Sbarco a Malta e subito arresti. Perché lì si e qui no?

La Valletta reagisce al dirottamento con cellulari della polizia, agenti armati e manette. Per i migranti che arrivano in Italia, dove i reati non vengono contrastati ma incoraggiati, invece solo sorrisi

Foto La Presse. Sarà ma, da italiani, fa un certo effetto vedere come i maltesi reagiscono agli sbarchi che pur raramente concedono. E per far vedere un natante approdato a La Valletta ci è voluto quello che fino a questo momento è considerato un dirottamento. Che, lo si nota dai video, non è stato accolto con il tipico italian style. Quest’ultimo prevede, da copione, somministrazioni di ipocrisia a mezzo stampa o endovene via etere e, a sbarco avvenuto, codazzi di cortei di migrazionisti rigorosamente a favore della clandestinità, soccorsi per i già allegri “malcapitati”, sorrisi.


A Malta ai denti (sempre ipocritamente) in mostra hanno preferito militari che imbracciano mitra giunti a bordo, agenti che vanno a prendere quelli che non saranno ospiti, cellulari della polizia. Cinque arresti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, poi, è un bilancio che in Italia si può raggiungere forse in mesi.


Eppure i pericoli (anche quelli legati ai piani di terrorismo che stanno venendo a galla) ci sono, esistono, e sono concreti. Difendere le proprie coste con gli uomini che badano alla sicurezza di uno Stato, non è reato. Reato è, invece, invaderlo, quello Stato, e minacciarne l’equilibrio con l’immigrazione massiva e con una criminalità sempre più radicata, come se già non ci bastasse la nostra. Se Salvini “copiasse” un po’ del savoir faire maltese il problema dell’immigrazione massiva – con un modo di fare eloquente – non si risolverebbe molto più facilmente?


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.