Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

Scomoda Cunial, ora l’accusano di vilipendio


A venir preso di mira non è il duo Conte-Gates, il tecnocrate Vittorio Colao o chi ha inscenato una pandemia per i propri tornaconti, ma chi ne parla. Ma la deputata del Gruppo Misto incassa il sostegno trasversale di cittadini e voci libere



Sara Cunial, la deputata che dal Movimento 5 Stelle è transitata nel Gruppo Misto a causa delle divergenze con i grillini, è accusata di vilipendio al Capo dello Stato. La Camera dei Deputati è infatti quel magico posto in cui non solo i rappresentanti non si indignano contro le eminenze grigie autori di “crimini come l’umanità”, per dirla con la stessa Cunial, ma anzi accusano chi li denuncia.


Succede così che a venir preso di mira non sia Giuseppe Conte che ha stretto un’alleanza pro-vaccino con Bill Gates, non sia il tecnocrate patito del controllo Vittorio Colao o chi ha inscenato un’epidemia per i propri tornaconti, ma chi parla di tutto questo. Non si guarda alla luna, ma al dito che la indica e al proprietario della mano cui, per ovvie ragioni, bisogna attribuire qualche colpa.


Così Cunial è diventata quella che avrebbe commesso il reato di “vilipendio al Capo dello Stato” nei riguardi di un Capo – l’influente e “reale” Napolitano – che non è nemmeno più in carica. E alla stampa mainstream e ai detrattori che hanno sprecato l’ennesima occasione per tacere, verrebbe da domandare: in che modo Mattarella può essere definito “pluripresidente”? Chi dei due se n’è fregato talmente tanto della Costituzione da lanciarsi nel doppio mandato?


Ma questo i “professionisti dell’informazione” lo sanno, così come sanno la differenza tra una proposizione principale e una incidentale, che fa in modo che quel “epidemia culturale” non fosse riferito a Re Giorgio, ma allo “scientismo”. Ma, tanto, nessuna querelle politica riuscirà a cancellare quanto ha detto Cunial, autrice di uno scatto di orgoglio paragonabile solo – nella storia italiana – al lancio delle monetine sui colpevoli di Tangentopoli. Riportiamo integralmente il suo discorso.



Hobbes ci ricorda che il potere assoluto non nasce con un’imposizione dall’alto, ma dalla scelta di individui che si sentono più protetti rinunciando e concedendo la propria libertà a un terzo. In virtù di questo voi proseguite anestetizzando le menti a base di mass media comprati, amuchina e PNL con parole come regime, consentire e permettere. Vi permettete di normare anche i nostri legami e sentimenti e certificare i nostri affetti. E allora ecco la Fase 2. Tale e quale la Fase 1. Cambia solo il nome, come già per il Mes.


Abbiamo capito che non si muore di certo per il virus e allora si potrà soffrire e morire a norma di legge per la miseria e la povertà. 1.6 miliardi di persone sono a rischio per Onu. E come nei migliori regimi, la colpa sarà scaricata solo su noi cittadini! Ci togliete la libertà e dite che ce la siamo cercata, al grido del dividi et impera. A rimetterci soprattutto i nostri figli: anime violentate in accordo con il Garante dei diritti e Cismai varie. Sarà allora concesso il diritto alla scuola solo con braccialetto per abituarli alla libertà vigilata e distanziamento sociale in cambio di un monopattino e un tablet.


Il tutto per assecondare gli appetiti di un capitalismo finanziario il cui motore è il conflitto di interessi ben rappresentato dall’Oms, il cui primo finanziatore è il filantropo e salvatore del mondo Bill Gates. Egli già nel 2018 profetizzava una pandemia, poi simulata lo scorso ottobre nell’Event 201 in accordo con gli amici di Davos, ed ormai da decenni si prodiga nello sviluppo di piani di depopolamento e controllo dittatoriale sulla politica globale, puntando ad ottenere il primato su agricoltura, tecnologia, energia.


“Se facciamo un buon lavoro con i nuovi vaccini, la sanità e la salute riproduttiva, possiamo diminuire la popolazione mondiale del 10-15%” e “solo un genocidio può salvare il mondo” sono state le sue parole. Grazie ai suoi vaccini è riuscito a sterilizzazione milioni di donne in Africa, ha provocato un’epidemia di poliomielite che ha paralizzato 500 mila bambini in India, ed ancora oggi con il DTP causa più morti della stessa malattia così come con i suoi Ogm sterilizzanti, progettati da Monsanto e donati così generosamente alle popolazioni bisognose. Il tutto mentre sta già pensando di distribuire il tatoo quantico per il riconoscimento vaccinale e i vaccini a mRna, come strumenti di programmazione del sistema immunitario.


E allora in questa tavola imbandita c’è tutto il Deep State all’italiana: Sanofi che, insieme alla collusa Glaxo, sigla accordi con le società di medicina per l’indottrinamento dei medici del futuro, facendosi beffe della loro autonomia di giudizio. Ci sono le multinazionali i-Tech come la romana Engineering, amica del nobile Mantoan, o la Bending Spoons della Pisano per controllo e gestione dei nostri dati sanitari in rispetto all’Agenda europea ID2020 di identificazione elettronica che ricorre alla vax di massa per ottenere una piattaforma di identità digitale.


Ci sono gli amici di Aspen come Sassoon e Colao che con i suoi report di 4 pagine da 800 euro l’ora, senza alcun revisione scientifica, ci detta la sua politica da generale del Bildeberg ben lontano dal campo di battaglia. Il contributo italiano all’alleanza internazionale contro il coronavirus sarà di 140,5 milioni di euro, di cui 120 milioni a Gavi Alliance, la no-profit creata dalla fondazione Gates e sono solo parte dei 7,4 miliardi di euro recuperati dalla Commissione europea per trovare i vaccini contro il Coronavirus che serviranno a quanto sopra descritto. Nulla per la sieroterapia che ovviamente ha il terribile effetto collaterale di costare pochissimo.


Il vero obiettivo è il controllo totale, il dominio assoluto sugli esseri umani ridotti a cavie e schiavi violandone sovranità e libero arbitrio. Il tutto tramite i vostri inganni travestiti da compromessi politici. Mentre voi stracciate Codice di Norimberga con Tso, multe, deportazioni, riconoscimento facciale ed intimidazioni avallate dallo scientismo dogmatico – protetto dal nostro “pluripresidente” (Napolitano) – che è la vera epidemia culturale di questo Paese, noi moltiplicheremo i fuochi di resistenza in modo tale che vi sia impossibile reprimerci tutti.


Un consiglio al nostro presidente Conte: la prossima volta che riceve una telefonata dal filantropo Bill Gates, la inoltri direttamente alla Corte Penale Internazionale per crimini contro umanità all’Aia. Diversamente ci dica come dovremmo definire l’amico avvocato che prende ordini da un criminale.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.