Schumi vola a Parigi per un “metodo sperimentale a base di staminali”

Vi ricordate di Stamina? Davide Vannoni, il suo ideatore, fu crocifisso mediaticamente, accusato di essere un ciarlatano e infine arrestato. Oggi quello che predicava viene applicato nella capitale francese sull’ex campione di Formula uno rimasto segnato da “una grave caduta

A decorrere da quella che viene definita una “caduta dannosa e rovinosa”, che lo avrebbe reso paraplegico, Michael Schumacher e famiglia hanno cercato il più possibile di stare al riparo dell’agone mediatico. Una scelta condivisibile che in Italia è stata abbastanza rispettata. Fino a oggi, visto che gli aggiornamenti sullo stato di salute dell’ex campione di Formula Uno riportano ai più alla mente il controverso caso Stamina di Davide Vannoni. Oggi quasi tutti i riferimenti sono spariti sul metodo che fino a un certo momento è stato considerato pionieristico e che, nell’ordine, è stato deprecato, censurato, perseguitato e infine bloccato. Tanto che il suo ideatore è stato arrestato per truffa.


A “riabilitarlo”, in qualche modo, è proprio la vicenda del campione tedesco molto amato in Italia per i trascorsi con la Ferrari. Un qualcosa di molto simile a quella che qui veniva definita in maniera dispregiativa “la cura dell’acqua” questa mattina stando a Le Parisien e ad altre fonti d’Oltralpe viene praticata in un ospedale parigino, dove Schumi sarebbe stato trasportato a bordo di un’ambulanza che proveniva da Ginevra, dove il campione è in cura. Alcuni vogliono che il ricovero sia “sotto falso nome”, forse per allontanare la pressione mediatica. A curarlo con un trattamento di due giorni (ieri e oggi) è un chirurgo francese “ideatore di un trattamento pionieristico”, Philippe Menasche.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.