Consultazioni, cosa nascondono i punti di Zingaretti

Le cinque proposte inizialmente avanzate (oppure, vista la volontà di non metterle in discussione, imposizioni) che questa mattina sono state illustrate dal segretario dei “democratici” nel corso delle consultazioni

Cinque punti su cui il Pd non intende retrocedere, cinque proposte (oppure, vista la volontà di non metterle in discussione, imposizioni) che questa mattina sono state illustrate al Presidente dell Repubblica Sergio Mattarella nel corso delle consultazioni. Potrebbero rappresentare, nelle intenzioni del segretario Zingaretti, il ponte in grado di cucire le sorti dei “democratici” a quelle dei pentastellati, e allo stesso tempo il motivo di cesura tra sovranisti e resto del centro-destra. Da questi ultimi è giunta la richiesta di elezioni immediate, dagli altri rimane ferma l’idea di entrare a far parte della nuova compagine saltando il giudizio popolare. Una promessa di fedeltà incondizionata ai diktat europei, quella del fratello del “commissario Montalbano”, che tuttavia si è già scontrata con i primi commenti dell’influente sottosegretario in quota Movimento 5 Stelle Manlio Di Stefano, e dunque il matrimonio potrebbe non essere così scontato. Ma in che modo si possono interpretare i cinque punti finiti sul tavolo di Mattarella? Vediamoli uno per uno.


Appartenenza leale all’Unione europea = L’organismo presieduto da David Sassoli non gode di ottima salute. E, per dargli vigore, la nomina in posti chiave del giornalista caro alla galassia dem o della delfina di Angela Merkel o della teorica dei grillini Ursula Von der Leyen potrebbero non bastare. All’orizzonte si affacciano le ripercussioni della Brexit prevista per ottobre e contestualmente l’elezione di Boris Johnson (che proprio ieri ha dimostrato pugno fermo verso l’atteggiamento ricattatorio della Germania), la perdita di influenza dei partiti democratici che hanno il compito di federare e, non da ultimo, la rinnovata consapevolezza di chi va reclamando l’ovvia sovranità degli Stati, quella che l’Europa vorrebbe negare. Zingaretti e il resto di un Pd altrimenti estinto e impossibilitato a influire politicamente in caso di rispetto della prassi istituzionale, sono allora pronti a servire. Chissà che l’obbedienza non riesca a federare collateralmente, lontani da quanto previsto dalla Costituzione e, soprattutto, lontani dal giudizio degli elettori.


Centralità del parlamento = Era il pallino di Renzi che non ce l’ha fatta da dentro ma conta di riuscirci da fuori. Se il Senato è il secondo attore che permette di bilanciare le logiche politiche nell’ottica del bicameralismo, spostare il focus esclusivamente sul Parlamento significherebbe sì sveltire l’iter legislativo, ma esporsi a gravi pericoli in termini di leggi e di modifiche “porcata”. I dem sono chiamati a portarne a casa molte: da quelle costituzionali che consegnerebbero l’Italia alle mani dei burocrati di Bruxelles a quelle sul cambiamento climatico (punto tre) da quella sull’omofobia (che finirà col legittimare i diktat lgbt) alla cancellazione di quanto fatto dal passato governo, soprattutto in tema di Sicurezza e di gestione dei flussi migratori.


Sviluppo basato sulla sostenibilità ambientale = Qui il linguaggio è quello tipico dei testimonial di Agenda 2030 (non a caso Zingaretti parla con insistenza della “nostra” agenda, laddove il termine d’appartenenza non si riferisce necessariamente al Pd). E’ per chi non lo conoscesse, il piano circolare ordito dall’Onu e dall’Unione europea (che terminerà con la creazione dell’Eurafrica, come da Agenda 2063) per giustificare l’immigrazione di massa con la scusa del cambiamento climatico, per legittimare la crisi provocata dal vagare di nomadi senza sorte né occupazione e per cancellare i generi sessuali e conseguentemente l’ultimo barlume di identità. Un qualcosa, come sempre, mascherato dalle intenzioni migliori, supportato da grafiche accattivanti e basato su propositi “umanitari”. Un disegno che può essere presentato alla luce del sole (non serve più cospirare nelle stanze dei bottoni) e che corre attraverso meeting, seminari, attività legate alla comunicazione. Fa riflettere, da quest’ultimo punto di vista, che il Pd scelga per i suoi raduni, anche quelli più importanti – l’Ergife Palace Hotel a Roma della famiglia Fezia, tanto caro all’euro-sostenitore Ordine dei giornalisti.


Cambio nella gestione dei flussi migratori = Il contesto lo abbiamo dato nel punto precedente. Dal global compact in poi, è nota a tutti la volontà di spostare il baricentro della gestione dei migranti verso Bruxelles. Il motivo, ovvio, è quello di evitare in blocco le resistenze degli Stati a mantenere extra-comunitari anche in caso di scarse possibilità ricettive, laddove le “possibilità” sono prevalentemente quelle – spesso di per sé scarse – di offrire una collocazione lavorativa.


Pieno protagonismo dell’Europa = Qui è riepilogato il senso di tutti i punti precedenti, senza contare che il “protagonismo” non farà altro che relegare i governi legittimi al ruolo di “comparse”.


Svolta delle ricette economiche e sociale, apertura di una stagione di investimenti = Il riferimento è alla manovra licenziata e a quelle che il Pd conta di licenziare se riuscirà la congiura con i pentastellati. E’ in sede di bilancio che si fissano parametri che i “democratici” contano di far aderire come scotch ai dettami di Bce ed eurozona. La “stagione di investimenti”, poi, non è chiaro se sarà eventualmente per l’Italia o per chi nell’Italia depressa verrebbe a fare razzie, come quelle compiute dai tedeschi nei riguardi dei greci rovinati dall’austerità e dalla Troika (con il placet dell’Ue che intanto aiutava l’Africa che sta ormai al fresco, almeno economicamente). Verrebbe da optare per la seconda ipotesi, visto che l’Italia e gli italiani da Zingaretti e dagli altri non vengono mai nominati, salvo per frasi fatte che appaiono tutt’altro che spontanee e convincenti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.