Periodico di Inchieste

L’iniziativa di Rec News a sostegno dei Diritti inviolabili


Partecipare è semplice e serve a far sentire al governo la propria voce di libero cittadino, giornalista indipendente, blogger



La Redazione di Rec News ha deciso di lanciare un’iniziativa a sostegno dei Diritti inviolabili sanciti dalla Costituzione. Fino alla fine della cosiddetta emergenza, ogni nostro articolo avrà in epilogo un disclaimer (in basso, nel box), che ricorderà al lettore quei Diritti che non possono essere mai toccati, rimandati, annullati. Un gesto semplice che in tempi di manipolazioni serve a ricordarci i limiti che chi ci amministra ha il compito di non oltrepassare mai. La presenza di un virus come tanti, non può e non deve essere la scusa per eliminare lo Stato di diritto e per instaurare uno Stato di Polizia, dove il cittadino incensurato viene percepito come un criminale, un nemico da combattere. Peggio, come un mezzo da utilizzare per i propri tornaconti economici e politici. Un corpo da utilizzare, trasformare, disumanizzare. Se serve, da bloccare.


Non esistono pretesti validi a sostegno della nascente dittatura di Giuseppe Conte

Non esistono pretesti validi a sostegno della nascente dittatura di Giuseppe Conte, l’avvocato che paradossalmente ignora le leggi e i dettami della Costituzione, che vuole tappare la bocca alla stampa libera e spingersi sempre un po’ più in là nascondendosi dietro “esperti” al libro paga di organismi internazionali. Quando Mussolini fece combaciare sè stesso con il governo (proprio come il Conte che ha messo all’angolo il Parlamento) non esisteva un precedente storico che lasciasse presagire quello che stava per accadere. Non esisteva neppure una Costituzione che mettesse nero su bianco i diritti imprescindibili e inderogabili dei cittadini. Oggi non ci sono più scuse. E’ arrivato il momento di dire un “no” corale, che sia in grado di sollecitare anche un’opposizione che resta silente o, peggio, dormiente.



L’iniziativa è aperta a tutti

L’iniziativa è aperta a tutti: chiunque può copiare il disclaimer (nel file) e incollarlo nel proprio blog o sito. Basta inserire il nome della propria testata o il proprio nome e il gioco è fatto. E’ necessario attingere dal file perché a causa dei plagi anche integrali di alcuni colleghi giornalisti abbiamo impedito la possibilità di utilizzare la funzione copia-incolla. Su questo ci hanno scritto diversi lettori, chiedendoci perché impediamo questa ulteriore possibilità di diffusione: come spiegato nelle Faq, chiunque volesse pubblicare un nostro articolo citando la fonte o utilizzare le nostre inchieste per motivi di studio, non ha che da inviare una mail a redazione@recnews.it: provvederemo con un tempestivo invio. Vi incoraggiamo comunque a condividere: abbiamo deciso di rinunciare alle donazioni per questioni di trasparenza. Non chiediamo soldi come fanno Prociv e Croce Rossa, che pure contano su lauti rimborsi e stipendi per i “lavoratori” (ma non erano volontari?): i (piccoli) introiti pubblicitari rimangono l’unica cosa che ci permette di mantenere i costi del sito e di portare avanti il nostro lavoro a difesa dei cittadini.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.