Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

Governo diviso sulle funzioni religiose. Interviene anche la CEI


Il paradosso: si potrà prendere parte a un funerale ma non a una Messa. Il dissenso dei renziani e il post del ministro: “Questa decisione va cambiata”



Conte è l’uomo solo al comando? Evidentemente sì, se quello che decide non va bene neppure ai suoi ministri. E’ il caso della chiusura delle Chiese e della sospensione delle funzioni religiose che, stando a quanto comunicato ieri dal premier, continuerà anche nelle prossime settimane. Per assurdo, si potrà prendere parte a un funerale ma non a una Messa, anche se gli spazi delle celebrazioni sono gli stessi.



Un agente interrompe l’Eucarestia nel corso di una Messa per fare una multa al sacerdote celebrante. E’ successo ad aprile

Un’incoerenza di fondo e uno smacco per la Cei, la Conferenza episcopale italiana che ad annuncio fatto è uscita con un comunicato al vetriolo di palese dissenso (sopra). Discordi anche i renziani che avevano chiesto una riapertura completa e sollecitato anche una commissione di inchiesta sui presunti decessi da coronavirus. Nella serata di ieri è stato il ministro alla Famiglia Elena Bonetti ad affidare ai social una critica alle scelte di Conte e della Task-force di Colao: “Si potrà visitare un museo in sicurezza ma non si può celebrare una funzione religiosa? Questa decisione – ha scritto – è incomprensibile e va cambiata”.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.