Mise-Istat, com’è cambiato il lavoro in circa dieci anni

Al rapporto hanno collaborato anche Inps, Inail e Anpal. Buona la ripresa per l’anno in corso, ma la “quantità” di lavoro utilizzata rimane bassa

(Askanews) – Anche l’anno scorso è proseguita la ripresa occupazionale ma continua ad essere a bassa intensità lavorativa. Infatti nella media del 2018 il numero di occupati supera il livello del 2008 di circa 125 mila unità e il tasso di occupazione sfiora il record di 58,5%. Tuttavia se il numero di persone occupate recupera il livello del 2008, la quantità di lavoro utilizzato è ancora inferiore.



Nella media dei primi tre trimestri del 2018 rispetto ai corrispondenti del 2008, il Pil è del 3,8% al di sotto del livello pre-crisi e le ore lavorate del 5,1%. Per colmare il gap mancano ancora poco meno di 1,8 milioni di ore e oltre un milione di Unità di lavoro a tempo pieno (Ula). E’ quanto emerge dal rapporto realizzato da Ministero del lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal.



Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.