Scuola, stranieri esonerati dalla presentazione del codice fiscale


Se i genitori degli studenti italiani dovranno presentare il documento che serve a riconoscerli, gli extra-comunitari non dovranno preoccuparsene



Le iscrizioni per l’anno scolastico 2020/2021 dovranno essere effettuate a partire dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2020 (qui le modalità di presentazione delle domande). E mentre gli studenti italiani maggiorenni e i genitori dei minorenni dovranno presentare il codice fiscale per garantire sulla propria identità, gli extra-comunitari non dovranno assolutamente preoccuparsene. Lo stabilisce la circolare ministeriale del 13 novembre, che tra le altre cose detta disposizioni in materia di vaccinazioni.


Nel documento il direttore generale è riuscito a parlare per 23 pagine di iscrizioni, studenti, famiglia e responsabilità sui minori, senza nominare mai termini “padre” e “madre”, anche quando si parla di affido esclusivo o condiviso. Ma messe da parte le censure sui due ruoli preponderanti in ambito familiare, un paragrafo, il 9.3, è dedicato anche agli stranieri, indicati come “non italiani”.


Per loro, a differenza degli studenti del posto, l’obbligo di presentare il codice fiscale non c’è, ma anzi il ministero ne agevola e bypassa l’assenza sostituendolo con un codice interno. Senza che nessuno si ponga, per esempio, problemi legati alla sicurezza. “Si rammenta – scrive la dirigente Maria Assunta Palermo – che anche per gli alunni/studenti con cittadinanza non italiana sprovvisti di codice fiscale, è consentito effettuare la domanda di iscrizione on line. Una funzione di sistema, infatti, consente la creazione di un “codice provvisorio” che, appena possibile, l’istituzione scolastica sostituisce sul portale SIDI con il codice fiscale definitivo”.



Iscriviti alla nostra Newsletter!

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.