Il ruolo dell’Italia nella nuova commissione Agri

di Herbert Dorfmann – coordinatore PPE commissione Agricoltura

Sono onorato del sostegno ricevuto dal mio gruppo politico e mi rallegro che il collega Paolo De Castro sia stato indicato dal gruppo S&D nella stessa funzione. Questo consentirà all’Italia di svolgere un ruolo chiave nella nuova Commissione Agri. Dobbiamo dare agli agricoltori e ai cittadini europei una nuova Politica agricola comune all’altezza delle sfide che l’Unione ha davanti a sé. Produzione di qualità, promozione degli standard europei al di là delle nostre frontiere, valorizzazione e tutela del territorio, e, soprattutto, un occhio particolare a chi vive del mestiere agricolo, a quelle aziende a conduzione familiare che sono il cuore pulsante dell’Europa rurale, soprattutto per quanto riguarda le zone svantaggiate, come quelle di montagna: queste saranno le mie priorità in quanto coordinatore”, così Herbert Dorfmann subito dopo la nomina.


Per essere competitiva la nostra agricoltura dovrà investire sempre di più su qualità e innovazione – continua l’europarlamentare popolare – Potenti novità promettono di cambiare il volto del settore nel prossimo decennio. Queste offrono opportunità che l’Unione è intenzionata a cogliere, anche attraverso nuove linee di finanziamento. Per sfruttare appieno il potenziale delle nuove tecnologie, però, l’Europa non dovrà lasciare indietro nessuno. Solo così essa riuscirà a rinnovare la sua promessa di pace e benessere per tutti. Quello di coordinatore del primo gruppo politico in Parlamento europeo è un ruolo chiave all’interno degli equilibri dell’Eurocamera: Dorfmann sarà di fatto il leader politico del gruppo dei popolari in materia di questioni agricole. Coordinerà il punto di vista del suo gruppo sui temi all’esame della commissione e, insieme al presidente e ai vicepresidenti, organizzerà il lavoro della commissione.


Tags:

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.