Diecimila euro al mese, ma Raggi non pagava le quote al suo ordine professionale

Il sindaco di Roma e i mancati versamenti documentati da una mail di marzo 2018. La fuga di notizie o opera del team di attivisti italiani di Anonymous

Il rispetto delle regole che vale solo per gli altri. E’ facile pensare questo leggendo le corrispondenze che avvenivano tra Virginia Raggi e l’Ordine degli avvocati, di cui il sindaco pentastellato fa parte. In queste e in particolare in una missiva del 16 marzo 2018 l’organismo lamentava il mancato pagamento di diverse annualità, e per questo sollecitava il sindaco a saldare il pregresso dovuto.


Lo stipendio che si aggira sui 120mila euro annui. Nessuna cifra stratosferica: 145 euro per anno che, tuttavia, non venivano onorati dall’amministratore che – stando ai dati diramati lo scorso trenta aprile da Money – percepisce quasi 10mila euro al mese. Facili calcoli alla mano, fanno quasi 120mila euro all’anno. Il corrispettivo deriva dai circa 8mila euro previsti per i primi cittadini di Comuni che superano i 500mila abitanti (come nel caso di Roma) e da un insieme di rimborsi che fanno lievitare il percepito a 9.762 euro al mese, confermati dal segretario dell’Aduc Primo Mastrantoni.


La fuga di notizie a opera del team di attivisti Anonymous. Le informazioni giungono da Anonymous Italia, che con l’operazione resa nota ieri ha inteso informare i “cittadini italiani” sulle operazioni che riguardano 30mila legali del Tribunale di Roma, Raggi compresa. La data è stata scelta per protestare contro due arresti ai danni del team compiuti a maggio 2015. “Non avete capito che Anonymous non ha leader – scrivono gli attivisti – arrestati 2 altri 100 ne nascono. Abbiamo continuato la nostra lotta, e nonostante gli arresti noi non ci arrendiamo. Voi avvocati siete parte della giustizia che difende i ricchi e condanna i poveri. Vi lasciamo un assaggio frutto delle nostre armi, cosicché possiate capire che nessuno è invulnerabile a questo mondo.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.