Periodico di Inchieste

L’invasione del parassita asiatico drosophila suzukii sta distruggendo i frutteti


“L’insetto alieno” come viene definito, proviene dall’Oriente e colpisce i prodotti a polpa rossastra e fine come le ciliegie. E ora per gli alberi da frutto si teme la fine degli uliveti pugliesi



In principio fu il punteruolo rosso. Poi la Xylella. Ci mancava solo la drosophila suzukii, per scrivere la parola “fine” sull’iniziativa personale e imprenditoriale degli agricoltori italiani. A tracciarne il quadro desolante è stata tra gli altri Coldiretti, che questa mattina è scesa in piazza contro gli “insetti killer”.


Coldiretti: “Colpa della politica permissiva dell’Ue. Pochi controlli per i prodotti che entrano, troppi per quelli che escono

“Sotto accusa – dice l’associazione dei coltivatori – è il sistema di controllo dell’Ue, con frontiere colabrodo che ha lasciato passare materiale vegetale infetto e parassiti vari. Una politica europea troppo permissiva, consente l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’Ue senza che siano applicate le dovute cautele. I prodotti italiani, al contrario, devono superare estenuanti negoziati e dossier che durano anni i prodotti nazionali quando vengono esportati”.



In assenza di politiche adeguate, ecco come tentare di fronteggiare l’emergenza

Ma come comportarsi nel caso in cui la propria piantagione venga attaccata da drosophila suzukii? Purtroppo, a parassita stanziato, si può fare ben poco, soprattutto se (in mancanza di politiche adeguate) continua la proliferazione di questo insetto nocivo. Come riportato da diversi siti specialistici, si può tuttavia tentare di contenere il problema giocando d’anticipo anche in mancanza di danni evidenti, per esempio utilizzando biotrappole del tipo Tap Trap o Vaso Trap rossi (in alto) che contengano sostanze in grado di attirare l’invasivo moscerino cinese.


Iscriviti alla nostra Newsletter!

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.