Periodico di Inchieste

Italpol “sposa” Axon. Ecco come potrebbe cambiare il settore della vigilanza


A Roma nell’ultimo mese la fase sperimentale. Cinquecento turni di lavoro, 77 acquisizioni, un “occhio” e una “memoria” speciali risolvono in modo nuovo i problemi legati alla Sicurezza



Aggressioni ai controllori e ai passeggeri, pestaggi immotivati, atti vandalici. La Capitale da anni è al collasso e, complice la mancanza di controlli da parte delle istituzioni, sembra non si possa far nulla. Ma ai limiti evidenti in materia di sicurezza (con buona pace del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e del sindaco Virginia Raggi) tenta ora di porre rimedio un’azienda che da decenni è stanziale nel settore. E’ Italpol, che nell’ultimo mese ha avviato a Roma una fase sperimentale, durante cui è stata completamente mappata la stazione Termini. Ci sono voluti 500 turni di lavoro e la realizzazione di ben 77 acquisizioni video particolareggiate. Ha collaborato al progetto il gruppo di lavoro responsabile per la sicurezza di Grandi Stazioni Rail SpA.


L’occhio degli agenti è un Axon Body 2

A permettere il salto di qualità è stato Axon Body 2, un dispositivo indossabile che con l’occasione sbarca nel settore dei trasporti. Per permettere l’avvio di indagini ad ampio spettro, le Guardie Particolari Giurate hanno effettuato sopralluoghi, ispezioni e allontanamenti, documentando e certificando il corretto svolgimento del servizio svolto. Un aspetto che potrebbe tornare utile a enti e istituzioni che potrebbero – se solo volessero – vigilare sulla qualità del servizio delle Forze dell’Ordine, dei vigili e di chi esegue servizi per la pubblica amministrazione.



Lo strumento permette di evitare le ricostruzioni dei fatti viziate

Attualmente Italpol impiega la videocamera indossabile Axon Body 2 presso le stazioni di Roma Termini e di Roma Tiburtina, presso l’aeroporto Orio al Serio di Bergamo e presso lo Stadio Olimpico di Roma. L’unità singola consente di acquisire video e audio in alta risoluzione, con con campo visivo di 143 gradi e più di dodici ore di autonomia. Un qualcosa che potrebbe essere in grado di dissuadere potenziali aggressori, vandali e criminali. Altro aspetto essenziale, come evidenzia la stessa azienda, è che le acquisizioni contentono di “documentare lo svolgimento dei fatti nei casi più critici, tutelando quindi il corretto operato delle guardie da ricostruzioni dei fatti viziate o tendenziose”.


Il salto di qualità senza i rischi connessi a nuove tecnologie invasive

Il sistema che potrebbe, se compreso, permettere già ora il salto di qualità nella gestione della Sicurezza – senza i rischi connessi a nuove tecnologie invasive – ha integrato Evidence, la piattaforma cloud di Axon per la gestione delle prove digitali. Evidence consente di gestire in maniera intuitiva il materiale acquisito, senza contare che ogni videocamera indossabile è dotata di un ID univoco: quando la guardia ripone l’unità nella base, il filmato viene automaticamente scaricato sul proprio account, dove è possibile aggiungere note e altri file sul caso. Una bella semplificazione per chi pensa più a tutelare il cittadino piuttosto che chi commette episodi di violenza.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.