Seguici

© Rec News -

del

La Redazione di Rec News ha deciso di lanciare un’iniziativa a sostegno dei Diritti inviolabili sanciti dalla Costituzione. Fino alla fine della cosiddetta emergenza, ogni nostro articolo avrà in epilogo un disclaimer (in basso, nel box), che ricorderà al lettore quei Diritti che non possono essere mai toccati, rimandati, annullati. Un gesto semplice che in tempi di manipolazioni serve a ricordarci i limiti che chi ci amministra ha il compito di non oltrepassare mai. La presenza di un virus come tanti, non può e non deve essere la scusa per eliminare lo Stato di diritto e per instaurare uno Stato di Polizia, dove il cittadino incensurato viene percepito come un criminale, un nemico da combattere. Peggio, come un mezzo da utilizzare per i propri tornaconti economici e politici. Un corpo da utilizzare, trasformare, disumanizzare. Se serve, da bloccare.

Non esistono pretesti validi a sostegno della nascente dittatura di Giuseppe Conte

Non esistono pretesti validi a sostegno della nascente dittatura di Giuseppe Conte, l’avvocato che paradossalmente ignora le leggi e i dettami della Costituzione, che vuole tappare la bocca alla stampa libera e spingersi sempre un po’ più in là nascondendosi dietro “esperti” al libro paga di organismi internazionali. Quando Mussolini fece combaciare sè stesso con il governo (proprio come il Conte che ha messo all’angolo il Parlamento) non esisteva un precedente storico che lasciasse presagire quello che stava per accadere. Non esisteva neppure una Costituzione che mettesse nero su bianco i diritti imprescindibili e inderogabili dei cittadini. Oggi non ci sono più scuse. E’ arrivato il momento di dire un “no” corale, che sia in grado di sollecitare anche un’opposizione che resta silente o, peggio, dormiente.

L’iniziativa è aperta a tutti

L’iniziativa è aperta a tutti: chiunque può copiare il disclaimer (nel file) e incollarlo nel proprio blog o sito. Basta inserire il nome della propria testata o il proprio nome e il gioco è fatto. E’ necessario attingere dal file perché a causa dei plagi anche integrali di alcuni colleghi giornalisti abbiamo impedito la possibilità di utilizzare la funzione copia-incolla. Su questo ci hanno scritto diversi lettori, chiedendoci perché impediamo questa ulteriore possibilità di diffusione: come spiegato nelle Faq, chiunque volesse pubblicare un nostro articolo citando la fonte o utilizzare le nostre inchieste per motivi di studio, può inviare una mail a redazione@recnews.it: provvederemo con un tempestivo invio. Vi incoraggiamo comunque a condividere: abbiamo deciso di rinunciare alle donazioni per questioni di trasparenza. Non chiediamo soldi come fanno Prociv e Croce Rossa, che pure contano su lauti rimborsi e stipendi per i “lavoratori” (ma non erano volontari?): i (piccoli) introiti pubblicitari rimangono l’unica cosa che ci permette di mantenere i costi del sito e di portare avanti il nostro lavoro a difesa dei cittadini.

ATTUALITA'

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all’ergastolo

Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi. Disposto anche l’isolamento diurno

© Rec News -

del

Anziani uccisi nelle RSA, infermiere condannato all'ergastolo | Rec News dir. Zaira Bartucca

Anziani abbandonati senza cure nelle RSA o imbottiti di dosi letali di insulina e psicofarmaci. Erano i trattamenti disumani che L.W., 59 anni, riservava ai pazienti che avrebbe dovuto assistere. Il farmacista attivo in provincia di Ascoli Piceno è stato considerato colpevole dalla Corte d’Assise di ben otto omicidi premeditati e quattro tentati omicidi, e condannato all’ergastolo. Disposto anche l’isolamento diurno. I fatti contestati risalgono al 2017-2018, mentre per i presunti casi di abbandono e mancate cure nelle RSA lombarde nel periodo covid i pm hanno chiesto l’archiviazione (Pio Albergo Trivulzio e Palazzolo Don Gnocchi).

 

Continua a leggere

ATTUALITA'

La risoluzione del Consiglio d’Europa che potrebbe avere impatto sui disabili

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato una raccomandazione e una risoluzione. I due documenti definiscono delle linee guida per implementare…

© Rec News -

del

La risoluzione del Consiglio d'Europa che potrebbe avere impatto sui disabili | Rec News dir. Zaira Bartucca

Comunicato CCDU – L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato una raccomandazione e una risoluzione per la deistituzionalizzazione dei disabili. Entrambe definiscono delle forti linee guida per implementare i diritti umani nel campo della salute mentale. In seguito all’approvazione da parte della Commissione Affari Sociali e Salute, entrambi i documenti sono stati poi approvati a larghissima maggioranza dell’assemblea plenaria nel corso della sessione di aprile, con una votazione trasversale e bipartisan, fornendo una vigorosa spinta in favore dei diritti umani in Europa. 

Nel corso del suo intervento, Reina de Bruijn-Wezeman, ha posto l’accento sull’importanza della deistituzionalizzazione:  

“Faccio affidamento sul Parlamento affinché intraprenda le azioni necessarie per eliminare progressivamente qualsiasi legge che consenta l’istituzionalizzazione di persone con disabilità il trattamento involontario in ambito salute mentale, e allo stesso tempo contrastare qualsiasi testo o bozza di legge o regolamento che sia in favore dell’istituzionalizzazione e che vada contro lo spirito e la lettera della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.” 

La deistituzionalizzazione rappresenta una pietra miliare sul percorso che deve porre fine a qualsiasi coercizione in ambito psichiatrico come richiesto dalla convenzione ONU ratificata nel 2006, particolarmente rilevante perché le persone con disabilità sono gli individui più vulnerabili, “sempre a rischio di violazione sistemiche o di diritti umani, compreso violenza fisica, mentale e sessuale.” 

Sebbene i manicomi siano stati chiusi da tempo in Italia, la prassi nei nostri istituti psichiatrici rimane sostanzialmente improntata a una logica manicomiale, con abbondante ricorso a strumenti lesivi dei diritti e della dignità umana, come i trattamenti coatti, la contenzione fisica e chimica, le sbarre alle finestre, il divieto di comunicare con l’esterno; e un diffuso utilizzo prolungato di medicinali. La decisa presa di posizione del Consiglio d’Europa obbliga implicitamente il Parlamento italiano a una riforma in senso garantista, per fare in modo che il sogno basagliano diventi finalmente realtà. 

Continua a leggere

ATTUALITA'

Docenti, le nuove modalità di accesso alla professione deliberate dal Consiglio dei Ministri

Le principali novità riguardano i concorsi, la formazione, il periodo abilitante e l’istituzione di un nuovo organismo accreditante e di verifica

© Rec News -

del

Docenti, le nuove modalità di accesso alla professione deliberate dal Consiglio dei Ministri | Rec News dir. Zaira Bartucca

Via libera in Consiglio dei Ministri alle nuove regole per la formazione iniziale e continua e per il reclutamento dei docenti della scuola secondaria. Nuovi percorsi per chi vuole insegnare e concorsi annuali per il reclutamento del personale. Questi i perni della riforma approvata ieri dal governo, che dovrebbe portare in cattedra, entro il 2024, 70mila insegnanti. Nel decreto legge sul PNRR è prevista anche la nuova Scuola di alta formazione per dirigenti, insegnanti e personale ATA.

La formazione iniziale e l’abilitazione

Definite le modalità di formazione iniziale, abilitazione e accesso all’insegnamento nella scuola secondaria.

Sono previsti:

  • Un percorso universitario abilitante di formazione iniziale (corrispondente ad almeno 60 crediti formativi), con prova finale
  • Un concorso pubblico nazionale con cadenza annuale
  • Un periodo di prova in servizio di un anno con valutazione conclusiva

Il percorso di formazione abilitante si potrà svolgere dopo la laurea oppure durante il percorso formativo in aggiunta ai crediti necessari per il conseguimento del proprio titolo. È previsto un periodo di tirocinio nelle scuole. Nella prova finale è compresa una lezione simulata, per testare, oltre alla conoscenza dei contenuti disciplinari, la capacità di insegnamento.

L’abilitazione consentirà l’accesso ai concorsi, che avranno cadenza annuale per la copertura delle cattedre vacanti e per velocizzare l’immissione in ruolo di chi vuole insegnare. I vincitori del concorso saranno assunti con un periodo di prova di un anno, che si concluderà con una valutazione tesa ad accertare anche le competenze didattiche acquisite dal docente. In caso di esito positivo, ci sarà l’immissione in ruolo.

In attesa che il nuovo sistema sia attivo – fanno sapere dal Miur – per coloro che già insegnano da almeno 3 anni nella scuola statale è previsto l’accesso diretto al concorso. I vincitori dovranno poi conseguire 30 crediti universitari e svolgere la prova di abilitazione per poter passare di ruolo.

Durante la fase transitoria, coloro che non hanno già un percorso di tre anni di docenza alle spalle ma vogliono insegnare potranno conseguire i primi 30 crediti universitari, compreso il periodo di tirocinio, per accedere al concorso. I vincitori completeranno successivamente gli altri 30 crediti e faranno la prova di abilitazione per poter passare di ruolo.

La formazione continua e la Scuola nazionale

La formazione sulle competenze e gli strumenti digitali sarà parte della formazione già obbligatoria per tutti e si svolgerà nell’ambito dell’orario lavorativo. Viene poi introdotto un sistema di aggiornamento e formazione con una pianificazione su base triennale. I percorsi svolti saranno anche valutati con la possibilità di accedere, in caso di esito positivo, a un incentivo salariale.

I percorsi di formazione continua saranno definiti dalla Scuola di alta formazione che viene istituita con la riforma e si occuperà di adottare linee di indirizzo e di accreditare e verificare le strutture che dovranno erogare i corsi. La Scuola si occuperà anche dei percorsi di formazione di dirigenti e del personale ATA.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione