Euro, è l’Italia ad averci perso di più

Lo studio del Cep, il Centro per le politiche europee: “In nessun altro Paese la moneta unica ha causato una così grande perdita di prosperità”

L’Italia è il Paese che in venti anni si è fatto terra bruciata intorno dall’introduzione della moneta unica. Lo dice uno studio del Cep, il Centro per le politiche europee, che chiarisce quali paesi abbiano tratto vantaggio dalle politiche dell’Eurozona e chi, al contrario, sia rimasto fanalino di coda perdendoci anziché guadagnandoci.


Trend positivo è considerato quello dell’Alemagna e dei Paesi Bassi. La prima conta su un impatto (medio) positivo per abitante di 23.116 euro, i secondi di 21.003 euro. La Grecia per il report è ferma a un +190 euro. Un dato abbastanza “formale”, considerato l’impatto reale delle politiche di austerity.


Annunci

L’Italia invece, letteralmente, arranca. Scrive il Cep: “Dall’introduzione dell’euro, le perdite sono ammontate a 4.300 miliardi di euro, pari a 73.605 euro per abitante. Ciò è dovuto al fatto che il Pil pro capite Dell’Italia è stagnato dall’introduzione dell’euro”.


Studio Cep dall’introduzione dell’euro a oggi, i grafici che si riferiscono all’Italia



Annunci

Annunci
Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.