Chi si ostina a difendere Mimmo Lucano e perché?

L’ex sindaco di Riace coinvolto nel maxi-processo che ha trenta imputati, ventuno legali e due parti lese “eccellenti”, un ministero e una prefettura. Ma per i media asserviti e le loro sviste clamorose, tutto regolare

Per Mimmo Lucano è stato chiesto il rinvio a giudizio, e su questo è facile convenire. Si sono affrettati a strillarlo a partire da questa mattina i media commerciali, in una concordanza e comunanza da far invidia a un coro di voci bianche. Tutto ha collimato, dai titoli ai contenuti, che hanno toccato vette di omissione fino a prima inimmaginabili. Messa da parte la realtà, il sito fondato da un direttorone televisivo che non menzioneremo in rispetto al vero giornalismo, ha per esempio dimenticato tutti i reati a carico di Mimmo Lucano per concentrarsi su una lode del modello Riace e della presunta integrazione e crescita economica che avrebbe comportato. E’ un “centro del Reggino”, ha scritto chi Riace, piccolissimo borgo, forse non l’ha visto neppure in cartolina. Ma questi sono i fact-checker, quelli che i “fact” li piegano, oppure li inventano per poi smentirli. Un’altro sito che si pregia di fare informazione senza tuttavia sfiorarla mai, ha scritto convinto che “Lucano rischia il processo”: segno che quelli come l’ex sindaco di Riace, nel sentire di chi ha scritto, alle udienze non dovrebbero sottostare nemmeno quando sono state comunicate e decise nei minimi particolari.


Annunci

In che modo, insomma, andavano presentati i documenti, in quali termini avrebbe dovuto esprimersi il Cancelliere Maria Grazia Riganello per convincere i “giornalisti” che Mimmo Lucano è coinvolto in un procedimento penale, è imputato e non più indagato e, sì, è rinviato a giudizio e quindi quasi nessuno, da chi lo ha difeso a spada tratta a chi ha parlato di modello, ci ha visto giusto? Rispetto a clamorose omissioni non sarebbe stato più indicato un passo indietro o di lato, un mea culpa fatto in punta di piedi che rivedesse le castronerie precedentemente e tuttora scritte, tanto che c’è chi si ostina a buttarla sul favoreggiamento dell’immigrazione clandestina quando il quadro di reati è ormai diverso oltre che ben più complesso? Macché. Lucano è stato rinviato a giudizio e Lemlem non ha più l’obbligo di firma. Basti sapere questo a quello che con spregio crescente viene chiamato “popolino”, la cui intelligenza viene costantemente insultata con articoli, se così possiamo definirli, come quelli appena citati. E riposino in pace, mai consultate, le 26 pagine dell’Avviso di fissazione di udienza del Tribunale di Locri.


Annunci

Ma perché Mimmo Lucano viene difeso ostinatamente e in spregio verso quello che tale presa di posizione comporta da uno stuolo di giornalisti, comunicatori, giuristi, personalità varie disposti a negare l’evidenza contestualmente a tutte le iniziative giudiziarie? A quest’ultime contrappongono le loro, e quindi anche stavolta non tarderà ad arrivare un premio, una cittadinanza onoraria, un sermone scolastico o universitario, una tappa del tour di lucaniana memoria, un’uscita a effetto di un qualche rinomato supporter, da saviano a Sgarbi, da Sansonetti a qualche don che ha messo da parte la cristianità per difendere non più i poveri o gli sfruttati e nemmeno i truffati, i raggirati o i minacciati da Lucano, ma gli imputati di un procedimento penale. E poi, perché? Se lo domandi la Giustizia che, forse, nel fiume di documenti prodotti che sommati sfiorano le tremila pagine, non ha tenuto debitamente conto di un sistema collaterale che agisce nell’ombra, legittimato e legittimante di quanto difende con le unghie e con i denti, e per interessi personali, squisitamente propri, oltre che di terzi.


Annunci

Forse, andando ancora più a fondo e concentrandosi su una rete intricata di rapporti che non tocca solo Riace e i riacesi ma rimbalza dalla capitale alle principali città italiane, si spinge all’estero e ritorna, entra nelle redazioni, anche in quelle più (apparentemente) presentabili, si scoprirebbero tante cose. Appurate le quali sarebbe bello capire per quale motivo (tornaconto economico? Semplice sostegno?) organi di informazione, associazioni, presunti semplici cittadini si siano affrettati a gridare alle congiura e persino a prodursi in raccolte fondi che, adesso che si è passati al penale, possiamo dire con quasi assoluta certezza potessero essere parte della truffa. Oppure andavano inconsapevolmente ad alimentare il Sistema Riace senza che loro, i protagonisti dei gesti di buon cuore 😉 , ne fossero consapevoli. Difenderanno ancora Lucano sapendo che il loro mito è imputato di sei reati che non sono esattamente una passeggiata? In caso affermativo, domandarsi per quale (reale) motivo, sarebbe il minimo.


Annunci

Annunci

Commenta

error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.