Seguici

© Rec News -

del

In Italia la notizia è passata inosservata, ma nel 2015 è uscito nelle sale russe “Вставай и бейся” (traduzione: “Alzati e combatti”) reso disponibile anche nella versione inglese “Florence fight club“, da non confondere con l’omonimo documentario. Si tratta di una pellicola (prodotta da Gianfranco Piccioli in collaborazione con la russa Liga Production e Savio Firmino) che ha come regista Stefano Lorenzi – alla prima prova cinematografica dopo tanti corti e documentari – che ha goduto di una buona fortuna nella Federazione Russa ed è stato distribuito, tra le altre, in tutte le sale del Kazakistan e in America Latina. Si parla del calcio fiorentino, una sorta di archetipo del rugby ma molto più violento, che ricorda un po’ arene e gladiatori. Ma perché non ne abbiamo sentito parlare, visto che è stato co-finanziato dal dicastero della Cultura italiana nel 2015 presieduto da Dario Franceschini, lo stesso che in queste ore risulta tra i “papabili” per la nomina di ministro? Perché è passato sotto silenzio se hanno recitato attori italiani del calibro di Caterina Murino (nel ruolo di Nadia), Guido Caprino (Bimbo) e Giacomo Gonnella?

Il trailer in inglese
Il trailer originale

L’ex premier partecipò con un suo cameo, ma nessuno temette un “passaggio dall’euro al rublo”

Il motivo dell’imbarazzo è forse da attribuire alla partecipazione dell’allora presidente del Consiglio (nonché leader di fatto del Pd) Matteo Renzi. A ben guardare, nel web è stata fatta una bella pulitina, ma noi siamo riusciti a recuperare un bel po’ di cose. Renzi ha partecipato nelle vesti di sindaco di Firenze, ma la pellicola ha preso il largo quando era già premier. Scenari economici, che ringraziamo per la citazione, ha trovato il titolo in italiano (“I calcianti”) e il video italiano delle riprese, ma anche qui ogni riferimento all’ex premier e alla Russia si è volatilizzato. Pensare che il video dura quasi otto minuti. Il film è co-finanziato dalla Federazione Russa e ha dato la possibilità all’allora primo ministro di fare bella mostra di sé e dei suoi natali fiorentini, però all’epoca non ha fatto gridare nessuno al “Russiagate”. Né qualcuno ha temuto, per questo “un passaggio dall’euro al rublo” (cit. Renzi in Senato qualche giorno fa). Andrea Romano, per quell’occasione, non ha interrogato il suo segretario parlando in russo, né l’Espresso ci ha confezionato sopra inchieste o libri. Chissà come l’avrebbe presa il Pd se Salvini, Di Maio o Conte avessero fatto lo stesso per Milano, Napoli o Foggia.

I legami con la Russia ci sono solo quando sono gli altri ad averli

Si capisce, perché i legami con la Russia ci sono solo quando sono gli altri ad averli. Meno male che la produzione non ha fatto la fine di “Tutto il mondo è paese” ed è andata in porto, lodata da tutta la stampa russa. Scrive la testata Aif.ru, il cui nome esteso si può tradurre con “Argomenti e fatti“: “Il MIFF ha presentato un nuovo film russo-italiano, «Alzati e combatti» (…) È interessante notare che nel film ha recitato lo stesso primo ministro italiano Matteo Renzi, che nel 2014 a 40 anni è stato nominato dalla rivista Fortune tra i politici più influenti del mondo. Al momento delle riprese era ancora sindaco di Firenze e ha accettato volentieri di partecipare al lavoro di Stefano Lorenzi perché, come qualsiasi italiano, ama molto il gioco nazionale. Nel film il politico ha interpretato se stesso, ed è stato il suo ruolo di debutto in un film. Matteo Renzi dimostrato di essere in ottima compagnia: i ruoli principali sono infatti stati impersonati da stelle”.

La testata russa Life Dom: “Curioso, nel film assieme agli attori c’è il vero Matteo Renzi”

L’ancora più autorevole Gazeta.ru lo accosta a figure come Regan e Nixon, che però avevano fatto il percorso inverso, cioè dal cinema erano approdati alla politica, e lì erano rimasti. “Il premier italiano – scrive il sito – ha fatto un “cameo”, cioè ha interpretato se stesso prima del suo arrivo al governo”. E’ la formula che è piaciuta tanto a personalità come Hitchkoch, mentre in questo caso si parla di Renzi. Life Dom, sito specializzato in cultura e spettacolo, fornisce ulteriori dettagli: “Curioso che nelle riprese del film insieme ad attori russi abbia partecipato un vero politico italiano, il premier Matteo Renzi. A tal proposito, di recente Renzi ha visitato la Russia in occasione di una visita ufficiale, quando ha incontrato il presidente Putin. La trama del film si basa sul calcio fiorentino classico. Ogni anno questo gioco trasforma la famosa piazza di Firenze da borgo medievale ad arena, dove bollono gravi le passioni. Al centro della trama, gladiatori moderni che giocano un pericoloso calcio”. 

Il ruolo delle “Film Commission”

Da “Firenze secondo me” – documentario prodotto dalla casa di produzione dal nome evocativo “Arcobaleno Tre” – ai tentativi di fare il giornalista (player presente in questo nostro articolo) alla partecipazione alla Ruota della Fortuna nel 1994, è ormai chiaro che a Renzi il tubo catodico interessi. Grazie alla Toscana Film Commission4, ha girato un docufilm a Palazzo Medici Riccardi, al Duomo, agli Uffizi e in altri luoghi simbolo di Firenze. Non è chiaro se proprio da qui abbiano preso il via le puntate andate in onda su Canale 9, che fa parte del network del magnate ebreo naturalizzato americano David Zaslav, tra i finanziatori di Hillary Clinton. Ci siamo già occupati di questo e, di sfuggita, anche della Film Commission calabrese, la stessa che assieme alla Regione Calabria ha finanziato il film che doveva ripulire l’immagine di Lucano, personaggio altrettanto caro alla galassia dem.

La controversia con Liga Production

Singolare è poi che dopo l’uscita nelle sale russe, SETtimaluna* di Gianfranco Piccioli abbia aperto una controversia contro la russa Liga Production con l’ausilio del Mibact e dell’avvocato Andrea Micciché. Il ministero come detto è all’epoca retto dal dem Dario Franceschini, mentre Micciché è l’uomo simbolo del passaggio tra il vecchio e il nuovo IMAIE, l’Istituto mutualistico artisti, interpreti ed esecutori. Al centro del dibattere, una spy-story in salsa italo-russa di diritti e materiale “rubato”: è quanto sostiene Piccioli in una lettera aperta**, in cui il Ministero italiano (di fatto co-finanziatore), viene scomodato per una paradossale “presa di distanza”. Parallelamente, è il Mibact a mettersi in contatto con l’omologo russo in una missiva del 14 luglio 2015 *** firmata dal direttore generale Nicola Borrelli, in cui sostanzialmente viene difeso l’operato della federata di Filmitalia – Istituto Luce Cinecittà. Una sorta di mettere le mani avanti, in netto contrasto con il tandem tra Ministero della Cultura russa e Mibact, peraltro confermato da diversi siti specialistici.

Un intricato conflitto di interessi con tante zone d’ombra

Il ministero di stampo Pd e SETtimaluna, insomma, dopo il plauso alla Russia e l’entusiasta visita dell’ex sindaco di Firenze a Vladimir Putin, decidono di rivendicare la completa italianità della pellicola i cui collegamenti con la Russia sono però chiari e verificabili. Un intricato conflitto di interessi con tante zone d’ombra, vista la parte assegnata a Matteo Renzi, non è chiaro se a fronte del pagamento di un corrispettivo: ogni riferimento a lui si era – fino a questo momento – volatilizzato. I toni si smorzano circa un mese dopo le rimostranze, quando Lorenzi viene premiato a Rostov sul Don “Miglior Regista 2015” nell’ambito del “Bridge of Arts” – IMFF. “I calcianti”, dichiarato di interesse culturale dal Mibact, per assurdo non vedrà mai la luce in Italia nonostante l’uscita sul grande schermo fosse stata descritta come imminente.

Documenti

Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell'attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l'abilitazione per iscriversi all'Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell'Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l'incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull'affare Coronavirus e su "Milano come Bibbiano". Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Antonello Caporale, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical 2014. Autrice de "I padroni di Riace - Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato". Sito: www.zairabartucca.it

DOC

Abbandono scolastico, audizione presso la settima commissione del Senato

© Rec News -

del

Abbandono scolastico, audizione presso la settima commissione del Senato | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il testo dell’audizione presso la 7° Commissione del Senato che si è tenuta il 9 maggio su contrasto a povertà educativa, abbandono e dispersione scolastica

Continua a leggere

DOC

Premierato, oggi Meloni chiede le stesse cose che voleva ottenere D’Alema con la Bicamerale

© Rec News -

del

Premierato, oggi Meloni chiede le stesse cose che voleva ottenere D'Alema con la Bicamerale del '97 | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il tentativo del governo Meloni di superare l’assetto istituzionale attuale è solo l’ultimo in ordine di tempo (come spiega il professore Musacchio in un’interessante analisi pubblicata su Rec News), ma tanti ne sono stati fatti dalla cosiddetta Seconda Repubblica in poi. Farà riflettere senz’altro gli elettori di centrodestra come uno dei primi esponenti politici a volere un premierato sia stato l’ex leader della sinistra Massimo D’Alema, tesserato del PCI nel 1968 e tra i padri fondatori del Partito democratico della sinistra.

Premierato, oggi Meloni chiede le stesse cose che voleva ottenere D'Alema con la Bicamerale del '97 | Rec News dir. Zaira Bartucca

Sua l’idea – come molti ricorderanno – di instaurare nel 1997 una Commissione bicamerale per le riforme istituzionali, formata da 70 parlamentari. L’obiettivo era sempre lo stesso, e cioè accentrare ancora più poteri nelle mani del presidente del Consiglio, chiamato – tra le altre cose – a nominare e revocare i ministri a suo piacimento. L’esito della Bicamerale fu tutt’altro che scontato: i democratici di sinistra di D’Alema votarono ovviamente a favore, mentre i berlusconiani – oggi incarnati da Tajani e più vicini al premierato – votarono assieme alla Lega Nord a favore del semipresidenzialismo, come testimonia un articolo dell’epoca (in basso).

“L’Unità” del 05/06/1997

I lavori della Commissione si interruppero bruscamente un anno dopo, nel 1998, perché i partiti non riuscirono a trovare una quadra e perché le manovre di palazzo risultavano incomprensibili per l’elettorato. Un copione che potrebbe ripetersi anche stavolta.

Continua a leggere

DOC

Istat, a picco i consumi delle famiglie italiane

© Rec News -

del

Istat, a picco i consumi delle famiglie italiane | Rec News dir. Zaira Bartucca

Forte calo della spesa delle famiglie. Lo registra Istat nella nota sull’andamento dell’economia italiana di febbraio appena pubblicata. “Lo scenario internazionale – rileva l’Istituto Nazionale di Statistica – resta caratterizzato da un elevato grado di incertezza e da rischi al ribasso. Si inizia a profilare un percorso di rientro dell’inflazione più lungo di quanto inizialmente previsto. Il Pil italiano, nel quarto trimestre 2022, ha segnato una lieve variazione congiunturale negativa a sintesi del contributo positivo della domanda estera netta e di quello negativo della domanda interna al netto delle scorte”. In basso il report integrale

Continua a leggere

DOC

TSO a una 54enne, ci scrive il sindaco di San Giuliano Milanese

© Rec News -

del

TSO a una 54enne, ci scrive il sindaco di San Giuliano Milanese | Rec News dir. Zaira Bartucca

Negli scorsi giorni abbiamo pubblicato una segnalazione da San Donato Milanese da parte di una signora – Anna M. – che riferiva di “quattro TSO ingiusti” a cui sarebbe stata sottoposta la sorella. In quel contesto ci siamo appellati ai colleghi giornalisti e alle associazioni di settore che avessero voluto occuparsi del caso, registrando la totale assenza da parte degli uni e degli altri. Ci è però giunta una risposta dal sindaco di San Giuliano Milanese, che pubblichiamo per completezza di informazione.

“La funzione svolta dal sindaco in materia di TSO e ASO, si riconduce al ruolo svolto quale autorità sanitaria locale, come previsto dalle norme vigenti (Legge n.180 e Legge n.833 del 1978). Il Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) e l’Accertamento Sanitario Obbligatorio (ASO), rappresentano atti di carattere eccezionale rispetto alla generalità dei trattamenti sanitari volontari. Infatti il superamento dell’obbligo del consenso cosciente ed informato, avviene per tutelare la salute del paziente in quanto bene ed interesse della collettività, oltre che del soggetto stesso. Per tali ragioni i suddetti trattamenti sono due strumenti cautelari che richiedono una proposta da parte di medici competenti, condizione necessaria per la predisposizione dell’ordinanza da parte del sindaco quale autorità sanitaria locale. Cordiali Saluti”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione