Seguici

© Rec News -

del

Il ministro dell’Istruzione ha istituito presso il Miur l’ennesimo comitato di “esperti” per la gestione della presunta emergenza. “Esperti” è virgolettato per cautela, visto che ne fa parte anche uno dei burocrati della medicina sbugiardato da una relazione di venti pagine e accusato di aver diffuso “notizie false sui vaccini” assieme a Burioni, Pregliasco, Lopalco e all’esule Ricciardi. Il comitato “avrà il compito di formulare e presentare idee e proposte per la scuola con riferimento all’emergenza sanitaria in atto”.

Il Comitato potrà formulare proposte su:

·        l’avvio del prossimo anno scolastico;

·        l’edilizia scolastica e la logistica;

·        “l’innovazione digitale”, per estendere la didattica a distanza. Diversi analisti pensano che il fine ultimo sia farla diventare prevalente, per eliminare anche a scuola quello che per Conte e sodali è il pericoloso contatto faccia a faccia;

·        la formazione iniziale e il reclutamento del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado, con riferimento alla “previsione di nuovi modelli di formazione e selezione”;

·        “il consolidamento e lo sviluppo della rete dei servizi di educazione e     istruzione a favore dei bambini dalla nascita sino a sei anni”: tradotto dal burocratese, significa costringere i neonati a qualche attività educativa (?) e privarli della presenza della madre e comunque dei genitori e della famiglia nei primi mesi di vita. Meno male che nella task-force c’è un illuminato luminare della pediatria che di sicuro consiglierà il contrario;

·        “il rilancio della qualità del servizio scolastico nell’attuale contingenza emergenziale”.

Il Comitato è composto da 18 persone. In prevalenza si tratta di insegnanti e presidi delle scuole, come quelli che insegnano ai figli della gente comune, solo che quelli non accedono alle task-force ministeriali. Resta infatti da capire in base a quale criterio siano stati scelti proprio loro tra centinaia di migliaia di insegnanti, come Azzolina sia venuta in loro contatto, in base a quale procedura selettiva occupino quel posto.

·        Patrizio Bianchi, coordinatore, insegnante ordinario di Economia e Politica industriale dell’Università di Ferrara

·        Lorella Carimali, insegnante del liceo scientifico statale “Vittorio Veneto” di Milano

·        Giulio Ceppi, insegnante del politecnico di Milano e ricercatore

·        Domenico Di Fatta, preside della scuola superiore “Regina Margherita” di Palermo

·        Amanda Ferrario, preside del “Tosi” di Busto Arsizio

·        Maristella Fortunato, preside dell’Ambito Territoriale di Chieti e Pescara

·        Daniela Lucangeli, professore ordinario di Psicologia dell’Università di Padova;

·        Alberto Melloni, professore ordinario di Storia del Cristianesimo dell’Università di Modena-Reggio Emilia;

·        Cristina Pozzi, amministratore e fondatore di Impactscool (?)

·        Andrea Quacivi,  amministratore delegato di Sogei;

·        Flavia Riccardo, ricercatore dell’Istituto superiore di sanità;

·        C’è anche il Ricciardi della situazione, ma è Mario, ex professore associato di Diritto del lavoro e delle relazioni industriali dell’Università di Bologna;

·         Mariagrazia Riva, professore ordinario di pedagogia dell’Università di Milano-Bicocca;

·        Arduino Salatin, presidente dell’Istituto salesiano di ricerca educativa – ISRE;

·        Aldo Sandulli, professore ordinario di diritto amministrativo presso la LUISS Guido Carli;

·        Mariella Spinosi, dirigente tecnico del Ministero dell’Istruzione in quiescenza (?)

·        Stefano Versari, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna;

·        Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria.

“Il Comitato – si legge in una nota del Miur – coinvolgerà, con apposite audizioni, professionalità interne all’amministrazione, enti di ricerca, università, associazioni di categoria, il forum nazionale delle associazioni studentesche e il forum nazionale delle associazioni dei genitori della scuola (Fonags), nonché i rappresentanti delle consulte studentesche. Il Comitato potrà anche avviare interlocuzioni e specifiche audizioni con la Conferenza Stato-Regioni, con l’Anci, con l’Unione delle Province d’Italia”. Stando a quanto affermato, i 18 tra insegnanti, presidi e altri “opereranno a titolo gratuito”. Non si parla tuttavia di prestazioni occasionali o di volontariato ma di “incarico” che durerà “fino al prossimo 31 luglio”.

Continua a leggere
Commenta per primo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LAZIO

Dopo le critiche ai termovalorizzatori, il secondo di Legambiente passa al Comune di Roma

L’associazione appena qualche giorno fa aveva criticato la volontà di Roberto Gualtieri di avviare una stagione tutt’altro che attenta all’ambiente nella Capitale. Oggi l’annuncio dell’ingresso nell’Ufficio “Clima” del gabinetto del sindaco

© Rec News -

del

Dopo le critiche ai termovalorizzatori, il secondo di Legambiente passa al Comune di Roma | Rec News dir. Zaira Bartucca

Edoardo Zanchini, già vicepresidente e membro della segreteria nazionale di Legambiente, è stato nominato direttore dell’Ufficio “Clima” del Comune di Roma, emanazione del Gabinetto del sindaco. L’associazione appena qualche settimana fa aveva criticato la volontà di Roberto Gualtieri di avviare una stagione tutt’altro che attenta all’ambiente nella Capitale, con la previsione della costruzione di nuovi termovalorizzatori. Quale sarà la posizione di Zanchini sull’argomento? Non si sa, e comunque a passaggio avvenuto le acque si sono calmate e il clima si annuncia più che disteso.

Legambiente ha già inviato il suo bigliettino virtuale di felicitazioni: “Auguri di buon lavoro per il nuovo prestigioso incarico. Roma ha bisogno della sua competenza ed esperienza”. I termovalorizzatori ora non sono più un problema: il baricentro si è già spostato sulla “diffusione degli impianti a fonti rinnovabili, gli interventi per l’efficientamento energetico degli edifici e i progetti di forestazione per contribuire a combattere la crisi climatica”: questi i punti indicati dal presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani assieme alla “decarbonizzazione”.

Continua a leggere

POLITICA

Petrocelli silurato, la Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente

Le manovre per il suo insediamento – supportate anche dalla Lega di Salvini, che oggi si è complimentato via social – sono la conseguenza…

© Rec News -

del

Petrocelli silurato, la Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Angelo Carconi (Ansa)

La Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente: è Stefania Craxi, figlia di Bettino. Le manovre per il suo insediamento – supportate anche dalla Lega di Salvini, che oggi si è complimentato via social – sono la conseguenza dell’addio di Petrocelli. Il pentastellato è stato costretto a lasciare la commissione e anche il M5S dopo aver espresso posizioni critiche verso l’invio di armi in Ucraina e verso l’operato del governo Draghi.

Negli scorsi giorni la Giunta per il regolamento aveva votato a favore dello scioglimento della Commissione Esteri dopo che venti membri di tutti i partiti avevano annunciato le loro dimissioni.

Rec News dir. Zaira Bartucca

Continua a leggere

POLITICA

Chiesta la sfiducia di Draghi

Ma a sostenere l’operato del premier con le dimissioni di massa dalla Commissione Affari Esteri ci sono esponenti di tutti i partiti. Anche i “pacifisti” della Lega con a capo Matteo Salvini e la cosiddetta opposizione di Fratelli d’Italia. Petrocelli: “Hanno votato tutti la delega in bianco per armare l’Ucraina fino a dicembre 2022, tutto il resto è propaganda”

© Rec News -

del

Chiesta la sfiducia di Draghi | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine di repertorio (Imagoeconomica)

“Togliere la fiducia a Draghi” e “fermare l’invio di tutte le armi” all’Ucraina. E’ quanto ha chiesto oggi il presidente della Commissione Esteri al Senato Vito Petrocelli. E’ l’epilogo di tensioni che si sono manifestate nel corso di tutta la settimana, prima con la promessa di ricorrere alla Corte Costituzionale e poi con le dimissioni di diversi componenti della commissione.

Ad abbandonare l’organismo in segno di protesta verso le recenti prese di posizione di Petrocelli negli scorsi giorni sono stati esponenti di tutti i partiti. Ci sono anche i leghisti “pacifisti” a difendere l’operato del premier Draghi e l’invio di armi all’Ucraina: Matteo Salvini, Tony Iwobi, Stefano Lucidi, e Manuel Vescovi.

Non resta fuori neanche la cosiddetta opposizione di Fratelli d’Italia, che ha confermato le dimissioni del presidente del Copasir Adolfo Urso. A fare blocco contro la via diplomatica sono poi stati Stefania Craxi (Forza Italia), Alberto Airola (M5S), Laura Garavini (Italia Viva) e Pier Ferdinando Casini.

“Tutti i partiti – ha detto Petrocelli – hanno votato la delega in bianco per armare l’Ucraina fino a dicembre 2022. Tutto il resto sono chiacchiere e propaganda elettorale”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione