggere direttamente il mio articolo è non solo gli stralci riportati da Gayburg tra l’ altro con qualche taglia e incolla. Divieto alle famiglie gay. Di che? Dove? Semplicemente affermo che la famiglia naturale è ‎quella composta da una madre e da un padre, quindi, per le adozioni, di una donna e di un uomo, perché i bambini hanno bisogno, nel loro sviluppo e processo di identificazione, di tale differenza. Nel testo non solo non propongo alcun divieto, ma preciso che non sono favorevole a tale soluzione, e invito piuttosto la comunità lgtb a riflettere sui diritti dell’ infanzia e a averne rispetto.


Aggiungo qui che ho molti conoscenti omosessuali i quali prendono le distanze non solo da siti come quello che mi attacca ingiustamente, ma che considerano iniziative come quella di Scalfarotto‎, per esempio, stupidaggini pilotate dal partito d’appartenenza e che nulla hanno a che fare col sentire della comunità lgtb, i cui diritti civili non sono per me in discussione. E’ evidente che chi scrive contro di me non si interessa alla psicopedagogia e che neanche ha mai letto la casistica già disponibile riguardante le difficoltà dei bambini adottati da famiglie che non presentino i due differenti poli sessuali in paesi dove tali adozioni si verificano già da tempo.


Niente tutela per i minori. I minori sono più tutelati da un bravo medico di famiglia scelto dai Cittadini, e genitori,  piuttosto che da un medico burocrate imposto dallo Stato e prono alle direttive di Stato. La tutela perfetta non esiste, si sceglie quella più rispettosa della libertà individuale, che non è certo quella di permettere allo Stato di manipolare la nostra vita. Ci si oppone a una cura per seri motivi personali o di scienza e si arriva a una soluzione attraverso il confronto col proprio medico di fiducia. Per quel che riguarda i vaccini, alcuni sono necessari e già a lungo testati e non presentano complicazioni, altri  non sono necessari, altri presentano serie complicazioni, altri, essendo nuovi, possono sollevare più che legittime perplessità. Un bravo medico di famiglia sa dare l’indicazione giusta e adatta al singolo caso.


Ricordo poi, per quel che riguarda il diritto a essere tutelati dal proprio medico di fiducia‎ e da un legale in caso di proposta di Tso, che chi non può affrontare spese legali può chiedere il patrocinio dello Stato, che andrebbe esteso a questi casi con procedura d’urgenza. E’ chiaro che chi scrive contro di me non è al corrente di tale possibilità e che pertanto, oltre a non interessarsi alla psicopedagogia, non si interessa neanche agli indigenti, che tra l’altro sono persone più delle altre a rischio di abusi, a cominciare da quelli di Stato, perché quasi sempre più sole. Leva obbligatoria. Prima di tutto io non parlo di obbligatorietà e in verità neanche di leva. Parlo di addestramento e non di un anno ma di qualche mese, quindi non necessariamente col trasferimento in caserma. E perché i nostri giovani non dovrebbero essere ben addestrati dallo Stato all’uso delle armi?


L’addestramento militare, come anche a un’arte marziale, non è solo imparare a sparare, banalizzazione di chi non è in grado di apprezzare aspetti importanti della formazione, ma è anche sviluppare alcune qualità come l’autocontrollo, i riflessi, la disciplina e altro ancora. Il Presidente Washington asseriva che la libertà degli Americani sarebbe finita quando non avessero più avuto il diritto di appendere il fucile ‎al proprio muro di casa, spero che i Cittadini degli  Usa tengano ben saldo questo diritto, che qui ci è negato, e che continuino a votare Repubblicano. Non c’è ‎dubbio tuttavia che a breve verrà richiesto, da qualche difensore dei diritti di questo o quello, anche l’abbattimento delle statue di George Washington, pare che possedesse degli schiavi! Perché appunto ormai la memoria, con le sue ombre ma anche con le sue luci, deve essere cancellata da chi fa dell’analfabetismo storico un obiettivo primario per il perseguimento dell’ estinzione dell’ individualità umana e che, per perseguire tale fine, non esita a strumentalizzare anche buone cause.


Arresto per chi dissente. Non ho scritto questo ma ho scritto che chi, nella propria attività istituzionale, opera contro i diritti civili e naturali dei Cittadini deve essere indagato, infatti dietro le quinte del sistematico liberticidio in atto ci sono strategie e interessi. In breve rispondo alle altre quisquilie. Mi viene dato della populista e della complottista, termini abusati ormai dai nemici della libertà, e vengo presentata come “una tale Carla Villa Maji”, il che conferma che chi scrive non legge abbastanza da riconoscermi. Confermo ‎che ritengo che i Comuni siano una realtà importante e che i Cittadini che abbiano fondati motivi per la loro salute e per il loro benessere, e in generale motivi legati ai diritti naturali e civili‎, abbiano il diritto di opporsi a opere pubbliche o private nei loro territori di residenza, quindi non sto proponendo di lasciare discariche a cielo aperto e idiozie simili.


Confermo che lo Stato non ha il diritto di imporre strumenti elettronici al Cittadino contro la sua volontà ‎sempre, e anche con la sua volontà quando si tratta di diritti indisponibili.‎ Confermo che lo Stato non ha il diritto di imporre pagamenti elettronici ovvero di limitare e quindi progressivamente abolire l’uso del contante ovvero il possesso reale del titolo di pagamento. Confermo che lo Stato non ha il diritto di imporre sistemi di identificazione elettronica al fine dell’erogazione di servizi. Molti anni fa scrissi un articolo sui microchip sottocute quando ancora nessuno se ne occupava‎: l’articolo fu tradotto in molte lingue e ripreso da più siti. Allora ne scrissi anche in riferimento all’ introduzione‎  dell’assistenza sanitaria negli Usa, i Repubblicani si opponevano, i democratici erano divisi sulla obbligatorietà, e alla conseguente introduzione di un codice identificativo per tutti i Cittadini.


Confermo che lo Stato ha il dovere di rimuovere le cause del crimine, non il solo crimine, e di sviluppare un sistema giudiziario volto al recupero più che alla pena. Confermo anche che lo Stato ha il dovere di porre fine allo scempio dei processi facili sulla base del nulla avviati da solerti Pm e senza l’adeguata opposizione dei Gip. Confermo che lo Stato ha il dovere di immettere liquidità, che il debito si paga tornando a dare respiro all’ economia, cominciando dalla domanda interna, e pertanto credibilità alle imprese e ai titoli di Stato.‎ Confermo che lo Stato ha il dovere di reggersi in modo non parassitario e ‎che non ha il diritto di imporre tasse su beni immobili sotto un certo valore, direi mezzo milione di euro, e in generale in assenza di reddito,  e gabelle e bolli di vario genere, in generale lo Stato nel suo complesso, cioè nella totalità, non ha il diritto di tassare i Cittadini oltre lo stretto necessario per i suoi servizi e cioè di ledere il risparmio privato, come già fatto in passato, anche coi prelievi sui conti correnti e lo stralcio dei diritti acquisiti, neanche per così dette emergenze.


Confermo che lo Stato non ha il diritto di imporci alcuna teoria storica o scientifica o di altro genere. Il dibattito appartiene alla Società, lo Stato deve starne fuori e i reati di opinione devono essere banditi dall’ ordinamento giuridico. Confermo tutto quello che ho già scritto nell’ articolo in questione. Aggiungo che in Italia esiste una vera maggioranza relativa, che è quella di chi non vota, e alla quale io appartengo da quasi vent’anni. Specifico che tanta astensione ha un senso ben diverso e ben più grave rispetto a quella che avviene negli Usa, infatti è diverso il modo di esercizio del voto. E che pertanto basta fare due conti perché sia chiaro che coloro che governano in Italia lo stanno facendo senza consenso popolare, e cioè con un pugno di voti, forse è per questo che qualcuno tra loro si affretta perché tutti abbiano il bavaglio, pardon, la mascherina! Bisogna pur che  la gente sia privata del possesso della propria vita, movimento e pensiero, del proprio risparmio privato e contante, della propria famiglia, della propria privatezza, del medico di fiducia, lo Stato deve essere Controllore e Padrone!


C’è poi tutto un mondo al quale non piace Hitler solo perché preferisce Stalin o forse Xi Jinping!‎ Abbiamo leggi contro Mussolini ma non contro Togliatti, numero due del Komintern secondo solo a Stalin, di cui il Pd, per quel che ne so, celebra ancora gli anniversari! Gli Italiani dovrebbero andare a leggersi bene la biografia di questo tale, ma non sarebbe la sola utile, per capire meglio la loro situazione!‎ Penso proprio però che il 4 luglio sarò in piazza comunque col centrodestra, hanno molto bisogno di persone chiare molto chiare e che abbiano studiato molto e io ho studiato molto ma molto e ho le idee molto ma molto chiare.‎ Ne approfitterò per promuovere le idee di libertà esposte nel mio programma, ne abbiamo bisogno in una Nazione dove, per il concetto di egemonia, gente abituata alla mistificazione e alla menzogna, proprie della loro parte politica, poiché la loro ideologia, che esiste ancora ben nascosta sotto la dicitura di “democratico”, può reggersi solo con la menzogna e la mistificazione, ne sono cultori eccellenti, ha occupato sanità, scuola, università, magistratura e quant’altro.


Gente che nega ormai qualsiasi libertà tranne una…per carità…non siamo dei bacchettoni! A destra anzi, per tradizione, lo siamo meno che a sinistra. Tutto qui? Molto rumore per il nulla.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Carla Villa Maji
Carla Villa Maji
3 mesi fa

Diciamo che alle volte mi piacerebbe pensare a un’ opposizione reale ma è evidente che non c’ è e che pertanto, io che non voto da una ventina d’ anni, non potevo essere in piazza sabato con chi è di fatto responsabile in modo diverso ma non meno grave della caduta dei valori umani e culturali nella nostra Italia. Quello che si sta consumando in queste ore è il punto più basso che la Repubblica abbia mai raggiunto, la Magistratura, la Corte Costituzionale, il Presidente della Repubblica e comunque i Cittadini italiani mandino subito a casa Zaia!

error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.