Annunci

Se la propaganda passa anche dai cartoni animati

Cosa c’è di meglio di un cartone per convincere e piegare le giovani menti, insinuandovi concetti che potranno tornare utili? L’iniziativa di Rec News volta alla tutela dei più piccoli. Ecco come partecipare

Cosa c’è di meglio di un cartone animato per convincere e piegare le giovani menti, insinuandovi concetti che potranno tornare utili? “Convincere un bambino di qualcosa non è difficile”, ci disse nel corso di un’intervista Silvana De Mari, dottoressa specializzata in Psicologia cognitiva. E proprio i contenuti rivolti ai bambini sembrano essere sempre più pensati per far passare idee più che per trattenere, più indirizzati a cancellare l’idea di innocenza che a preservarla.


E allora diventa tutto un “fiorire” di bimbe truccate come donne e sempre più svestite, di cartoni animati o film di animazione che riprendono concetti davvero inadatti per bambini e ragazzini, di serie tv più consone agli adolescenti che ai piccoli. Un quadro preoccupante, che ci ha motivato a creare l’Osservatorio Minori e Tv. Un presidio permanente che va nella direzione della tutela dei più piccoli, composto da quattro sezioni: “propaganda lgbt”, “serie tv”, “pubblicità” e “animazione”.


Partecipare è semplice: basta inviare le proprie segnalazioni specificando il nome del contenuto, il canale o piattaforma su cui va in onda e, se possibile, il numero o i numeri delle puntate. Ovviamente, sarà necessario riportare le frasi ritenute ambigue, oppure i contesti per mezzo di una piccola descrizione. Se desiderate potrà essere pubblicato anche il vostro nome oppure potrete, di contro, rimanere anonimi.


Leggi anche: “I temi che ci stanno a cuore” – sezione Diventa un autore


Annunci

Annunci

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.